Un’altra vita non ce l’ho

Marina Pizzi

Un’altra vita non ce l’ho
E butta siero questo avanzo
Di carne. Nefasto dì il mio
Colloquio con le questure
Delle rondini che sfidano
Il fucile e il fungo velenoso.
Esoso cimelio rattoppare
Queste festicciole da ladri
Giacché i ciottoli sotto le scarpe
Danno l’astio del lusso sopra
L’arazzo di guerrieri sanguigni.
Guerrafondaio l’atrio della dittatura
Acclama la stura di soldati
Dati all’amalgama del fuoco.
L’attore sul palcoscenico piange
La genia del prossimo non intendere.

(Tratto da:
Feritoie ogivali (2017-18)
di imminente pubblicazione in
“Quaderni di RebStein”, LXX, gen. 2018)

1 commento su “Un’altra vita non ce l’ho”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.