Breve saggio sulle cartiere abbandonate

Questo è un breve saggio che indaga ragioni sentimentali, non economiche né sociali – ma che non ricerca facili effetti estetizzanti nei luoghi abbandonati d’era industriale e postindustriale. La cartiera abbandonata è, infatti, come una conceria abbandonata, come un opificio tessile abbandonato, come un mulino abbandonato un restare di muri, di finestre talvolta accecate, talaltra infrante, di tetti semicrollati, in alcuni casi anche di macchine inutilizzabili; un “restare”: un rimanere, cioè, sulla riva di un corso d’acqua oppure alla fine di una carrozzabile ma senza più frequentazione umana. Restare senza più attese, nel lento consumarsi dei muri che nulla e nessuno difende più dagli agenti atmosferici.

Continua a leggere Breve saggio sulle cartiere abbandonate