Artaud e Bordas

Artaud_Samorì C……….Perché proporre il carteggio tra l’editore Pierre Bordas e Antonin Artaud nelle edizioni Prova d’Artista (Antonin Artaud. Lettere a Pierre Bordas con uno scritto di Pierre Bordas)? Perché Domenico Brancale traduce il carteggio e ne cura l’edizione? Perché Nicola Samorì associa sue realizzazioni a quelle di Artaud? E perché Pasquale Di Palmo vi acclude una sua nota?

………Perché il rapporto tra un editore e uno dei suoi autori è e resta spesso problematico, se non ambiguo, ma talvolta si risolve in una pubblicazione di valore eccezionale, perché lettere e illustrazioni testimoniano di una tappa fondamentale dell’opera artaudiana (la pubblicazione del libro Artaud le Mômo), perché Artaud continua a ispirare e a suggestionare gli artisti. Continua a leggere Artaud e Bordas

Le interviste (im)possibili

“Sono quell’uno che vi ha capiti, il primo che ha colto la vostra definizione essenziale: siete gli esseri eterni in attesa della Perfezione, ridotti quotidianamente a semplici elogiatori della rilegatura, costretti dalla frustrazione, uno dopo l’altro, giorno dopo giorno, del poema, del romanzo, del libro; siete i soli che amate e concepite la Perfezione; gli scrittori tutt’altro, pubblicatori di brutte copie, di libri dettati dalla fretta, dall’opportunismo, dall’euforia. La Perfezione giungerà un giorno o l’altro in un libro, proprio come l’avete giustamente attesa e concepita: fino a ora non si è vista Perfezione alcuna se non nella grazia e nel potere morale di alcuni uomini e donne che noi tutti arriviamo a conoscere, prima o poi, e che non raggiungeranno mai una notorietà storica né quotidiana. Eppure fate bene ad aspettare e sono sicuro che il giorno in cui apparirà in Libro applaudirete tutti insieme, infinitamente grati.”

Macedonio Fernandez, Lettera ai critici

Continua a leggere Le interviste (im)possibili

Jnterview

Jnterview is a real (video) interview.
Here Silvia wants Massimo to answer to her questions and to pay attention to the dramatic event of his double transition (he was raised with another religion and his own identity is openly nonbinary: his condition is not fictional, but is real; this means that he doesn’t talk as a character or a public person).
The body speaks by itself: like the circumcision that is (in the performer’s opinion) an opportunity to shed his blood like every female in her menstruations. The rain upon the tombstones and the performer is the counterpart of this blood. This bodily condition helped him to have a stronger consciousness of his nonbinary status. That’s why the transition of this person is double.
A very important task for Jews and Jewish communities is the comprehension of people with uncomplete Jewish roots, unusual lifestyles (but they don’t consider themselves as sinners) and nomadic mentalities. On the other hand, a nonbinary guy must pay respect to the different opinions about his condition. Orthodoxy and unusuality may coexist and talk.

Teoria delle rotonde

Antonio Devicienti

    Teoria delle rotonde. Paesaggi e prose (Valigie Rosse, Livorno 2020) di Italo Testa rappresenta un versante della ricerca letteraria in lingua italiana degli ultimi anni capace di raggiungere e di proporre una visione lucida e coerente del reale e della scrittura che quel reale indaga.

     Si parta infatti dal seguente assunto: Teoria delle rotonde è linguaggio quale sonda acuminatissima e impietosa che s’immerge nel corpo di un mondo da un lato quasi totalmente dominato (e quindi determinato) dall’ultraliberismo economico e finanziario, dall’altro soggetto a impreviste, imprevedibili e non sempre visibili contaminazioni e trasmigrazioni che ne cambiano i sistemi, gli ambienti, le interrelazioni aprendo anche orizzonti inediti, linguaggio che, inoltre, deve fare i conti con quei momenti in cui il reale resiste alla comprensione e/o alla possibilità di dirlo.

Continua a leggere Teoria delle rotonde

Prolegomeni alla Nòva Fiorenza

Il testo che potete leggere di seguito, redatto dal cronachista ufficiale, nonché lucidaparole personale del Minor Duca in persona, contiene una serie di ragguagli, di rettifiche, di notazioni e di aggiunte a futura memoria riferibili all’anno di tutta grazia 2076, un’indispensabile premessa all’edizione aggiornata delle Cronache del Ducato Nòvo che vedrà la luce prossimamente su queste pagine (cesura permettendo). Nei quarant’anni successivi alla nascita della repubblica ducale, avvenimenti ordinari e straordinari si sono succeduti, scoperte, invenzioni e innovazioni epocali ne hanno modificato la paesaggistica naturale e antropologica e ridefinito di conseguenza il profilo umano e culturale della popolazione residente e viciniora. Diventa quindi sommamente doveroso darne conto qui, e proprio ora, mentre i nostri migliori cronisti, con i loro praticanti al seguito, sono sguinzagliati sulle tracce dell’autore per estorcergli quantomeno un’intervista chiarificatrice, da osservatore interno alle vicende nonché persona informata dei fatti e dei misfatti narrati.

Continua a leggere Prolegomeni alla Nòva Fiorenza

Fuga in lilla

Se tu vedessi quella che dorme senza te in un giardino in rovina nella memoria. Io, là, ubriaca di mille morti, parlo di me con me solo per sapere se è vero che sto sotto l’erba. I nomi non li so. A chi dirai che non sai? Ti desideri altra. L’altra che sei si desidera altra. Che cosa succede nel verde sentiero? Succede che non è verde e che non esiste il sentiero. E ora giochi a essere schiava per nascondere la tua corona, consegnata da chi? Chi ti ha unto? Chi ti ha consacrato? L’invisibile popolo della memoria più vecchia. Perduta per tua scelta, hai rinunciato al tuo regno per le ceneri. Chi ti fa dolorare ti ricorda antichi onori. Eppure piangi funestamente ed evochi la tua follia e vorresti perfino estrarla da te come se fosse una pietra, lei, il tuo solo privilegio.

Continua a leggere qui.

Immagini, suoni, visioni, parole qui.

Dorata[mente]

Giorgio Stella

Lo smalto generale
Prevederebbe
Una rapina nell’apostrofo
Di un supposto atlante - 
Vaso di regina
Piega la forma in 
Cesso di plastica per i manovali
Di cui l’acqua calda d’estate
È fredda - [ io] con loro
Ho condiviso solamente le stoviglie
Mai il companatico
Coi caschi gialli in mano rosa -
Rotta chi trema la freme
Diagonale al puro 
Respiro di una dote di procura
Dal sud al nord - 
Le fedi vendute nelle morti
Degli sposi che carta da culo
D’identità ricicla quel futuro 
addirittura funerali di stato

Leggi l’intero poemetto

DORATA[MENTE]

Vite a piè di pagina

Stefanie Golisch

In un incendio di una scuola sono morti venti bambini piccoli che non sono riusciti a mettersi in salvo quando il fuoco, di origine ignota, in breve tempo ha bruciato un insieme di capanne di paglia: la scuola del villaggio o della città.

Più lontana la tragedia o disgrazia, più vaga l’informazione sulle circostanze precise.

In questo caso, viene dato soltanto il nome del paese, il Niger, un paese dell’Africa centrale di cui non si parla mai e di cui non si sa nulla.

Continua a leggere Vite a piè di pagina

Voci dall’ultima Thule

«Questo volume, vera novità nel panorama editoriale nazionale, propone l’idea di una cultura e di una lingua molto diverse da quelle del resto dell’Europa che riflettono l’anima di un popolo vissuto da sempre a stretto contatto con la natura e i suoi fenomeni. Il mistero delle sue origini e la musicalità della sua lingua, tramandata oralmente per generazioni, ci comunica sensazioni come quelle provate dai primi viaggiatori giunti all’Ultima Thule, dove il cielo e la terra si toccano». P. Loikala

 AA.VV.
Poeti e aforisti in Finlandia

A cura di Fabrizio Caramagna e Gilberto Gavioli
Traduzioni di Laura Casati e Antonio Parente
Nota di Paola Loikala
Edizioni del Foglio Clandestino