Un uomo di cattivo tono

Punto reale di partenza di questo libro sono I quaderni del dottor Čechov. Appunti di vita e letteratura 1891-1904, pubblicati a Mosca nel 1950 e apparsi per le Edizioni Feltrinelli nel 1957 nella traduzione di Pietro Zveteremich. Scopo di questa mia reinvenzione apocrifa non è frugare da biografo nell’intimità del celebre scrittore ma evidenziare, nella scia delle sue parole, scritte sopratutto nella parte finale della sua vita, il paradigma di una scrittura antisentimentale, crudele, aforistica – pronta a ri-esistere nel nostro tempo come cantiere inattuale e scandaloso di libertà, se per libertà si intende l’inflessibile audacia di pensiero e di cuore che il dottor Čechov ha sempre mostrato, il suo “cattivo tono” che non ammette consolazioni ma solo illusioni.

Continua a leggere Un uomo di cattivo tono