Splendori

Splendori e fasti di quei libri che si autogenerano, titoli diversi, eguali sempre contenuti e stile (stile?), vampireschi, onanistici, imperdonabilmente noiosi.

Fasti e splendori dei libri in serie, luci di natale in plastica, dolciastri rassicuranti.

Ospitati, reclamizzati, recensiti, mai letti (nemmeno da’ lor recensori). Ah, almen non fosser stati mai scritti! 

Pubblicità

1 commento su “Splendori”

  1. Certamente. Resta il fatto che vengono pubblicati con la massima facilità, anche da grandi case editrici.
    Chi non merita, ha le vetrine colme. Walter Veltroni, per esempio. Chi merita, si attacca al tram.
    Denunciare un fatto, non vuol dire che il fatto venga risolto.
    Giriamo e rigiriamo in tondo sempre attorno agli stessi problemi, nell’indifferenza più assoluta.

I commenti sono chiusi.