Memorandum

terezinLa Dimora del Tempo Sospeso non è una vetrina di novità editoriali o una raccolta indifferenziata di inediti quali-che-siano, un sito al quale ci si rivolge per completare il giro di presentazioni della propria mercanzia su tutti i blog e i social (compresi i blog e i social marchetta) della rete. E’ uno spazio che ha sempre tentato di distinguersi per la ricerca e la valorizzazione di scritture di qualità (chiaramente quella che noi riteniamo tale) e di autori fuori dal coro della produzione in serie di frattaglie omologate, in versi e in prosa, che sono ormai il tessuto connettivo profondo dell’attuale panorama letterario, o presunto tale. In buona sostanza, ha una sua linea culturale e politica rigorosa, partigiana, si spera anche urticante, alla quale intende rimanere fedele.Dal mese di aprile, quindi, si ritorna all’antico (cfr. qui): pubblicheremo solo testi su invito: il che significa, molto semplicemente, che cestineremo senza nemmeno leggerlo qualsiasi contributo ci arrivasse per vie diverse da una nostra esplicita richiesta (alla quale, beninteso, si può sempre opporre un rifiuto).

7 pensieri riguardo “Memorandum”

  1. Io non sono un poeta, ho troppo rispetto per definirmi tale e, comunque, non sono abituato a chiedere. Preferisco non esistere affatto, selvatico.

  2. La mia opinione – dopo anni di silenzio su ogni blog (bolg) a causa di una bruttissima esperienza su l’ODP- non importerà a nessuno.

    L’unico rischio è l’isolamento.

    O 1] accade come altrove dove scrivono tutti di tutto e su tutto (ipertrofia del blog rivista internazionale interuniversale) o 2] si rischia il deserto (scarsissimi commenti e rare new entry, anche di valore).

    Rischi davvero che, tra le mille boiate, sfugga qualcosa di talento (magari un giovane). Io non rischierei: un nuovo giovane di talento vale la cancellazione di mille boiate.

  3. Tengo a dire (Francesco Marotta e io abbiamo discusso più volte dell’ argomento) che la Dimora del Tempo sospeso resta coerente con tutto quello che ha fatto e scelto di fare in questi anni; c’è coscienza piena di tutto quello che sono (nel bene e nel male) sia il web che il mondo letterario; la Dimora non ha timore di un eventuale “isolamento” (ci sono, tra l’altro, non pochi spazi degni d’ attenzione e stima: basta scorrere l’elenco a sinistra degli articoli) – non vuole, invece, essere un bazar vanesio e stupido.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.