sembrano usciti dal libro (per Ida Travi)

torino xx 2 +cor

Enzo Campi

 
la distesa è neve pettinata di fresco. e il circolo di
pietre slavate non riesce a tatuare il tappeto ove
consegnare gli arbusti al loro destino di fuoco.
nebbie, ad oltranza, penetrano nella stanza del riposo.
è fluido il libro, disteso, allettato come nel senso dell’altare
o dell’ara sacrificale. dalla finestra aperta stagna, al rovescio,
sui simulacri di legno l’illusione dell’oblio. ma c’è rumore di
fondo, che sale al soffitto “come cinque dita sul tronco
come trenta mani sul ramo / come la falce in casa
lasciata dietro la porta”[1]. e come filtra la luce, guarda,
filtra in strali, tra i vapori che sciolgono la condensa e
sfidano la trasparenza. sembrano usciti dal libro, e allora la
finestra è il punto di fuga ove immolarsi al buio della
disconoscenza, disse. ma non credeva nel disastro. e il colpo
d’ascia non provocava sussulti, l’erba continuava a bruciare
all’interno del cerchio di pietre di fiume. è un incendio pensò.
e gettò il libro dal punto di fuga recitando a memoria qualche
passo espunto dalle sole pagine dispari, perché gli impari, si sa,
sono i soli depositari del segreto a cui tendere la mano.

[1] (Ida Travi, , Moretti & Vitali, 2011)

Annunci

3 pensieri riguardo “sembrano usciti dal libro (per Ida Travi)”

  1. Sì, sono parole giuste. Le parole giuste portano alla gratitudine. Ha visto bene Enzo Campi : sembrano usciti dal libro. E certo, per uscire dal libro bisogna che il libro ci sia. Ma chi scrive poesia lo sa, Enzo Campi lo sa : a un certo punto bisogna allontanarsi. In questo gli abitanti di TÁ mi somigliano, per me è sempre stato così : poesia è tanto l’atto di mettersi a scrivere, quanto quello di alzarsi e lasciare la pagina. Quotidiane, antiche forme di libertà, determinanti per la nostra vita. (Ida Travi per Enzo Campi)

  2. L’ha ribloggato su Il proteo e la balenae ha commentato:
    “e come filtra la luce, guarda,
    filtra in strali, tra i vapori che sciolgono la condensa e
    sfidano la trasparenza. sembrano usciti dal libro, e allora la
    finestra è il punto di fuga ove immolarsi al buio della
    disconoscenza, disse. ma non credeva nel disastro. e il colpo
    d’ascia non provocava sussulti, l’erba continuava a bruciare
    all’interno del cerchio di pietre di fiume. è un incendio pensò.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.