Water melody 1

Wang Dongling, Prelude to water melody

Poesia cinese tradotta da
Antonio (Cosimo) De Biasio


Lĭ Bái (李白, 701-762, Dinastia Tang)


Prendo il bicchiere e interrogo la luna

Luna nel cielo terso, quando appari?
Sto posando il bicchiere e te lo chiedo.
Non ci si può avvicinare alla luna,
Ma la luna segue le nostre tracce.

Come uno specchio vola sui palazzi;
Svaniscono le nubi, e brilla ovunque.
Vediamo la luna uscire dal mare,
E in mezzo alle nuvole tramontare.

Tutto l’anno il coniglio è col pestello,
Chang E è sola, chi le fa compagnia?
Non vedo oggi la luna degli antichi,
Ma la luna è la stessa del passato.

Antichi e attuali sono acqua che scorre,
Ma per tutti la luna è come questa.
Vorrei solo che mentre canto e bevo
La luna splenda a lungo nel bicchiere.

把酒问月

青天有月來幾時?
我今停杯一問之。
人攀明月不可得,
月行卻與人相隨。

皎如飛鏡臨丹闕,
綠煙滅盡清輝發。
但見宵從海上來,
寧知曉向雲間沒。

白兔搗藥秋復春,
嫦娥孤棲與誰鄰?
今人不見古時月,
今月曾經照古人。

古人今人若流水,
共看明月皆如此。
唯願當歌對酒時,
月光長照金樽裡。

bă jiŭ wènyuè

qīng tiān yǒu yuè // lái jī shí
wǒ jīn tíng bēi // yī wèn zhī
rén pān míng yuè // bù kě dé
yuè xíng què yǔ // rén xiāng suí

jiǎo rú fēi jìng // lín dān què
lǜ yān miè jìn // qīng huī fā
dàn jiàn xiāo cóng // hǎi shàng lái
níng zhī xiǎo xiàng // yún jiān méi

bái tù dǎo yào // qiū fù chūn
cháng é gū qī // yǔ shuí lín
jīn rén bù jiàn // gǔ shí yuè
jīn yuè zēng jīng // zhào gǔ rén

gǔ rén jīn rén // ruò liú shuǐ
gòng kàn míng // yuè jiē rú cǐ
wéi yuàn dāng gē // duì jiǔ shí
yuè guāng cháng // zhào jīn zūn lǐ

Chang E: dea che risiede sulla luna.

*

Cen Shen (岑參, 718?-769? Dinastia Tang)


Canto della neve bianca
accompagnando l’attendente Wu
che fa ritorno alla capitale

Il vento del nord avvolge la terra
          l’erba secca si spezza,
A mezz’autunno nel cielo dei barbari
          d’un tratto c’è la neve.
Sembra il vento di primavera che
          soffia un’intera notte,
E mille piante, diecimila piante
          di pero fioriscono.
Fluttua fin dentro le tende preziose
          e inzuppa le cortine,
La pelle di volpe non fa più tiepide
          le coperte leggere.
L’arco fatto di corno del generale
          non lo si può tendere,
L’armatura di ferro per il freddo
          è dura da indossare.
La vasta distesa di sabbia asciutta
          ha cento zhang di ghiaccio,
Tristi nuvoloni scuri si addensano
          per diecimila miglia.
Il comandante in capo versa il vino
          e brinda a chi ritorna,
Con i suoni del salterio, del liuto,
          e del flauto barbaro.
Disordinata la neve al tramonto
          scende sulla porta,
Spinge il vento sulle rosse bandiere
          immote per il ghiaccio.
All’ingresso orientale di Luntai
          ti accompagno al ritorno,
Quando te ne vai è piena di neve
          la via delle Tianshan.
E quando la strada aggira le alture
          già non ti vedo più,
Sopra la neve inutilmente lascia
          le tracce il tuo cavallo.

白雪歌送武判官歸京

北風卷地白草折,
胡天八月即飛雪。
忽如一夜春風來,
千樹萬樹梨花開。
散入珠簾濕羅幕,
狐裘不暖錦衾薄。
將軍角弓不得控,
都護鐵衣冷難著。
瀚海闌幹百丈冰,
愁雲慘澹萬里凝。
中軍置酒飲歸客,
胡琴琵琶與羌笛。
紛紛暮雪下轅門,
風掣紅旗凍不翻。
輪台東門送君去,
去時雪滿天山路。
山回路轉不見君,
雪上空留馬行處。

bái xuĕ gē sòng wŭ pàn guān guī jīng

bĕi fēng juăn dì // bái căo zhé
hú tiān bā yuè // jí fēi xuĕ
hū rú yī yè // chūn fēng lái
qiān shù wàn shù // lí huā kāi
sàn rù zhū lián // shī luó mù
hú qiú bù nuăn // jĭn qīn bó
jiāng jūn jiăo gōng // bù dé kòng
dū hù tiĕ yī // lĕng nán zhuó
hàn hăi láng gān // băi zhàng bīng
chóu yún căn dàn // wàn lĭ níng
zhōng jūn zhì jiŭ // yìng guī kè
hú qín pí pá // yŭ qiāng dí
fēn fēn mù xuĕ // xià yuán mén
fēng chè hóng qí // dòng bù fān
lún tái dōng mén // sòng jūn qù
qù shí xuĕ măn // tiān shān lù
shān huí lù zhuăn // bù jiàn jūn
xuĕ shàng kōng liú // mă xíng chù

Zhang, unità di misura, corrispondente a 3 metri / Salterio: Huqin, strumento musicale a corda, simile al salterio / Liuto: Pipa, strumento musicale a corda, simile al liuto / Flauto Barbaro: Qiang di (dei nomadi Qiang) / Luntai: Località nella Regione Autonoma Uigura di Xinjiang, Bügür in lingua locale / Tianshan: “Montagne del Cielo”, catena montuosa tra Asia centrale e Asia orientale.

*

Lu Meipo (盧梅坡, ?-? Dinastia Song del Sud 1127-1279)


La neve e i pruni

Pruni e neve a primavera gareggiano
per chi non perde prima;
Incerto il poeta posa il pennello
e non scrive chi vince.
I pruni meno bianchi della neve
lo sono di tre volte,
Ma la neve è parimenti inferiore
ai pruni per fragranza.

雪梅

梅雪爭春未肯降,
騷人閣筆費評章。
梅須遜雪三分白,
雪卻輸梅一段香。

xuě méi

méi xuě zhēng chūn // wèi kěn jiàng
sāo rén gē bǐ // fèi píng zhāng 
méi xū xùn xuě // sān fèn bái
xuě què shū méi // yī duàn xiāng

*

Xue Tao (薛濤, 768?-831, Dinastia Tang)


I fiori che si schiudono e nessuno per gioirne

I fiori che si schiudono e / nessuno per gioirne,
I fiori che poi cadono e / nessuno per dolersene;
Mi chiedo dove nasce / un pensiero d’amore:
Dai fiori che si schiudono / o dai fiori che cadono?

Raccolgo erbe e intreccio / stretti nodi d’amore,
Che voglio inviare a uno / che conosca il mio cuore.
Primavera e tristezza: / appena le accantono,
Primaverili uccelli / ricantano il dolore.

I fiori dentro il vento / sfioriscono pian piano,
E il mio tempo migliore / è sempre più lontano.
Se più nessuno intreccia / con me nodi d’amore,
Nodi d’erba d’amore / anch’io intreccio invano.

Come tollero i rami / pieni pieni di fiori,
Se ciò non si traduce / in pensieri e in amori?
Pianti di giada rigano / lo specchio del mattino,
Lo sa la primavera / o non lo sa là fuori?

花開不同賞

花開不同賞,
花落不同悲。
欲問相思處,
花開花落時。

攬草結同心,
將以遺知音。
春愁正斷絕,
春鳥複哀吟。

風花日將老,
佳期猶渺渺。
不結同心人,
空結同心草

那堪花滿枝,
翻作兩相思。
玉箸垂朝鏡,
春風知不知。

huā kāi bù tóng shăng

huā kāi // bù tóng shăng
huā luò // bù tóng bēi
yù wèn // xiāng sī chù
huā kāi // huā luò shí

lăn căo // jié tóng xīn
jiāng yĭ // wèi zhī yĭn
chūn chóu // zhèng duàn jué
chūn niăo // fù āi yín

fēng huā // rì jiāng lăo
jiā qī // yóu miăo miăo
bù jié // tóng xīn rén
kōng jié // tóng xīn căo

nà kān // huā măn zhī
fān zuò // liăng xiāng sī
yù zhù // chuí zhāo jìng
chūn fēng // zhī bù zhī


Antonio (Cosimo) De Biasio (1955). Vive a Cordenons, Friuli Venezia Giulia. Scrive poesia in italiano (“Quasi alla deriva”, Viennepierre, 2005), in friulano, nella varietà di Montereale Valcellina (“Claps contro la not”, 1998; “Poesìis fatis de corso”, 2003). Ha fatto ricerche storiche (“Odorico da Pordenone in Cina”, 2013). Si è laureato in lingua e letteratura cinese a Ca’ Foscari (Venezia) nel 1982. Ha guidato annualmente dal 1987 gruppi di turisti in Cina. Ama la poesia classica cinese (da quando conobbe Ezra Pound nel 1970), e si diletta di quando in quando a renderla in metrica italiana. Scrive tanto, ma non ha alcuna impellenza a pubblicare.

1 commento su “Water melody 1”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.