Contro le finzioni della realtà

Maturato nel clima della Neoavanguardia senza, tuttavia, esserne soverchiato, Giannino di Lieto (1930-2006) è un poeta che, dopo gli esordi contraddistinti dall’interrogazione epigrammatica o lapidaria (cfr. Poesie, 1969; Indecifrabile perché, 1970), a partire da Punto di inquieto arancione (1972) espone il suo pervicace intento di non conformarsi alla norma per fondare una comunicabilità “altra”: dove ogni cosa risulti destrutturata dal discorso usuale decadendo dalla propria convenzionalità e diventando parola pura, immagine intensiva o emblema energetico.
……Ne segue una fusione dell’uso simbolico ed emozionale del linguaggio in un cosmo di simulacri dissacrati e fluttuanti che si sottraggono a ogni identificazione e dove lo stesso poeta si pone come un non-Io: un soggetto ossimorico senza identità esterna al proprio discorso e latore d’una poetica volgente in polemica contro la Tradizione risaputa e i feticci della letteratura ideologica o “impegnata”.
……In un tempo senza più ideologie, la poesia – sembra volerci dire di Lieto, caricando di effetti acustici le sue “piste” di lemmi, voci, suoni apparentemente inesplorabili ed enucleati da qualsivoglia referenzialità – non è ciò che si trasmette o “si capisce”, ma qualcosa che “si sente” e s’esprime anche contro i riti, le rappresentazioni o le finzioni della realtà.
……La poesia, allora, non è schema sintattico-grammaticale, bensì l’idioma d’una conoscenza onnicomprensiva liberata, nel caso, in serie miniaturizzate di simboli circolanti verso altri simboli, di oggetti verso altri oggetti ovvero di versi entro altri versi. Il tutto nell’irrelata giustapposizione di sequenze drammatizzanti tradotte in un’allucinatoria quanto lucida automaticità includente, talora, come in Racconto delle figurine & Croce di Cambio (1980) – un’incursione nel cuore sotterraneo del paese di Minori –, i surreali pittogrammi di un’arazzeria repleta di velluti e stemmi, di stendardi e specchi, di risonanti “sassi e conchiglie”.
……Nella prospettiva dell’esperimento di “scrittura automatica”, di Lieto non apparirebbe distante, oltre che da retaggi o solo suggestioni surrealiste, futuriste e dadaiste, dal discorso di Joyce, da certa maniera catalografica d’un Pound (ma senza l’ostentato enciclopedismo del poeta statunitense) o, soprattutto – come osserva Bàrberi Squarotti nell’Introduzione a Punto di inquieto arancione –, dalle refertali, ossessive iterazioni e tessiture sonore di Beckett, certo l’antefatto più probante della ricerca espressiva d’un lirico come di Lieto totalmente affidato al proprio demone manierista per il quale la sperimentazione non rimane fine a se stessa ma punta a un’indagine continua e progressiva della parola affrancata dalle convenzioni sintattico-grammaticali. Se il lettore è chi “capisce” soltanto l’ordine del discorso, allora il poeta è colui che scompagina siffatto ordine.
……Accade poi che i virtuosismi semantico-sonori fondanti il “mondo beckettiano” (cfr. Bàrberi Squarotti) di Giannino di Lieto, un mondo fatto di lampeggianti spezzoni, detriti e frammenti babelici chiamati a raccolta dallo spazio raggelato di un’avvenuta apocalisse, inaugurino, come in Le cose che sono (2000), forme parodistiche che fanno pensare alla domestica epistème d’un Antonio Pizzuto, autore di prose scorciate a effetto poematico.
……Prose che risulta interessante comparare con le trame fonetiche e i brani grafici adunati da di Lieto in quella sorta di palinsesto che è L’abbonato impassibile. Le facce limitrofe. Racconto della Costa di Amalfi (1983): un libro “stratiforme”, questo, fatto di scritture sovrapposte ad altre, di variabili graffiti, raschiature o cancellazioni; e leggibile con difficoltà o in modi interstiziali, ma col piacere della continua scoperta.
……In quest’opera, dove più che in altre sue scritture il poeta ricerca un assetto formale e, allo stesso tempo, una trasvalutazione del senso comune, si offre la misura forse più intensa d’uno sperimentalismo oltranzistico che coniuga favola, storia, aneddoto e antropologia in un magma dinamico preludente l’entropia visionaria del gruppo di Poesie inedite (2005-2006) abitate da un fiume che vola, da scheletri agitati dal vento, ginestre come calici, nubi di terra …
……Caso pressoché unico e perfino anomalo nel nostro secondo novecento, la poesia di Giannino di Lieto include e complica le poetiche delle avanguardie proponendosi come funambolica e ininterrotta riscrittura oratoriale: come il dilagante flusso di coscienza di un Io autocancellato che, pure insondabile e disperso in figure di pensiero e spasmodiche ecolalie, senza farsi omologare ci parla del travaglio e del sentimento di precarietà caratterizzanti l’esistente.

(Stefano Lanuzza, dallo studio critico contenuto in “Giannino di Lieto – Atti del Convegno”, Anterem Edizioni, 2008)

 

…………….Quattro poesie di Giannino di Lieto
……………………………tratte da
……………………………..Opere
………………Novara, Interlinea Edizioni, 2020

 

Punto di inquieto arancione

Dove fu che il fiore genera di sé un’esistenza colma
isole di corallo come una menzogna su meridioni azzurri
magnifici scarabei poi una voragine bisogna uscire dalla casa
salga un gran chiasso dopo una festa ogni lasciarsi indietro
la sorte in luce diviene forma passeggera e quanto è dato
controdanza in borse di seta almeno piume avanzeranno
con alti e bassi da salde radici è stato cespuglio
un gioco per fulmini si beve i guadagni di un giorno
a quel grumolo si tengono appoggiati masticando foglie
finché da una brocca il vento discorre ghirlande
sul capo i fanciulli spargono semi vestiti di bianco
svolazzassero di notte il sogno doveva essere completamente arso]
sarà scacciato con fumo di spina alba.

 

*

Isole da costa

Incrostate interpretazioni in un armadio di mineralogia
a raffigurare sogni per un’alba di sentinelle
affiancati dai turni rami di sangue a guisa di remi
un’infinità di voci emerse saldamente bianche
per incredibili rive inclinazione d’isole
vulcaniche scintille fioriscono l’identico colore
succedersi da quelle alture detriti rapaci
come parole di ferro con pazienza decifrate
preparano mutazioni, qualcosa di deciso già rabbrividente
perché i tonfi rispondono allo scorrere dei chiavistelli.

da Punto di inquieto arancione (Nuovedizioni Vallecchi, Firenze, 1972)

 

*

 

Nascita della serra

tavole del centro non stile non gesto una conchiglia di cintura
chiuso l’apparenza perlustrare un insetto ogni ticchettio
ogni passo]
porta la maschera semi dell’appropriarsi un fiore raggi anche
del fulmine]
per acqua sollevato sonno causa di movimento ventaglio
con remi]
si adempie sopracciglia lunghe bende nella rosa l’altro
traccia piena]
ciottoli a luogo rotondo non coscienza volto simile alle vene
dopo fuoco]
per girasoli come cosa comune nomi sbocci alla sua stagione
specchio]
un gradino dell’erba né diverso le maniche fuori cadono soffio
catena delle foglie pioppi altissimi pupille quell’ansia barlume ala
dei bracci.]

da Nascita della serra (Edizioni Geiger, 1975)

 

*

 

Modigliani, mi pare

……………………a mia Madre

Illuminato – È ora di stringere – un imbarco lieve
così balaustra delle prime luci Occidente
platealmente happening al colmo noi loro quelli niente
verrà dato per notizia il giorno un cadavere con belletto
seme nato dall’acqua ombre da ombra diverbi per scambio
un danno di nostalgia illeggibile T una Natura morta
colonne ioniche a concetto clamorose cecità del fuori spazio
non in un libro
le quinte dialettali una croce a pagina pellegrinaggi
della Curia preghiere aggiunte il carro a sponde
delle storie macchinose cede a sollievo un dramma
di dominio pubblico cavalli imbizzarriti sull’asse di sinistra
il patto delle tavole ornamento ogni addio Giovinetta
dal Cammeo ogni differenza inferiore al rosa.

da Le cose che sono (Masuccio & Ugieri, 2000)

1 commento su “Contro le finzioni della realtà”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.