1 commento su “Quaderni di RebStein (LXVI)”

  1. Ringrazio con tutto il cuore per avermi fatto conoscere Carlo Livia che. nel mio ignorante isolamento non conoscevo. Ecco un poeta che, senza usare parole astruse o obsolete, senza fingere sperimentazioni, senza ridondanze velleitarie, spalanca universi di senso, spazi spirituali colmi di respiro. Nella sua limpidezza – frutto di una complessa distillazione e di profonda conoscenza – risuona un’eco di simboli e ricchezza di spazi del profondo. Grazie davvero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.