La città dolente

Elio Grasso

Nota di lettura a:
Laure Gauthier
La città dolente
Trad. di Gabriella Serrone
Francavilla M., Macabor, 2018

Da Parigi alla situazione poetica italiana è come se la frontiera fosse estesa quanto la Grande Muraglia cinese. Char è distante dai confini attuali, le nuove generazioni non ne hanno coscienza, e si sottraggono a quelle letture non compromesse che dovrebbero sostare sulle loro scrivanie, e far riflettere sulla natura di ciò che oggi sembra avere la spina staccata. D’altronde chi ricorda oggi le avventure parigine di Henry Miller? Non certo coloro che avrebbero il dovere di stare allerta sulla scrittura, se mai gli ultimi ritardatari, frettolosi e attenti soltanto a derive pruriginose. La città dolente è un gioiello metamorfico cavato dalle caverne di Lascaux. È qualcosa che esiste ancor prima degli agglomerati urbani, e che guardava frontalmente le bizzarie naturali di foreste e sottoboschi percorsi da animali e abitanti ignari. Continua a leggere La città dolente

Annunci