Il giorno 24 dicembre

Massimo Sannelli

Quattro testi
(dicembre 2017)

 

non c’è mai stato l’angelo nuovo nella stanza “del bambino”;
non c’è una lacrimetta per il piccolo:

questo è piano. Ma regge ancora un’altra luce

ed invade la stanza “del bambino” e la pioggia
violenta fa cadere scaglie bianche
del colore e gli anni sono lunghi a questa stanza
“del bambino”.

The End grandissima ha flauto, corde, una
voce, un uomo. L’arte è sterminare lo sterminio.
Tutta la casa ha solo 9 gradi, sempre luce, niente figli.

 

*

 

se è severamente è ad occhi chiusi, dai e dai –
una violenza. Un vaso che si tocca, un premio
come la buona bocca. E non
togliere la vita. E dov’è il figlio? Ma il figlio è già
un tributo; è vostro; è nelle opere. Un dumpster diver
che si atteggia a divo – e lo sarà – non è poco: ma è
povero, sfuggente.

 

*

 

la Pace viene dopo molto
amore morto poi vivo. vuoi lapidare il tuo nemico qui

o te? oppure fuggi te e il nemico e
la piazza delle macchine di Natale. Sono
quasi nel nido, vivo: allora il vino è
chi è gloria al freddo contro l’ansia grossa, la Pace
è questa offesa alla castità.

 

*

 

c’è una cinghia selvaggia
e avvelena la vita
così la testa grida
“voi mi piacete” come l’aria

e questo diario orale segna
l’oltraggio precisamente, il giorno 24 dicembre.

Annunci

1 commento su “Il giorno 24 dicembre”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.