Teach your children, 3

Andrew Colunga, The Man In The Long Black Coat

The man in the long black coat

Crickets are chirpin’, the water is high
There’s a soft cotton dress on the line hangin’ dry
Window wide open, African trees
Bent over backwards from a hurricane breeze
Not a word of goodbye, not even a note
She gone with the man
In the long black coat

Somebody seen him hanging around
At the old dance hall on the outskirts of town
He looked into her eyes when she stopped him to ask
If he wanted to dance, he had a face like a mask
Somebody said from the Bible he’d quote
There was dust on the man
In the long black coat

Preacher was a talkin’, there’s a sermon he gave
He said every man’s conscience is vile and depraved
You cannot depend on it to be your guide
When it’s you who must keep it satisfied
It ain’t easy to swallow, it sticks in the throat
She gave her heart to the man
In the long black coat

There are no mistakes in life some people say
It is true sometimes you can see it that way
But people don’t live or die, people just float
She went with the man
In the long black coat

There’s smoke on the water, it’s been there since June
Tree trunks uprooted, ‘neath the high crescent moon
Feel the pulse and vibration and the rumbling force
Somebody is out there beating a dead horse
She never said nothing, there was nothing she wrote
She gone with the man
In the long black coat

(Testo e musica di Bob Dylan, 1991)

 

L’uomo dal lungo cappotto nero

frinire di grilli acqua alta
una veste di cotone stesa ad asciugare
una finestra spalancata
alberi africani spazzati dall’uragano
non un saluto un biglietto
lei se ne è andata via
con l’uomo dal lungo cappotto nero

l’avevano visto aggirarsi nei sobborghi
nei pressi della vecchia sala da ballo
l’aveva guardata dritto negli occhi
quando lei gli aveva chiesto di ballare
il suo volto somigliava a una maschera
qualcuno disse che citava la bibbia
c’era polvere sull’uomo dal lungo cappotto nero

il predicatore sciorinava il suo sermone
diceva che la coscienza umana è vile e depravata
che non bisogna farsi guidare da lei
quando si è schiavi dei suoi desideri
anche se è veramente difficile da accettare
lei si era innamorata
dell’uomo dal lungo cappotto nero

qualcuno dice che nella vita non ci sono errori
e talvolta si può pure essere d’accordo
ma la gente non vive e non muore
sa soltanto adeguarsi alle occasioni
lei è stata con l’uomo dal lungo cappotto nero

c’è fumo sull’acqua fin dall’estate scorsa
tronchi sradicati nel chiarore lunare
si sente il pulsare di una forza vibrante
mentre qualcuno là fuori sta parlando al vento
lei non ha mai detto nulla niente ha lasciato scritto
se ne è andata via
con l’uomo dal lungo cappotto nero

(Versione poetryzzata e dylaniata
di Roberto Cameriero, per gli amici “Bob“)

 

Bob Dylan

Bob Dylan

 

To bring with you to a desert island

Bob Dylan, Bringing It All  Back Home Bob Dylan, Highway 61 Revisited

Bob Dylan, Blonde on Blonde Bob Dylan, Blood on the Tracks

Bob Dylan, Desire Bob Dylan, Infidels

Bob Dylan, Oh Mercy Bob Dylan, Love and Theft

Bob Dylan, The Bootleg Series, Volumes 1-3 Bob Dylan, Bootleg series, vol. 11

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.