Quaderni di Traduzioni (LXXIV)

Quaderni di Traduzioni 
LXXIV. Aprile 2022
Stefanie Golisch
Storchnest. Eine Spurensuche
Storchnest. Una ricerca di indizi
Pubblicità

2 pensieri riguardo “Quaderni di Traduzioni (LXXIV)”

  1. Leggere questo pezzo, intensissimo, fa star male: disinnesca quella che io chiamo “la trappola dell’unica parola” (vita, persona, destino) che rischia di archiviare l’enorme e terribile ricchezza di ciò che è un essere umano, la sua storia. In espressioni come “la vita dei deportati a…o, ai nostri giorni, la vita dei combattenti di Kiev” ciò che rischia di essere accolto ma nello stesso tempo archiviato (per smettere di star male) è proprio la densità dell’espressione, la sua pienezza di senso. Il fatto cioè che la vita umana è un mondo di slanci, affetti, emozioni, dolori, propensioni, antipatie, ore, giorni, mesi, stagioni, piccoli eroismi, talvolta anche vigliaccherie, etc…. Un mondo di incontri e relazioni che rischia di rimanere intrappolato nell’uso di una sola parola. Possiamo soffrire per la vita dei…deportati…ma dimentichiamo che, se parliamo di “vita” abbiamo da soffrire per l’ unicità di esperienze del deportato Julius Kronheim e poi per quella di Alfred Simonowitz e poi….e dobbiamo contarli uno per uno. Evitare la “trappola” che un certo uso del termine “vita” comporta, è esattamente quel che fa questa narrazione intestardita sul caso per caso. E c’è da star male a leggerla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.