Scritto 74

elytis_monogramma

 

 

(a Massimiliano Damaggio, che sta traducendo Monogramma di Odysseas Elytis, a Yves Bergeret e a Francesco Marotta, che amano la poesia di Elytis)

 

 

οί βάρκες πού έκρουσαν γλυκά       le barche che sbattevano dolcemente

          e tutto il canto d’amore di Monogramma – rileggere Elytis, ri-tradurlo è sempre urgente, sempre necessario. Che sia pace o che sia guerra non importa. Il mare e la luce e la lingua greca. 

          Era Elytis stesso a ripeterlo: quella in lingua greca è, forse, l’unica tradizione poetica del pianeta ininterrotta nei millenni.

          E per me le barche, come levitanti nell’acqua trasparente del porto, sono fascino ininterrotto fin dall’infanzia: a Castro, a Otranto, a Gallipoli le guardavo galleggiare movendosi piano, qualche volta appena urtandosi o urtando l’orlo del molo – vengo da una terra greca, greca d’Occidente e il canto del cretese Elytis mi tocca e mi commuove come pochi altri.

          Conosco la pietra bianca abbagliata dal sole e l’olivo, sacra pianta, conosco il termine di ogni intrapreso cammino: il mare.   

1 commento su “Scritto 74”

  1. Ingemar Rhedin: Le tue prime poesie sono come dei quadri.

    Elytis: Certo, sono tutte dei quadri. Qualcuno ha detto, e lo condivido, che sono “poeta per sbaglio”. Dovrei essere più che altro un pittore, in quanto riesco a vedere le cose meglio degli altri e questa è una virtù. Ogni poeta dovrebbe poterlo fare, perché se si scrivono solo pensieri, si rischia di finire nell’abstrait, nell’astratto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.