Fiorita come la lussuria

Joyce Mansour

Joyce Mansour

“Secondo Arthur Rimbaud – uno dei numi tutelari del surrealismo –, la “donna poeta”, liberata dalle costrizioni sociali, avrebbe trovato “cose strane, insondabili, ripugnanti, deliziose”. Ebbene, con la poesia di Joyce Mansour, tale premonizione ha trovato certamente una delle sue realizzazioni più belle, imperiose ed emozionanti.”

Testi tratti da:
Joyce Mansour
Fiorita come la lussuria
Cura, traduzione e introduzione di Carmine Mangone
Torino, Nautilus Autoproduzioni, 2012

Joyce Mansour

da: Grida
(Cris, 1953)

Ne mangez pas les enfants des autres
Car leur chair pourrirait dans vos bouches bien garnies
Ne mangez pas les fleurs rouges de l’été
Car leur sève est le sang des enfants crucifiés
Ne mangez pas le pain noir des pauvres
Car il est fécondé par leurs larmes acides
Et prendrait racine dans vos corps allongés
Ne mangez pas afin que vos corps se flétrissent et meurent
Créant sur la terre en deuil
L’automne

Non mangiate i bambini degli altri
Perché la loro carne marcirebbe nelle vostre bocche ben fornite.
Non mangiate i fiori rossi dell’estate
Perché la loro linfa è il sangue dei bambini crocifissi.
Non mangiate il pane nero dei poveri
Perché è fecondato dalle loro lacrime acide
E metterebbe radici nei vostri corpi allungati.
Non mangiate affinché i vostri corpi avvizziscano e muoiano
Creando sulla terra in lutto
L’Autunno.

*

Les machinations aveugles de tes mains
Sur mes seins frissonnants
Les mouvements lents de ta langue paralysée
Dans mes oreilles pathétiques
Toute ma beauté noyée dans tes yeux sans prunelles
La mort dans ton ventre qui mange ma cervelle
Tout ceci fait de moi une étrange demoiselle.

Le cieche macchinazioni delle tue mani
Sui miei seni frementi
I lenti movimenti della tua lingua paralizzata
Nelle mie orecchie patetiche
Tutta la mia bellezza annegata nei tuoi occhi senza pupille
La morte nel tuo ventre che si nutre del mio cervello
Tutto questo fa di me una strana signorina.

*

Je veux me montrer nue à tes yeux chantants.
Je veux que tu me voies criant de plaisir.
Que mes membres pliés sous un poids trop lourd
Te poussent à des actes impies.
Que les cheveux lisses de ma tête offerte
S’accrochent à tes ongles courbés de fureur.
Que tu te tiennes debout aveugle et croyant
Regardant de haut mon corps déplumé.

Voglio mostrarmi nuda ai tuoi occhi cantanti.
Voglio che tu mi veda gridare dal piacere.
Che le mie membra piegate sotto un peso troppo greve
Ti spingano ad atti empi.
Che i capelli lisci della mia testa offerta
S’impiglino alle tue unghie incurvate dal furore.
Che tu rimanga in piedi cieco e credente
Guardando dall’alto il mio corpo spiumato.

da: Lacerazioni
(Déchirures, 1955)

Invitez-moi à passer la nuit dans votre bouche
Racontez-moi la jeunesse des rivières
Pressez ma langue contre votre œil de verre
Donnez-moi votre jambe comme nourrice
Et puis dormons frère de mon frère
Car nos baisers meurent plus vite que la nuit.

Invitami a trascorrere la notte nella tua bocca
Raccontami la giovinezza dei fiumi
Premi la mia lingua contro il tuo occhio di vetro
Dammi a balia la tua gamba
E poi dormiamo, fratello mio,
Perché i nostri baci muoiono più veloci della notte.

*

Il y a du sang sur le jaune d’œuf
Il y a de l’eau sur la plaie de la lune
Il y a du sperme sur le pistil de la rose
Il y a un dieu dans l’église
qui chante et qui s’ennuie.

C’è del sangue sul giallo d’uovo
C’è dell’acqua sulla piaga della luna
C’è dello sperma sul pistillo della rosa
C’è un dio in chiesa
Che canta e s’annoia.

*

Il n’y a pas des mots
Seulement des poils
Dans le monde sans verdure
Où mes seins sont rois.
Il n’y a pas de gestes
Seulement ma peau
Et le fourmis qui grouillent entre mes jambes onctueuses
Portent les masques du silence en travaillant.
Viens la nuit et ton extase
Et mon corps profond ce poulpe sans pensée
Avale ton sexe agité
Pendant sa naissance.

Non ci sono parole
Soltanto peli
Nel mondo senza verzura
Dove i miei seni sono re.
Non ci sono gesti
Soltanto la mia pelle
E le formiche che brulicano tra le mie gambe untuose
Portano le maschere del silenzio lavorando.
Viene la notte e la tua estasi
E il mio corpo profondo questo polipo senza pensiero
Ingoia il tuo sesso agitato
Durante la sua nascita.

da: Rapaci
(Rapaces, 1960)

Je ne connais pas l’enfer
Mais mon corps brûle depuis ma naissance
Aucun diable n’attise ma haine
Aucun satyre ne me poursuit
Mais le verbe se transforme en vermine entre mes lèvres
Et mon pubis trop sensible à la pluie
Immobile comme un mollusque flatulent de musique
Se cramponne au téléphone
Et pleure
Malgré moi ma charogne fanatise avec ton vieux sexe débusqué
Qui dort

Io non conosco l’inferno
Ma il mio corpo brucia dalla nascita
Nessun diavolo attizza il mio odio
Nessun satiro m’insegue
Ma il verbo si trasforma in vermi tra le mie labbra
E il mio pube troppo sensibile alla pioggia
Immobile come un mollusco flatulento di musica
S’aggrappa al telefono
E piange
La mia carogna fanatizza mio malgrado il tuo vecchio sesso stanato
Che dorme

*

J’écrirai avec deux mains
Le jour que je me tairai.
J’avancerai les genoux raides
La poitrine pleine de seins
Malade de silence rentré.
Je crierai à plein ventre
Le jour que je mourrai
Pour ne pas me renverser quand tes mains me devineront
Nue dans la terre brûlante.
Je m’étranglerai à deux mains
Quand ton ombre me léchera
Écartelée dans ma tombe où brillent des champignons.
Je me prendrai à deux mains
Pour ne pas m’égoutter dans le silence de la grotte.
Pour ne pas être esclave de mon amour démesuré,
Et mon âme s’apaisera
Nue dans mon corps plaisant.

Scriverò con due mani
Il giorno che tacerò
Spingerò in avanti le ginocchia rigide
Il petto pieno di seni
Malata di silenzio represso
Urlerò a pancia piena
Il giorno che morirò
Per non rovesciarmi quando le tue mani m’indovineranno
Nuda nella terra bruciante
Mi strangolerò a due mani
Quando la tua ombra mi leccherà
Squartata nella mia tomba dove brillano funghi
Mi prenderò a due mani
Per non sgocciolarmi nel silenzio della grotta
Per non essere schiava del mio amore smisurato
E la mia anima si placherà
Nuda nel mio corpo che piace

da: Quadrato bianco
(Carré blanc, 1965)

Fleurie comme la luxure

Tu dis que les femmes
Doivent souffrir se polir et voyager sans perdre haleine
Réveiller les pierreries embellies par le fard
Chanter ou se taire déchirer la brume
Hélas je ne saurais danser dans un marais de sang
Ta figure brille de l’autre côté de la rive heureuse
Tout ce qui est vivant pourrit

Tu dis que les femmes
Doivent savoir se dépouiller de tout même
Du nourrisson encore rétif
A l’amour
Ta figure bleuit à mesure que ta fortune grandit
Et moi je veux mourir vautrée dans la sauge
Orgueilleusement mauvaise dans l’immobilité de l’exil

Tu dis que les femmes
Doivent se détruire pour ne pas enfanter
Et attendre attendre la solide volupté qui serpente
Hélas je n’aime pas faire l’amour sur le tapis
Belzébuth roucoule dans la gorge des pigeons
Ta bague brûle ma cuisse
L’émeraude est la virginité
Du riche

Tu dis que les femmes
Sont faites pour nourrir
La fumée repentante qui halète à l’église
Les truies pâles et pleines piquées de soies souillées
Les têtes coupées aussi et pourquoi pas après tout
Etonnantes nuits du pôle aux silences sanguinaires
Je crois que maintenant je peux te laisser partir

Tes jambes volent haut dans la sacristie
Claquant
Des genoux
Comme autant de prédicateurs
Je suis bien contente d’avoir un chapeau sur la tête
Même si ton urine contient toute la féerie du mariage
Tu dis que les femmes sont chanoines du délire
Hélas moi je ne savoure que la mort

Fiorita come la lussuria

Tu dici che le donne
Devono soffrire ingentilirsi e viaggiare senza riprendere fiato
Risvegliare le pietre preziose abbellite dal fard
Cantare o tacere fendere la bruma
Ahimè io non potrei danzare in una palude di sangue
La tua figura brilla dall’altro lato dalla riva felice
Tutto ciò che è vivo marcisce

Tu dici che le donne
Devono sapersi spogliare di ogni bene
Del bambino ancora riluttante
All’amore
La tua figura illividisce man mano che la tua fortuna aumenta
Ed io voglio morire avvoltolata nella salvia
Orgogliosamente perfida nell’immobilità dell’esilio

Tu dici che le donne
Devono distruggersi per non partorire
E attendere attendere la solida voluttà che serpeggia
Ahimè a me non piace fare l’amore sul tappeto
Belzebù tuba nella gola dei piccioni
Il tuo anello brucia la mia coscia
Lo smeraldo è la verginità
Del ricco

Tu dici che le donne
Sono fatte per nutrire
Il fumo penitente che ansima in chiesa
Le troie pallide e gonfie lumeggiate di seta sporca
Teste tagliate anche e perché no dopo tutto
Straordinarie notti polari dai silenzi sanguinari
Io credo che ora posso lasciarti andare

Le tue gambe volano alte nella sacrestia
Battendo
Le ginocchia
Come tanti predicatori
Io sono ben contenta d’avere un cappello in testa
Anche se la tua orina contiene tutta la festa di nozze
Tu dici che le donne sono le canoniche del delirio
Ahimè io assaporo solo la morte

da: Immobili fiamme
(Flammes immobiles, 1985)

Brûler de l’encens dans la quiétude d’une chambre
Loin derrière les récifs d’une journée climatique

Suivre de longues queues de noir vêtues
Dans les cimetières où dorment les années révolues

Pleurer des morts qui fleurissent comme jambons de Parme

Creuser des rides dans les champs

Crever l’oeil stagnant de la nuit

Embrasser le pied d’un pape alpiniste
Ou laper l’huile qui suinte des idoles endolories
Par trop de caresses

Tout cela me fatigue
M’exaspère

Rien ne vaut une bonne dose de rage
Pour partir
Car le pied crée le chemin use le roc
Et renverse le totem qui titube
Dans la peur tropicale des églises

Il faut noyer le coq à sa naissance
Empêcher les aveugles de mener le train

Les prairies de la mort papillonnasses de papiers gras
Bordent nos songes de leurs hauts cris
Raison de plus pour en rire

Bruciare incenso nella quiete di una stanza
Lontano dietro gli scogli di una giornata caotica

Seguire lunghe code di nerovestiti
Nei cimiteri dove dormono gli anni andati

Piangere i morti che fioriscono come prosciutti di Parma

Scavare buche nei campi

Cavare l’occhio stagnante della notte

Abbracciare il piede di un papa alpinista
O lappare l’olio che trasuda dagli idoli dolenti
Per le troppe carezze

Tutto questo mi affatica
Mi esaspera

Niente vale una buona dose di rabbia
Per partire
Perché il piede crea il cammino consuma la roccia
E rovescia il totem che vacilla
Nella paura tropicale delle chiese

Bisogna affogare il gallo alla nascita
Impedire ai ciechi di condurre il treno

I prati della morte dove svolazza la carta straccia
Costeggiano i nostri sogni con le loro alte grida
Ragione in più per riderne

***

Poesia: sostantivo femminile?

Pur dando semplicemente una scorsa ai titoli più importanti del surrealismo storico (1924-1969), ci si rende subito conto di quanto l’amore, insieme a poesia e rivoluzione, abbia rappresentato per Breton e compagni una sorta di elemento “trinitario” imprescindibile[1].
Tuttavia, se la ricerca zelante dell’amore tra le brutture della vita quotidiana costituisce un’incessante e mirabile tensione nell’attività dei surrealisti, esistono nondimeno dei buchi neri – relativi in particolare al ruolo della donna e delle diversità sessuali – che offuscano alquanto la satinata prosopopea amorosa del gruppo.
E in effetti, nella prassi del surrealismo, la donna finisce talvolta per rivelarsi un mero complemento ispiratore dell’artista: una sorta di objet trouvé da collocare sull’altare di un patetico culto del femminino, quando non addirittura una presenza mitica o stregonica da raffinare nell’athanor del proprio ego letterario.
In altre parole, non ci si distacca poi molto dallo schema dicotomico tipicamente giudaico-cristiano della donna vista o come vergine-madre, o come figura perturbante e demoniaca[2]. La donna, anche per i surrealisti, sembra un essere dotato di una propria identità solo di riflesso.
Se poi si passa alla questione “omosessualità”, allora il violento ostracismo di molti surrealisti, tra i quali spicca lo stesso Breton, è addirittura indifendibile. Per alcuni di loro, la questione di una relazione amorosa tra individui dello stesso sesso non è neanche da porsi, perché finirebbe – ed è sin troppo chiaro – per inquinare la visione romantica e sostanzialmente convenzionale del rapporto tra uomo e donna su cui si fonda gran parte dell’armamentario surrealista[3].
All’interno del quadro sommariamente delineato, ci sono beninteso alcune fulgide eccezioni, e tra queste bisogna annoverare certamente la poetessa Joyce Mansour, che rappresenta, se così si può dire, il versante protofemminista (e bisessuale) del surrealismo.
Joyce Patricia Ades – questo il suo nome da “signorina” – era nata a Bowden, in Inghilterra, nel 1928. I suoi genitori risiedevano però abitualmente al Cairo, dove la famiglia Ades faceva parte da diverse generazioni della numerosa colonia britannica. Dopo gli studi secondari svolti in Svizzera e Inghilterra, Joyce rientra quindi in Egitto. Nel 1947, primo tragico matrimonio: suo marito, colpito da un male incurabile, muore dopo appena sei mesi. Nel ‘49, si risposa con Samir Mansour della comunità francese. La nuova coppia comincia allora a spostarsi tra Parigi e Il Cairo, e Joyce s’inizia alla cultura francese assimilandone la lingua. Nel ‘53 pubblica a Parigi la sua prima raccolta di poesie, Cris, attirando da subito l’attenzione dei surrealisti. Sarà l’inizio di una parabola creativa che si esaurirà soltanto nel 1986, allorquando la scrittrice angloegiziana muore per un tumore al seno.
Per dare un’idea del personaggio, riportiamo qui di seguito una testimonianza di Claude Courtot (membro del gruppo surrealista nel 1964-69): «Avevo fatto la conoscenza di Joyce e di Breton nel 1964. Al caffè La promenade de Venus, lei si sedeva sulla panca in fondo alla sala, sotto il grande specchio, in modo da essere di fronte a Breton (…) chiedeva regolarmente del rum e fumava un sigaro enorme che, per uno strano contrasto, rendeva ancora più femminili i tratti del suo viso di bambola bruna dagli occhi attraenti come pozzi. (…) Rileggo non senza emozione questo breve annuncio apparso su France-soir del 15-16 ottobre 1967: “Cerco sogni da collezionare. Scrivere a Joyce Mansour, 1 avenue du Maréchal-Maunory. Parigi 16°.”»[4].
L’opera letteraria della Mansour[5], tuttora pressoché sconosciuta anche in Francia, ridisegna incessantemente una cartografia dell’amore carnale, cercando, allo stesso tempo, di sottrarlo all’utilitarismo e ai buoni sentimenti; il tutto grazie all’espressione di un’energia vitale ricca di humour e di fervido erotismo.
Siamo comunque ben distanti dalle manie ostentate da un Dalí, come pure dall’accanimento lirico-ossessivo di un Bataille (si pensi qui al simbolismo uovo-occhio-testicolo di Histoire de l’œil); tuttavia, anche nella poesia della Mansour è quanto mai preminente la lotta tra Eros e Thanatos, benché si risolva spesso in un’aggressiva ed ironica civetteria, la quale, d’altronde, si sposa magnificamente alle ruvidità, per niente volgari, di una scrittura risoluta e personale. Inoltre, fin dagli esordi, i testi della Mansour mantengono scarsi legami di parentela con la scrittura automatica adottata dagli altri membri del gruppo.
Secondo Arthur Rimbaud – uno dei numi tutelari del surrealismo –, la “donna poeta”, liberata dalle costrizioni sociali, avrebbe trovato “cose strane, insondabili, ripugnanti, deliziose”[6]. Ebbene, con la poesia di Joyce Mansour, tale premonizione ha trovato certamente una delle sue realizzazioni più belle, imperiose ed emozionanti.

(Carmine Mangone, dall’Introduzione)

__________________________
Note

[1] L’Amour fou (1937) di Breton, L’Amour la Poésie (1929) di Eluard, La Liberté ou l’amour (1927) di Desnos, Anthologie de l’amour sublime (1956) di Péret, ecc.; la lista delle opere sarebbe piuttosto lunga e basta d’altronde consultare una qualsiasi bibliografia sul surrealismo per rendersene conto.
[2] Si veda ad es. La Noyau de la comète di Péret, testo che fungeva da prefazione all’Anthologie de l’amour sublime, ora in : Benjamin Péret, Oeuvres complètes, tome 7, Librarie José Corti, Paris, 1995, pp. 253-294.
[3] Cfr. Recherches sur la sexualité, in: “La Révolution Surréaliste”, n. 11, 15 mars 1928, pp. 32-40. Traduz. it. in: Archivio del surrealismo, Ricerche sulla sessualità, ES, Milano, 1991, pp. 33-69. Preme qui rilevare la mancata partecipazione di René Crevel (dalle note “simpatie” omosessuali) alle sedute surrealiste sulla sessualità. Sarà stato un caso? José Pierre non ne è affatto convinto (cfr. ibidem, pp. 20-21), e neanche chi scrive.
[4] Claude Courtot, Les Ménines, le cherche midi éditeur, Paris, 2000, pp. 109-110.
[5] Tutti i suoi testi editi sono stati raccolti (insieme a qualche inedito) in: Joyce Mansour, Prose & Poésie – Oeuvre complète, Actes Sud, Arles, 1991.
[6] Arthur Rimbaud, lettera a Paul Demeny, detta “del veggente”, 15 maggio 1871.
__________________________

Annunci

6 pensieri riguardo “Fiorita come la lussuria”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.