Esercizi per accorgersi del mondo

Livio Borriello

vacillamenti della città avellino

Nel mondo rappresentato in cui viviamo, i parametri della positività sono diventati la visibilità e il potenziale di eccitazione psichica. Una catastrofe, una tragedia, può diventare dunque un evento positivo, e tale fu per Avellino il terremoto dell’80. Da oscurissima città di provincia, Avellino divenne per un decennio una città decisiva sul piano politico e sociale, accrebbe enormemente il reddito pro-capite, venne alla ribalta della vita pubblica, insomma da allora cominciò ad essere modernamente, mediaticamente. Preceduto da Sullo, arrivò De Mita, che dominò una lunga stagione, poi Nicola Mancino, i ministri e plenipotenziari vari Maccanico, De Vito, Gargani, Zecchino, Bianco che fu presidente della DC, fino ai rampolli Rotondi e Pionati… lo stesso Mastella fu una geminazione di De Mita. La tv era in mano a Biagio Agnes, che insediò i Marzullo e i Pionati, alla protezione civile c’era Elveno Pastorelli, avellinese di fatto, i servizi segreti erano zeppi di irpini, ai vertici del Vaticano l’altro Agnes, Mario.
Calarono in provincia industrie da tutta Italia, Ferrero, Zuegg, Ifs, Fma, si costruirono infrastrutture per accoglierle. L’Avellino calcio fu la prima società di provincia a militare in serie A, sostenuta da una tifoseria votante di 35.000 persone, e ci rimase, stranamente o ovviamente, durante tutto il regno di De Mita.
Come è possibile che in una cittadina di 50.000 abitanti e in una provincia da sempre svuotata dall’emigrazione, si accentrasse in pochi anni tanto potere? Difficile sostenere che la ragione fosse da ricercare in qualche particolare tradizione culturale, o tratto genetico. A fare il miracolo fu evidentemente la fatale congiuntura fra l’atavica vocazione irpina al voto d’appartenenza e clientelare e la pioggia di miliardi (63mila in lire) che affluirono a fertilizzare quel terreno congeniale….
Oggi la potenza mediatica dell’evento sarebbe stata sfruttata ancora meglio, con vantaggi sociali e economici anche maggiori: centinaia di iphone, webcam e telecamere avrebbero ripreso e diffuso con impressionante vividezza, da ogni acrobatica angolazione, l’apoteosi del terrore, l’irripetibile spettacolo della morte collettiva che esso offrì: palazzi che si accartocciano, suoli squassati, masse in preda al panico, orizzonti sussultanti squarciati da bagliori apocalittici… per il pianeta fu un brivido, ma quale sconvolgimento per la piccola comunità degli umani! C’era anche la luna piena, un’oleografica luna rossa a causa del caldo anomalo (io fui sorpreso dall’apocalisse nel bel mezzo di una passeggiata romantica con una fanciulla, la dolce Gina).
Si inaugurarono o definirono in quel frangente straordinario molti dei sistemi retorici e simbolici che ancora oggi dominano la comunicazione mediatica: la tragedia in diretta (l’anno dopo perfezionata a Vermicino), la funzione salvifica e soccorritrice dei media, calati dagli elicotteri come angeli o supereroi sempre in anticipo sulle istituzioni, il finto dar voce al popolo, la retorica del territorio, la celebrazione enfatica del quantitativo – che è arrivata oggi a produrre babbionate di eventi come l’Expo, consistenti esclusivamente nella loro dimensione. Quello fu l’Expo dei prodotti più rinomati che produceva allora l’Irpinia: povertà, arretratezza, vecchiette gementi…
I politici ci guadagnarono, i buoni borghesi ne approfittarono, bambini e scrittori, che vivono nell’attesa dell’evento sconvolgente di cui scrisse Bataille, gongolarono, e ci campano ancora oggi, gli unici a patirne furono i poveri… 35 anni fa in Italia c’erano ancora i poveri, quelli che abitavano nelle case sgarrupate, i 3000 che sono morti. Ma quelli erano già invisibili prima di morire, la morte li ha resi anzi più epici e spettacolari, li ha adeguati agli standard mediatici. D’altronde, la funzione dei poveri è sempre stata questa, fare la massa al massacro nelle guerre, essere falcidiati nei terremoti, ed oggigiorno fornire materiale di prima qualità per i servizi tv e per i commenti su facebook quando affondano i barconi. (2015)


(Terremoto dell’Irpinia, 23 novembre 1980)

__________________________
Libio Borriello
Esercizi per accorgersi del mondo
Massa, Transeuropa Edizioni, 2020

1 commento su “Esercizi per accorgersi del mondo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.