Scritto 19

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

C’è l’ossessione del proprio nome, la persecutoria ossessione di voler vedere il proprio nome ripetersi eco della propria eco.
Trionfa la tirannia dell’io, il trascinante impulso a dire, ribadire, riaffermare: io ne avevo già scritto, io ne ho già parlato.
Dilaga il non saper scomparire, non saper eclissarsi dietro l’indubitabile bellezza di un testo altrui.
S’impone il non saper essere, semplicemente, umile lettore di chi, molto meglio, ha saputo invece scrivere e dire.

Occorre apprendere, al contrario, in rigorosa umiltà, l’industrioso silenzio del chiosatore, del copista, dell’amanuense che non firmava le sue glosse, le sue copie.
Nella ciarla pornografica che impera e soverchia voler ritrarsi – e continuare a studiare.
Silenzio raggiunto nell’esercizio della parola che non sia chiacchiera, ma ferita, ma spalancato abisso opposto al levigato maquillage di questo tempo (troppo di frequente) senza pensiero.