Il disegno che dice


C’est moi qui ramifie
la pensée
par les branches de plein vent.

Yves Bergeret

Le Dessin qui dit
Il disegno che dice

 

Tratto da Carnet de la langue-espace.
Disegni di Yacouba Tamboura, 2004
Traduzione di Francesco Marotta

 

[Yacouba Tamboura, così come i posatori di segni di Koyo, è oggi in balìa della peggiore e più sanguinaria violenza, quella del fanatismo dogmatico e degli sgozzamenti. Intanto in Europa, dove stupidità e violenza corrodono le menti offuscate, una malattia sconosciuta consuma i corpi.]

 

1

Valeureux
jeu de cartes
encage le diable
chante face au vide.

Carte du joueur
petit miroir de carton
tire son échafaudage
sur les marées les plus
crasses, les plus acides
de la vie.

 

Una audace
partita a carte
ingabbia il diavolo
canta di fronte al vuoto.

La carta del giocatore
piccolo specchio di cartone
stende la sua impalcatura
sulle maree più
sporche, le più acide
della vita.

 

*

 

2

Sur le sable je crée l’oiseau.
Cou vers la mort.
Enflant son corps.
Dos diamant du chant.
Contre le vide je crée l’oiseau.

 

Sulla sabbia creo l’uccello.
Il collo rivolto alla morte.
Il corpo che si gonfia.
La schiena diamante del canto.
Contro il vuoto creo l’uccello.

 

*

 

3

Deux soleils jumeaux m’escortent.
Entre eux je tends ma voile.

 

Due soli gemelli mi scortano.
Tra loro distendo la mia vela.

 

*

 

4

Ma voix va
par la ville obscure.
La place centrale
à chaque midi bisse ma naissance.

 

Va la mia voce
nel buio della città.
La piazza centrale
ogni mezzogiorno replica la mia nascita.

 

*

 

5

«Descends, m’a dit Virgile;
les débris de terre cuite
se réveilleront sous nos talons».
Les ancêtres redoublent de joie.

 

«Scendi, mi ha detto Virgilio;
i frammenti di terracotta
si rianimeranno sotto i nostri talloni».
La gioia degli antenati si moltiplica.

 

*

 

6

Sortilège qui prit froid.
Bourru poignard.
Moignons de doigts.
Je siffle: tout ce bric à brac
fera oiseau
à cœur d’acier.

 

Un debole sortilegio.
Un rozzo pugnale.
Monconi di dita.
Io soffio: queste cianfrusaglie
saranno un uccello
dal cuore d’acciaio.

 

*

 

7

Illettré suis-je…
Qui me dit illettré?
C’est moi qui ramifie
la pensée
par les branches de plein vent.

 

E io sarei ignorante…
Chi mi dà dell’ignorante?
Sono io che diffondo
il pensiero
attraverso i rami in pieno vento.

2 pensieri riguardo “Il disegno che dice”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.