Water Melody 7 / Li Bai

antica poesia cinese tradotta da 白松 Antonio Cosimo De Biasio


Prendo il bicchiere e interrogo la luna

Luna nel cielo terso, quando appari?
Sto posando il bicchiere e te lo chiedo.
Non ci si può avvicinare alla luna,
Ma la luna segue le nostre tracce.

Come uno specchio vola sui palazzi;
Svaniscono le nubi, e brilla ovunque.
Vediamo la luna uscire dal mare,
E in mezzo alle nuvole tramontare.

Tutto l’anno il coniglio è col pestello,
Chang E è sola, chi le fa compagnia?
Non vedo oggi la luna degli antichi,
Ma la luna è la stessa del passato.

Antichi e attuali sono acqua che scorre,
Ma per tutti la luna è come questa.
Vorrei solo che mentre canto e bevo
La luna splenda a lungo nel bicchiere.

Il coniglio lunare (in cinese 月兔, yuètù) è una creatura presente nella mitologia e nel folklore di molti paesi dell’Estremo Oriente, e in particolare di Cina, Corea e Giappone. Si tratta per l’appunto di un coniglio che vivrebbe sulla Luna. Deve la sua origine a una pareidolia comune in Asia per la quale è possibile vedere, negli avvallamenti della faccia illuminata della luna piena, la figura di un coniglio seduto sulle zampe posteriori a fianco di un pestello da cucina. È una figura leggendaria molto presente nell’immaginario mitologico dell’Estremo Oriente. In Cina viene solitamente considerato un compagno della divinità lunare Chang E, per la quale è incaricato di produrre l’elisir di lunga vita pestandone i componenti nel suo mortaio.

把酒问月

青天有月來幾時?
我今停杯一問之。
人攀明月不可得,
月行卻與人相隨。

皎如飛鏡臨丹闕,
綠煙滅盡清輝發。
但見宵從海上來,
寧知曉向雲間沒。

白兔搗藥秋復春,
嫦娥孤棲與誰鄰?
今人不見古時月,
今月曾經照古人。

古人今人若流水,
共看明月皆如此。
唯願當歌對酒時,
月光長照金樽裡。

bă jiŭ wènyuè

qīng tiān yǒu yuè // lái jī shí
wǒ jīn tíng bēi // yī wèn zhī
rén pān míng yuè // bù kě dé
yuè xíng què yǔ // rén xiāng suí

jiǎo rú fēi jìng // lín dān què
lǜ yān miè jìn // qīng huī fā
dàn jiàn xiāo cóng // hǎi shàng lái
níng zhī xiǎo xiàng // yún jiān méi

bái tù dǎo yào // qiū fù chūn
cháng é gū qī // yǔ shuí lín
jīn rén bù jiàn // gǔ shí yuè
jīn yuè zēng jīng // zhào gǔ rén

gǔ rén jīn rén // ruò liú shuǐ
gòng kàn míng // yuè jiē rú cǐ
wéi yuàn dāng gē // duì jiǔ shí
yuè guāng cháng // zhào jīn zūn lǐ

*

D’autunno, salendo sulla torre settentrionale
di Xie Tiao nella città di Xuan cheng

Come in un quadro è la città fluviale
Tra i monti scuri ed un vuoto vapore.
Si infilano due fiumi in uno specchio,
Due ponti in un arco multicolore.

Fra i fumi umani e aranci infreddoliti
L’autunno tinge e invecchia il parasole.
Chi altri pensa di andare sulla torre
Se arriva il vento ed ha Xie Tiao nel cuore?

Xie Tiao, poeta (464-499), famoso per le poesie paesaggistiche successivamente care ai poeti della dinastia Tang. Xuan cheng, città nell’attuale Provincia di Anhui. Parasole: “Albero parasole” (cinese), Firmiana simplex.

秋 登 宣 城 谢 朓北楼

江城如畫裡,
山晚望晴空。
兩水夾明鏡,
雙橋落彩虹。

人煙寒橘柚,
秋色老梧桐。
誰念北樓上,
臨風懷謝公。

qiū dēng xuān chéng xiè tiào bĕi lóu

jiāng chéng // rú huà lĭ,
shān wăn // wàng qíng kōng
liăng shuĭ // jiā míng jìng
shuāng qiáo // luò căi hóng

rén yān // hán jú yòu
qiū sé // lăo wú tóng
shuí niàn // bĕi lóu shàng
lín fēng // huái xiè gōng

*

Pensieri in una notte di quiete

Davanti al letto un bagliore lunare,
O è forse brina per terra a brillare?
Guardo e alzo il capo: è la luna che splende;
Chino il capo, e la nostalgia mi prende.

静夜思

床前明月光,
疑是地上霜。
舉頭望明月,
低頭思故鄉。

jìng yè sī

chuáng qián // míng yuè guāng
yí shì // dì shàng shuāng
jŭ tóu // wàng míng yuè
dī tóu // sī gù xīāng

*

Tra i monti, rispondendo a un ingenuo

Mi chiedi perché vivo
sui monti di smeraldo,
Sorrido e non rispondo
ho il cuore calmo e pago.
Vanno i fiori di pesco
tranquilli e scorre l’acqua,
C’è un mondo che è diverso,
né è quello tra gli uomini.

山中答俗人

問余何意棲碧山,
笑而不答心自閑。
桃花流水窅然去,
別有天地非人間。

shān zhōng dá sú rén

wèn yú hé yì // qī bì shān
xiào ér bù dá // xīn zì xián
táo huā liú shuǐ // yǎo rán qù
bié yǒu tiān dì // fēi rén jiān

*

Il giorno del ritorno al Monte Vecchio

Ancora sporco il cappello di polvere,
Torno al pianoro delle erbe e dei fiori;
Un sentiero di canne verdeggianti,
Diecimila picchi chiari di neve.
Sul suolo gelato mucchi di foglie
Su valli fredde non si muove nube;
Giovani bambù fitti intorno a casa,
Alberi vecchi inclinati sul fiume.
Un cane bianco abbaia dal villaggio
Il muschio verde cresce sopra i muri.
Nella cucina entra ed esce un fagiano,
Piomba in sala una vecchia scimmia urlando.
Sulle piante cadute ancora i nidi,
Sullo steccato passano le bestie.
Scuoto il giaciglio e i topi grigi fuggono,
Da una cassa i pesci d’argento scappano.
Lavo la pietra per l’inchiostro e scrivo,
Lo stesso ardore del pino che cresce.
Questo è il momento, è importante che vada,
E vado incontro agli dei, ai Tre Puri.

Monte Vecchio: Jiushan, si tratterebbe dell’attuale monte Kuangshan, Provincia di Sichuan. I Tre Puri: sono i tre dei principali del Taoismo.

冬日歸舊山

未洗染塵纓,
歸來芳草平。
一條藤徑綠,
萬點雪峰晴。
地冷葉先盡,
穀寒雲不行。
嫩篁侵舍密,
古樹倒江橫。
白犬離村吠,
蒼苔壁上生。
穿廚孤雉過,
臨屋舊猿鳴。
木落禽巢在,
籬疏獸路成。
拂床蒼鼠走,
倒篋素魚驚。
洗硯修良策,
敲松擬素貞。
此時重一去,
去合到三清。

dōng rì guī jiù shān

wèi xǐ //rǎn chén yīng
guī lái // fāng cǎo píng
yī tiáo // téng jìng lǜ
wàn diǎn // xuě fēng qíng
dì lěng // yè xiān jìn
gǔ hán // yún bù xíng
nèn huáng // qīn shě mì
gǔ shù // dào jiāng héng
bái quǎn // lí cūn fèi
cāng tái // bì shàng shēng
chuān chú // gū zhì guò
lín wū // jiù yuán míng
mù luò // qín cháo zài
lí shū // shòu lù chéng
fú chuáng // cāng shǔ zǒu
dào qiè // sù yú jīng
xǐ yàn // xiū liáng cè
qiāo sōng // nǐ sù zhēn
cǐ shí // chóng yī qù
qù hé // dào sān qīng


Antonio (Cosimo) De Biasio (1955). Vive a Cordenons, Friuli Venezia Giulia. Scrive poesia in italiano (“Quasi alla deriva”, Viennepierre, 2005), in friulano, nella varietà di Montereale Valcellina (“Claps contro la not”, 1998; “Poesìis fatis de corso”, 2003). Ha fatto ricerche storiche (“Odorico da Pordenone in Cina”, 2013). Si è laureato in lingua e letteratura cinese a Ca’ Foscari (Venezia) nel 1982. Ha guidato annualmente dal 1987 gruppi di turisti in Cina. Ama la poesia classica cinese (da quando conobbe Ezra Pound nel 1970), e si diletta di quando in quando a renderla in metrica italiana. Scrive tanto, ma non ha alcuna impellenza a pubblicare.

Pubblicità

2 pensieri riguardo “Water Melody 7 / Li Bai”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.