Microeconomia

pulizie

Hans Magnus Enzensberger
da Panopticon, Einaudi, 2019
traduzione di Palma Severi

Ciò che gli economisti intendono per economia è, nel migliore dei casi, chiaro a loro; sulle loro idee il resto del mondo nutre non pochi dubbi, e quanto alla loro attività, ci si chiede se possa essere considerata di per sé una scienza. Essi infatti dispongono sì di istituti, cattedre e reddito garantito, ma la loro attività ha ben poco a che fare con le modalità con cui la maggior parte della gente, come casalinghe, pensionati o bambini, amministra i propri beni. Gli economisti si occupano preferibilmente di grandi aggregazioni e operano con enormi quantità di dati statistici. La maggior parte di loro è affezionata a un singolare intreccio di teorie che, non si sa bene perché, vengono considerate neoclassiche. A starli a sentire, ci si sente trasportati in un idillico mondo dai contorni fiabeschi. Con stupore si apprende che, pur con qualche oscillazione, il mercato tende sempre e inevitabilmente a un equilibrio. È efficiente, corregge e ottimizza se stesso, e tutti coloro che ne fanno parte si comportano in modo del tutto razionale. Tali supposizioni vengono date semplicemente per scontate, sebbene si tratti di pure ipotesi, non dimostrate quando addirittura non dimostrabili.

Dopo la temporanea fine del comunismo, la teoria neoclassica si è offerta come surrogato dell’utopia perduta. Benché si sia presentata in forme piuttosto inconsistenti, non ha lesinato promesse, né le sono mancati i sostenitori. Verso la fine del XX secolo è stata corredata di elaboratissimi modelli matematici per la gestione del rischio. Quanto agli economisti, non sono arretrati neppure davanti alle previsioni sul futuro, e il fatto che le loro prognosi li abbiano portati a delle gran brutte figure, non li ha mai indotti a dubitare della propria smisurata competenza.

Ciò non significa tuttavia che nella corporazione manchino accaniti scontri tra ali e fazioni, comunque frequenti anche in altre discipline. Da decenni keynesiani e monetaristi lottano per la supremazia. Un analista finanziario non gradirebbe affatto di essere scambiato con un analista fondamentale o con uno studioso di cicli. Negli ultimi tempi alcuni economisti hanno addirittura notato che nella teoria classica le persone compaiono per lo più solo come entità astratte. In questa logica, esse si riducono a un ruolo; sono salariati, oppure consumatori, contraenti di un’assicurazione oppure investitori, azionisti, imprenditori o risparmiatori, e in ognuno di questi ruoli hanno un unico interesse: massimizzare il profitto economico, nient’altro.

Su questo punto, in passato, non pochi classici erano già molto più avanti. L’idea che le decisioni economiche si basino su una rational choice era loro completamente estranea. Nella sua “Favola delle api” del 1714, Mandeville afferma che sono proprio i vizi privati, come l’inganno, il lusso e l’arroganza, a rendere possibile la ricchezza pubblica. E, con toni meno polemici, Adam Smith lo seguì con la famosa immagine della “mano invisibile”, che dovrebbe bilanciare l’insensata condotta individuale e volgerla verso il bene comune.

Di tutto ciò l’imperante dottrina neoclassica non ha voluto sentir parlare. Ma da qualche tempo è insidiata da una nuova tendenza. Su questo punto il behaviourismo economico ha individuato una profonda lacuna. Vorrebbe analizzare il motivo per cui la gente non si comporta così come suppone la maggior parte degli economisti. In effetti detta teoria si è sì allontanata dal dogma dell’homo oeconomicus ragionevole, ma non dall’ambizione di creare modelli possibilmente ordinati. A tale scopo si riallaccia da una parte a schemi sperimentali empirici, come test e inchieste, dall’altra a metodi matematici come la teoria dei giochi, oppure a teoremi legati all’evoluzione biologica o alla sociopsicologia.

C’è da dubitare che in questo modo essa riesca davvero a scoprire i trucchi dell’enigmatico comportamento dei “soggetti economici” immaginati. L’ambizione di emulare le scienze esatte fa sì che nei loro calcoli le persone si presentino solo come fantasmi statistici. L’amore per l’astrazione crea ai poveri studiosi continue difficoltà. Evidentemente non riescono a mostrarsi diversi da come sono, esattamente come le persone che studiano.

Le quali, com’è noto, vanno soggette a umori, illusioni, ghiribizzi e abitudini di ogni tipo. Tendono al panico così come all’inerzia, alla cocciutaggine come all’istinto gregario. Molte sono disposte a qualunque sacrificio pur di salvare la faccia o le predilezioni sessuali, oppure di fare bella figura. All’economista tutto ciò non può che apparire deplorevole, insensato e ignorante. Ora, quantificare manie e angosce, fiducia e sventatezza, collera e ostinazione è certamente una fatica di Sisifo. Gli interrogati eludono interviste, sondaggi e test, mentendo spudoratamente non solo all’intervistatore, ma anche a se stessi. Per di più contravvengono di solito alle più semplici regole economiche.

Le loro transazioni quotidiane hanno spesso luogo fuori della circolazione del denaro e del credito. Allevano figli senza per questo esigere un adeguato compenso. Avviano relazioni sentimentali senza assicurarsi contro possibili sospensioni del credito, o anche senza un ragionevole calcolo di profitti e perdite. A volte lavorano semplicemente gratis, per pura alterigia lasciano cadere splendide occasioni, gettano il denaro dalla finestra, sprecano tempo prezioso, fanno affidamento sull’oroscopo o sulla fatwa di un teologo, regalano qualunque cosa senza nulla in cambio; e avanti così, per la disperazione dei teorici.

Per quanto riguarda le reali pratiche economiche della specie, si apre dunque un’enorme zona buia. I comuni concetti di lavoro nero, mercato nero e fondi neri si rivelano insufficienti e non rendono giustizia all’economia informale. Per fare un po’ di luce sulla questione, si dovrebbe bene o male scendere nel dettaglio, ossia rinunciare a tesi generalizzabili, lasciando la scienza agli scienziati, anche se allo specialista ciò non è consentito. Una microeconomia di questo tipo potrebbe uscirne senza grandi costi, mettendosi semplicemente a indagare nella cerchia dei familiari e dei conoscenti. Tanto per iniziare, potrebbe essere sufficiente una mezza dozzina di cavie umane per convincersi che su questo terreno prevale un’incredibile varietà.

Ci sarebbe ad esempio la tata polacca, che ogni due settimane torna a casa con dodici ore di viaggio in autobus, per andare a occuparsi della madre affetta da emiparesi, e poi, con lo stesso autobus, rientra in Germania a fare le pulizie. Non ha mai compilato un formulario ufficiale, non possiede un conto in banca, non paga tasse e accetta solo contanti. Ma è di un’incrollabile onestà, perché sa che Gesù disapproverebbe ogni altro comportamento.

O anche l’imprenditore traboccante di idee, che fonda sempre nuove aziende, facendosi beffe di ogni tentativo d’inquadramento. Appena si comincia a guadagnare, abbandona infatti l’impresa prospera, perché la routine del successo lo annoia a morte, e perché, dichiara, «non ha bisogno di soldi».

Senza dimenticare il brillante bibliofilo, che ama invitare i conoscenti in un ristorante di classe, ma che, appena il cameriere porta il conto, constata con rammarico di aver dimenticato il portafogli.

C’è poi il medico di famiglia che s’impegna con passione in un coro amatoriale, ma una volta l’anno manca a una serie di prove, perché per settimane va in giro per il Burundi o il Congo, dove non solo lavora nel Pronto soccorso di Medici senza frontiere, ma s’impegna anche contro i bambini soldato e i signori della guerra; a quanto pare, i biglietti aerei li paga di tasca sua.

Nessuno capisce per quale motivo, malgrado le ripetute sollecitazioni, il giardiniere che viene a casa tre volte l’anno non mandi mai una fattura, sebbene la banca gli abbia bloccato il credito: come motivazione dice solo che ha pensieri piú urgenti. E com’è che il famoso romanziere non trova editori per il suo nuovo libro; com’è che è senza soldi, però dà lavoro a una cuoca e a una segretaria, che paga puntualmente; ed è proprio per questo che il negozio di alimentari all’angolo non gli fa più credito, e a cena deve accontentarsi di un panino e di un uovo al tegamino.

Ora, come sa ogni lettore di giornale, la totale irrazionalità di quanti vengono impropriamente definiti normali consumatori e che tanto irrita e confonde gli economisti, non si limita soltanto a loro. Anzi, raggiunge il massimo livello nei protagonisti dell’economia finanziaria e nei loro consulenti. L’economista insignito del premio Nobel simula brillantemente un fallimento che fa tremare Wall Street. Appena uscito dal carcere, l’investitore al quale lo schema Ponzi ha fruttato sei mesi di confortevole galera, parte immediatamente per Singapore o per Dubai, dove intende aprire il prossimo fondo speculativo, e il solitario daytrader newyorchese non riesce a dormire perché la Borsa di Tokyo apre già alle tre del mattino, motivo per cui giorno e notte, per tenersi sveglio, ha sempre un sacchetto di cocaina a portata di mano, magari nascosto dentro il wc.

Nella pagina economica casi del genere ricorrono al massimo in presenza di agenti che muovono grandi somme. Degli altri, la pubblica opinione quasi non parla. Presumibilmente agiscono lontano da logiche libresche, in aree economiche sulle quali nessuna facoltà universitaria è in grado di fornire delucidazioni. Solo ogni tanto la televisione privata getta un’occhiata fuggevole alle zone oscure, ad esempio nella serie “Fuori dai debiti”. Difficile temere oppure sperare che situazioni di questo tipo siano generalizzabili in modo coerente. Chi dunque vuole davvero sapere cosa la gente muove e cosa la fa muovere, dovrebbe forse partire da se stesso. Non tarderebbe a scoprire che la sua razionalità economica non è molto superiore a quella dei pazzi, dei quali ogni volta torna a stupirsi.

2 pensieri riguardo “Microeconomia”

  1. Bellissimo e ineccepibile. Per puro scherzo del destino ho avuto una formazione economica e in questi ultimi anni ho pure approfondito un po’ gli argomenti trattati. Siamo sempre più vicino al crash globale socio-economico e climatico. La causa è proprio questo credo economicista (neoliberista) che ironicamente Enzesberger tratteggia in tutte le sue incongruenze. Un grande economista e intellettuale come Fitoussi ha scritto un libro che sarebbe la naturale conseguenza dell’approfondimento di questo “pezzo”: La neolingua dell’economia. Ve lo consiglio.

    Nino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.