Scritto 3

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Questo scritto rimanda a sé stesso, ma, subito, esso vuole rompere il cerchio, contrastare l’autoreferenzialità
Questo scritto riflette su sé stesso e si riflette (la direzione è, cioè, doppia: esso riflette nel senso che medita e pondera e pensa intorno al suo nascere, farsi, concludersi – e si riflette nel senso che si rispecchia nel suo stesso costituirsi in testo).
E, subito, si apre per accogliere.
Si pensi alla cifra tipica di Eduardo Chillida: a quella sorta di braccio completato da un arco di circonferenza – arto costruito per prendere con gentilezza, o per accogliere nel golfo dell’arco che lo conclude e che lo proietta verso l’aperto.