Quatre poseurs de signes

Boni, Maison de Alguima Guindo, fevrier 2008

Quaderni di Traduzioni, XXVII, Luglio-Agosto 2016

Un pensiero su “Quatre poseurs de signes”

  1. “Poseurs de signes” e “bâtisseurs” sono parole-concetti che Yves Bergeret impiega spesso per indicare coloro che non si limitano a fare delle “cose artisticamente belle”, ma che vanno ben oltre, in quanto costoro cercano di realizzare nello stesso gesto (di scrittura o di pittura, di scultura o di danza, di musica) una sintesi-espressione di memoria, tradizione, slancio verso il futuro, affermazione etica, ricerca estetica. L’esperienza con gli artisti-e-contadini-e-pastori di Koyo ha fatto superare a Yves la parcellizzazione del fare artistico tipica dell’Occidente, per cui egli ha esperito quell’unità (qui da noi spesso perduta) in conseguenza della quale fare arte è anche un atto etico e di difesa dell’umano che è in noi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...