Ipostasi del ritiro (I)

Edward Hopper People in the sun, 1960
Edward Hopper
People in the sun, 1960

Antonio Scavone

Rinunce, abbandoni, esilii

     L’ultima a dichiarare la “dismissione” dalla sua attività letteraria, poco prima di morire, è stata la scrittrice sudafricana Nadine Gordimer, Premio Nobel 1991: prima di lei Philip Roth e molti altri scrittori avevano fatto sapere di aver chiuso con la letteratura. Una notizia come questa può sconcertare taluni, incuriosire altri ma di solito passa inosservata.
     Si rinuncia a scrivere per infinite ragioni o per molteplici cause: l’invalidità e la sofferenza provocate da una malattia debilitante o terminale, una sopraggiunta crisi ideativa, quella sensazione di molestia e di estraneità procurata dall’ambiente letterario (povero o impoverito dalla supponenza), dal contesto socio-politico (immobile o involutivo), dalla sfiducia per le controversie stucchevoli e degradanti del costume, del pensiero, persino della joie de vivre. Continua a leggere Ipostasi del ritiro (I)

Annunci