2 pensieri riguardo “Talvolta l’inatteso (e, aggiungo, l’inaccettabile): intorno alla traduzione italiana di “Zong!””

  1. Ricorda le polemiche discussioni innescate da un’opera di Dana Schutz (Open Casket, 2016), tra cui quella di una storica dell’arte svizzera che contestava a W. Kentridge, come “bianco”, il diritto di affrontare il tema dell’ apartheid.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.