Calce

Ian Hamilton Finlay, Wave, 1969

Eugénio de Andrade
traduzione di Massimiliano Damaggio


da O outro nome da terra, Rosa do mundo, 1988

A paixão

Levanto a custo os olhos da página;
ardem;
ardem cegos de tanta neve.
Faz dó esta paixão pelo silêncio,
pelo sussurro do silêncio,
pelo ardor
do silêncio que só os dedos adivinham.
Cegos, também.

 

La passione

A fatica alzo gli occhi dalla pagina
ardono
ardono ciechi di tanta neve
Fa male questa passione per il silenzio
per il sussurro del silenzio
per l’ardere
del silenzio che solo le dita indovinano
Cieche, anche loro

*

Epitáfio

Janeiro não é mês para morrer,
nem o mar nem a luz são
propícios — parece que vai nevar.
Mesmo assim, tu decidiste
que seria a última, esta tarde:
vias uma criança escalar o muro
do verão, e sorrias — há muito tempo.

Epitaffio

Gennaio non è mese per morire
mare e luce non sono
favorevoli – forse nevica
Ma pure così hai deciso
che era l’ultima, questa sera

Vedevi un ragazzo scalare il muro
dell’estate, e sorridevi
già da molto

*

Sem memória

Haverá para os dias sem memória
outro nome que não seja morte?
Morte das coisas limpas, leves:
manhã rente às colinas,
a luz do corpo levada aos lábios,
os primeiros lilases do jardim.
Haverá outro nome para o lugar
onde não há lembrança de ti?

Senza memoria

Per i giorni senza memoria
ci sarà un altro nome
che non morte?
Morte di cose nitide, lievi
mattina che sfiora le colline
la luce del corpo portata alle labbra
i primi lillà del giardino

Ci sarà un altro nome per il luogo
dove di te non c’è ricordo?

*

Sul

Era verão, havia o muro.
Na praça, a única evidência
eram os pombos, o ardor
da cal. De repente
o silêncio sacudiu as crinas,
correu para o mar.
Pensei: devíamos morrer assim.
Assim: arder no ar.

Sud

Era estate c’era il muro
l’unica certezza i piccioni
nella piazza l’ardore
della calce il silenzio
improvvisamente scosse la criniera
si gettò verso il mare

Dovremmo morire così
pensai, così
ardere nell’aria


In rete
Vera Lucia de Oliveira su Fili d’Aquilone 4

Libri in italiano
Ostinato rigore“, Federico Bertolazzi, Valigie Rosse, 2020
Dal mare o da altra stella“, Federico Bertolazzi, Bulzoni, 2006

Pubblicità

1 commento su “Calce”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.