Epistola prima agli editori

Di Larry Massino (nom de plume di Larry Massino in persona) si erano perse le tracce ai tempi dell’ignobile repulisti di teste pensanti messo in piedi da un nugolo di aspiranti poetessi/e e raccontessini/e, con blog al seguito, su mandato e istigazione (carichi di aspettative, promesse di ingaggio e pre-bende per dela-tòri, esecu-tòri e lecca-tòri assortiti) dell’impero accademico-editoriale in procinto di colonizzare la rete.

Operazione perfettamente riuscita nel giro di pochi mesi, con promozioni sul campo per i più zelanti artefici della caccia all’untore. Difatti ancora oggi, purtroppo, non è difficile, anzi, è di una frequenza inquietante, incrociare nel mare magno [n.d.r.: trattasi di verbo, no aggettivo] delle mezze-seghe che infestano la stampaglia, la rivistaglia e la bloggaglia di regime, tanti rivoluzionari da tastiera (e da tettiera) ormai avviati verso luminose carriere di narratoressi/e, critichessi/e e tuttologhessi/e (alcuni/e con famiglie, e famigli, al seguito – ça va sans dire).

Bene, se ne restino pure nel loro nulla platinato, dal quale neppure un dio (o un vaccino di nuova generazione a effetto immediato) saprebbe cavarli fuori e restituirli a una vita scrittoria almeno passabile e dignitosamente mediocre.

Noi oggi, con la benedizione di San Mario da Lo Tasso, patrono e protettore di questo sito, nella ricorrenza dell’undicennale della nascita dell’Accademia degli Inaffidabili (che riapre finalmente i battenti), l’unica istituzione artistica (no letteraria) con la quale condividiamo il diritto alla vera in-apparenza e la libertà dell’in-appartenenza come unica forma di esistenza, salutiamo il ritorno del suo idea-tòre pubblicandone un re/p/f/erto storico, La prima epistola agli editori (per l’occasione rivista dall’autore), in attesa di nòve [n.d.r.: trattasi unicamente di aggettivo, mi raccomando!] cronache & croniche dal Ducato Nòvo, Annus Domini Mirabilis 2035. (fm)

(In apice, una delle ultime immagini pubbliche di L. M.)

***

Larry Massino


Epistola prima agli editori

Larry Massino è uno pseudonimo, che non so neanche se va bene nel letterativo italiano odierno ma sì forse. Forse non  va detto, che se no chissà che rivoluzione pessoiana penserete voglian fare,  ma la persona che se lo è dato ne possiede numerosi altri, di questi nomi di panna, Larry, Larry Portoghese, Larry Inferiore, Larry Generico,  John Lenient, Frank Stella, Tom Marinelli evvia evvia. Come saprete, del resto, nel dna degli pseudonimi c’è talvolta il vezzo di avere eteronomi, che almeno un po’ condividano o contrastino le sue idee, a quel punto diventate le idee dell’ortonimo, che  a sua volta condivide o contrasta quelle del suo principale, sempre per caratteristiche precipue del dna. Per questo il novero dei nomi si allarga tanto, ma non sto qui a farli, perché tanto sono eteronimi piuttosto anonimi,  quasi tutti palliducci e smunti.

Comunque, il fulcro, la persona anagrafica, è un ex barista, professione abbandonata non definitivamente a  17 anni, perché a quei tempi non c’era verso, praticando quel pur nobile  mestiere, aver successo con le ragazze. Così almeno gli pareva. A ripensarci fu forse una scusa. Di ragazze infatti nemmeno dopo aver abbandonato la professione sebbene non del tutto definitivamente. Ragazze  solo in seguito piuttosto carine ma poche, ottenute credo sopra di tutto  in ragione statistica dovuta alla maggiore età sopraggiunta da un pezzo.

Il proprietario di Larry Massino nella vita  gli sono successe tante avventure forti più reali che immaginarie.  Non è questo il punto. Si avvicinò al letterativo per via che cominciò a frequentare una biblioteca dove  ci andavano i suoi amici studenti seri. Allora si mise a leggere anche lui anche più dei suoi amici studenti seri. Con il passare degli anni leggi oggi leggi domani senza smettere mai che i suoi amici pure lo isolarono causa fanatismo, diciamo, si mise in testa che poteva scrivere romanzerie anche lui, ma con calma, che non gli correva dietro nessuno. Infatti non scrisse nulla per lustri, e anche di più. Nel frattempo, come già detto,  cominciò a avere successo con le ragazze, dato  forse il montante fasciente intellettivo, ragazze in genere  di segmento alto che in gran parte disdegnava – sciaguratamente, oggi se ne rende ben conto -, anche nell’interno stesso della biblioteca dove piuttosto elegante vagabondandyggiava tutta la giornata oramai da anni.

Le letture finalmente  si diradarono. Intorno a lui facevano tutti teatro si mise anche lui a fare teatro. Fare teatro richiede parecchio impegno e anni di dedizione. Ci mise parecchio  impegno e anni di dedizione. Non sa se ha fatto capolavori nel teatro ma qualcosa ha fatto come organizzativo autore  e regista di attori quasi sempre geni sgangherati. Dopo alcuni lustri le circostanze lo hanno portato a allontanarsi e isolarsi anche da questa disciplina.

Pare  venuto il momento buono per scrivere anche lui, almeno per rispondere agli interlocutori ficcanaso, in genere impiegati sanitari, avvocati e direttori di banca,  che fa lei nella vita scrivo, per permettere a sua moglie di rispondere che fa tuo marito scrive, per permettere alla suocera che fa suo genero è triste scrive. Qualcosa adesso ha scritto  davvero, fosse mai che  il suo modo di svedere incuriosisca  qualcuno.  In ogni caso, e precauzionalmente,  non ha  mai deciso di chiudere  del tutto  con la  professione di barista abbandonata non definitivamente a  17 anni. Ai giovanotti si sente di dare il seguente consiglio: non abbandonate mai definitivamente le vostre ex professioni. Agli anzianotti in coppia si sente di dare il seguente consiglio: non lasciatevi ormai. Agli anzianotti soli si sente di dare il seguente consiglio: andate a imbroccare ai giardinetti anche gay va bene purché tra la vostra età.  Ora la smette coi consigli  per non annoiare, ma  ci teneva a mostrare che come ogni romanzista regolare dell’attuale dispone di consigli copiosi per qualsivoglia categoria umana in qualunque fase della vita, dagli elettricisti apprendisti, alle sarte in fase di riqualificazione ai diaconi in  pensione, che squacchera naturalmente nelle sue prose  in forma occulta di riflessioni pacifiche sul vivacchiare nell’odierno.

Finisco ribadendo una momentanea antipatia verso la figlia maggiore dell’attuale presidente del consiglio, che secondo me non è nemmeno carina come in tanti vogliono far credere. L’antipatia generica, mi si obbliga a dirlo, non è del tutto condivisa dall’ortonimo Larry Massino né da tanti dei suoi eteronimi, che, date le attuali ristrettezze, amerebbero non darsi la zuppa sui piedi.

Se la sintetica  lettera di presentazione fosse di vostro gradimento, contattateci. Tutte le  richieste di lettura di manoscritti ricevute verranno protocollate e sottoposte a paziente analisi da parte del nostro comitato familiare. Purtroppo i tempi di risposta non potranno essere brevissimi e di questo ci scusiamo anticipatamente. Gli editori  verranno contattati direttamente nel caso la loro richiesta  sia risultata interessante. Se entro sei mesi dalla missiva non verranno contattati, vorrà dire che la loro richiesta  è stata purtroppo rifiutata si mettano l’anima in pace. Gli editori sono infine pregati di non chiamare la famiglia  per avere informazioni sullo stato di lettura della loro  richiesta di lettura.

Vi siano graditi i nostri anticipati saluti.

PS: data la precaria situazione, la famiglia esamina richieste di collaborazione come ghostwriter, anche da parte di scrittori famosi che non hanno tempo per scrivere.

(7 ottobre 2010)

***

Elogio della nineddoche

Lo scorso 14 giugno (2010), di mattina, non avevo nulla da fare e ho modestamente inventato una nuova figura retorica, la nineddoche, prendere il nulla per il tutto.

*

Notoriamente, secondo il principe Myskin, la bellezza salverà il mondo (essendo passato tutto questo tempo, l’avrà già salvato!). Ma il mondo salverà a sua volta la bellezza? Chi ci salverà dalla bellezza una volta finita in mani sbagliate? E d’altra parte, cosa ne sarebbe della bellezza senza mondo?

*

E’ scritto: Dio creò il mondo dal nulla. Non è chiaro chi creò questo nulla.

*

Ragionamento ricavato dai verbali di un processo siciliano, giuro che non me lo sono inventato: “Io non so nulla, ma se questo stesso nulla potesse portare pregiudizio alla mia persona, ne so ancora di meno”.

*

Bisogna fare come il vecchio Dio della bibbia, creare il mondo dal nulla. Nulla ne abbiamo in quantità.

*

Il nulla non è granché. Ma tra l’idiozia e il nulla meglio il nulla. Un pensiero andrà forse ricostruito, ma bisognerà ripartire dal nulla, non dall’idiozia nella quale si trova quasi sempre attualmente. E comunque sapendo bene che è meglio rimanere nel nulla che ripiombare nell’idiozia. Dal nulla si può sempre creare qualcosa, anche senza essere Dio. Dall’idiozia no, non c’è cristi!

*

Le parole ci accolgono tutti nel loro grembo materno, gratis – in questo meglio del fuoco permettendoci di inventare realtà a nostro piacere, e insegnandoci, indirettamente, che la realtà, essendo inventabile all’infinito attraverso l’uso delle parole stesse, non esiste.

*

Un onorevole è stato preso a pugni per strada. L’aggressore è scomparso nel nulla, nel quale, poco dopo, ha incontrato di nuovo la vittima.

7 pensieri riguardo “Epistola prima agli editori”

  1. wow! e ha di nuovo preso a pugni l’onorevole? vorrei istigarti Larry caro a prendere a calci in culo (o sulle gengive se preferisci) tutto quel letame pseudo poetico, pseudo tuttologico, pseudo tutto che ci sta abbruttendo

  2. DOBBIAMO RUSSARE (cioè fare come quei russi che sotto il comunismo stavano di lato al comunismo e siccome erano lettori veri eroici leggevano le opere proibite, no quelle pubblicate, ossia approvate, che erano le opere degli sfigati e se le imparavano a memoria le opere proibite e la memoria la mettevano in mezzo per gli altri; se aveste seguito Larry Massino come me da trent’anni, leggendolo la mattina prima dell’acqua rocchetta e la sera prima della preghiera a Flann O’Brien, sapreste che Larry Massino non esiste ma se fosse davvero esistito come è esistito per un decennio sulle pagine più belle e proibite alla luce editoriale sarebbe il Bulgakov italiano).
    RUSSATE

  3. Mi scusi, Clemente, ma concordo con Anselmino. Pur cosciente, comunque, del rischio di trovarmi esposto, come lui, alle ritorsioni dell’anima(ccia) del (mai) con-pianto bisnonno Amedeo.
    Grazie per l’intervento, avercene di lettori come lei!
    fm

  4. Cmq, da quello che ne so io, più che il Bulgakov italiano aspira a essere il Vila Matas Fiesolano, comprese le frazioni di Olmo, Caldine, San Domenico, Girone, Compiobbi, Pian di Mugnone, Pian di San Bartolo-trespiano, Ellera, Montebeni, Poggio Gherardo, Querciola, Ponte Alla Badia, Citerno, Cave di Maiano, Torre di Buiano, Le Molina, Santa Margherita A Saletta, Maiano, San Donato A Torri, Ontignano e infine Vincigliata. Si tratterebbe di vendere due copie di ogni volume della sua opera omnia, un risultato assolutamente alla sua portata, dato di vendite che rappresenterebbe, sul territorio, il doppio esatto delle vendite delle opere di Vila Matas medesimo, il quale, questa è una certezza, ne vende solo una, quella che compra il nostro, Larry Massino.

  5. Signore Clemente, sono amico sorello di Enrique Vila-Matas da diciannove anni, tre mesi e diciotto giorni (insomma, al tempo del mio primo senile disonore).
    Mi sono premurato, non essendo io un quaquaraquà, di fargli conoscere personalmente l’opera omnia di Larry Massino attraverso un continuativo trasferimento di mia memoria letteraria e di cumuli di file massiniani per mezzo postale e per mezzo telepatico.
    Non escludo che in uno dei prossimi libri del maestro compariranno (uno o più) riferimenti alle intrusioni nel futuro del magno ingegno fiesolano.
    In una delle ultime riunioni telepatiche tra me e il mio amico sorello non le nascondo che il maestro mi ha confidato di aver sognato di pomeriggio di voler diventare il Larry Massino catalano.
    Ossequi
    Anselmino Bordigoni maestro disonoratissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.