Haroldiana 01. Al lettore che non l’ha conosciuto.

Haroldiana
Puntate: 00 / 01


di Daniela Ferioli
da L’educazione dei cinque sensi
Metauro Edizioni, 2005

prosegue da qui


Non posso ricordare Haroldo che con allegria. Tutto in lui era prorompente: il pancione, la risata, la parlantina, la curiosità, l’attenzione agli amici, tutto in lui era immenso.

Haroldo è stato uno di quei regali inaspettati che a volte la vita concede. E pensare che non ci tenevo a incontrarlo. Poteva essere il 1975 e avevo da poco pubblicato presso Einaudi due poemi di João Cabral de Melo Neto, uno dei quali destinato alla rappresentazione teatrale. Cercavo qualcosa o qualcuno di altrettanto particolare e, nel corso del primo congresso degli editori che nel mondo avevano pubblicato scrittori brasiliani, il critico Antônio Houaiss mi suggerì i Noigandres. Andai alla «Livraria Cultura» ed esaminai i loro scritti, concludendo rapidamente che i tre autori (Haroldo de Campos, suo fratello Augusto e Décio Pignatari), oltre che un po’ matti, erano intraducibili. Ma Houaiss non demordeva, e un giorno mi chiamò Haroldo, felice della sfida, lanciatissimo, travolgente, disponibile, un uragano di entusiasmo. Sbaragliò le mie resistenze e ci incontrammo, simpatizzando all’istante. L’amicizia nacque spontanea e coinvolse in breve le rispettive famiglie.

Continua a leggere Haroldiana 01. Al lettore che non l’ha conosciuto.