Memoria dell’oggi: Ermanno Rea, Renato Caccioppoli

(La sede de “l’Unità” era al quarto piano del maggior palazzo dell’Angiporto Galleria), covo di innocui trasgressivi (…), centro di attrazione dove la sera convergevano, a ondate, scontenti, curiosi, naufraghi bisognosi di una zattera cui aggrapparsi, giovani e meno giovani “promesse”, qualche bella donna, qualche campione del catalogo degli “intelligenti”.
La cui stella più brillante si chiamava senz’ombra di dubbio Renato Caccioppoli, l’estroso professore di analisi matematica, anticonformista fino allo struggimento. Anzi fino allo scandalo.
Le serate finivano per lo più all’osteria. Talvolta finivano a casa di Caccioppoli dove lui e Francesca si mettevano a suonare a quattro mani: pezzi per lo più dannatamente romantici, pezzi che non finivano mai, oppure finivano per congiungersi quasi senza soluzione di continuità ad altri pezzi, obbligando incalliti chiacchieroni ad un silenzio forzato, talvolta insopportabile, tanto che il gruppo si sfoltiva progressivamente, per successive defezioni in punta di piedi (pag. 15 dell’edizione ET Einaudi, 2002).

Di ciò che gli ardeva dentro, del suo “fuoco”, Renato aveva tentato una sorta di compendio iconografico esposto allo sguardo di tutti: aveva piazzato sul proprio scrittoio, in due portaritratti d’argento, il volto di un poeta e quello di un matematico, Rimbaud e Galois, destinati a tenersi diuturna compagnia e a colloquiare tra loro, nonché con lui stesso, nella comune consapevolezza di parlare tutti la medesima lingua, di perseguire tutti, per vie soltanto in apparenza diverse lo stesso scopo: rintracciare lembi di quell’armonia che si nasconde sotto la pesante crosta del caos. “Scava, scava, – spiegava spesso al giovane amico [Renzo Lapiccirella] che lo ascoltava incantato, – alla fine che cosa scopre, al di là dei confini del disordine, colui che ha occhi per vedere? Scopre frammenti di armonia, di perfezione. E ce li regala. Questo fa il genio, si tratti di un matematico, di un musicista o di un poeta” (pagg. 119 – 120).

2 pensieri riguardo “Memoria dell’oggi: Ermanno Rea, Renato Caccioppoli”

  1. Il testo qui richiamato, vergato da E. Rea, resta fondante per chi volesse cercare di comprendere aspetti non notissimi e di Napoli e dell’Italia di quegli anni e/o tempi incredibilmente lontani/vicini (paradosso? Forse) e vorrei segnalare il libro scritto da Francesca Nobili Spada (la Francesca citata nell’articolo a firma di A. Devicienti): ANGIPORTO GALLERIA, a cura di Viola Lapiccirella (Madre dì F. N. Spada), per i tipi della Silvio Zamorani Editore in Torino, che, per certi versi, fa da pendant a “Mistero Napoletano”, testo ritrovato, testo amaro, testo.. e non aggiungerei altro se non un suggerimento di lettura sensibile,
    r.m.

Rispondi a Antonio Devicienti Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.