Néglia

Michele Sovente

“Mbrónte sbatte sèmpe ’u stesso
chiuóvo, ’u penziéro
ca ’i ccose, strujènnose, na specie
’i néglia spànneno pe’ ll’aria addó
’i muórte e ’i vive
s’amméscano, tutto chéllo
ca nun ce stò cchiù e chéllo
c’à dda venì.

Che s’annascónne rint’ ’u stipo?
Comme fò ll’acqua
a se carriò appriésso ’a luce
e ll’ombre r’ ’u munno?

’Nzisto ’mbrónte sbatte ’u rummóre
r’ ’i rrammère ca nu viénto
’nzisto sbatte: e tu pe’ dinto
’a stessa néglia vaje
penzanno a tutto chéllo ca nun ce stò cchiù
e a chéllo c’à dda venì.

Anatomie della luce

“Ci minaccia ogni giorno l’incalzante terrore della materia. Come una lumaca stanca esco di casa per poter sentire vischiosa il mio viscidume e la bava che lascio sulla terra. Ho fatto nascere una macchina incontinente, un nuovo desiderio e due braccia per poterlo avvolgere. Ma questi arti che finiscono con uncini non fanno che strozzarmi, incidono sui colli non i profili della collina ma i tagli crudeli degli eccidi mancati.

Le forbici tagliano i monconi finali, ricostruisco le mani con i rami raccolti nel bosco. La tradizione del riflesso nasconde la possibilità di ricominciare: io riscrivo la mia storia, reinvento il mio passato.”

Mariasole Ariot
Anatomie della luce
Torino, Aragno Editore, 2017