Per una lettura di “Perdite”

Chiara Catapano legge Perdite (Puntoacapo Editrice) di Bartolomeo Bellanova.

 

Quale incendio indomabile si prepara nei fondali!” (Dispaccio da Vieste

Ho voluto iniziare da questa profezia, quell’indomabile incendio che illumina e purifica, di cui Bellanova percepisce il propagarsi nei fondali: un incendio che si innesca dalle profondità oscure, da luoghi impensabili, per ossimoro. In fin dei conti, mi sono detta, questo è un libro di profezie che si stanno avverando mentre si scrivono. E’ come l’incontro tra due mari, tra due sostanze identiche ma provenienti da diversi luoghi; è il momento in cui il futuro annunciato e il passato veggente si salutano, generando immagini.

Così avvertiva Cristina Campo nei suoi Imperdonabili, a metà del breve secolo che si è riversato in questo, secolo di profezie rivelatesi atrocemente concrete:

“(…) il povero mondo biochimico di domani dove il pensiero, secondo ci viene annunciato con reverenza, non sarà più che un siero, la coscienza più che un tegumento, ma neppure siero e tegumento l’uomo potrà ricevere in retaggio alla sua nascita poiché è noto che un impulso elettronico potrà privarlo di entrambi a qualunque distanza, per opera di un qualunque sconosciuto.”

“Perdite” è costruito per ossimoro. E’ il constatare, con lucidi sensi, l’insistenza ottusa dell’uomo nel rinnegare la vita. Fonte di dolore non è la morte in sé, ma questa negazione, giunta a noi liofilizzata ormai in formule matematiche, in tavole periodiche, in scientifica schiacciante logica. Siamo al giro di boa, allo spogliamento, alla perdita di tutto ciò che ci ha mascherati alla realtà.

L'esercito dei viventi morti che questa mattina
con orgogliosa sicurezza aveva disceso i marciapiedi
che si tuffano sul lungomare e baldanzoso
aveva colonizzato stuoie, lettini e sdraio,

ora risale in disordine le passerelle di legno
e timbra il bicchiere nelle officine balneari
che producono percussioni e Aperol-Soda in un'interrotta
catena di montaggio di significanti pensieri.

Sullo spuntone abbrustolito del castello aragonese
un gabbiano osserva irrelati passi camminare
nella stessa casuale direzione,
battaglioni di gomma e crema solare,
all you can eat e acqua in bocca.

Spicca il volo dal precipizio della falesia
l'uccello sagace, drone della disperazione
invischiato tra cielo e mare
appiccicosi come zucchero filato
tra le cosce.

Quale incendio indomabile si prepara nei fondali!

(Dispaccio da Vieste)

È la percezione dolorosa del linguaggio che s’apre sul mondo. Siamo sull’uscio, non diamo le spalle a niente: dietro di noi non c’è il passato, tutto si compie davanti ai nostri occhi. È dentro di noi e fuori, proiezione-deiezione, spremitura, sacrificio senza nulla di sacro da sacrificare. Per questo, nonostante ogni pagina pesi come una scure che s’abbatte sulla misura delle nostre vite, la lama è quella affilata della comprensione. Né fede né fiducia in possibilità vaghe o distorte visioni salvifiche; ma l’ascolto, l’osservazione, l’accarezzamento del mondo per riportarlo in vita (per riportarci in vita). È duro diamante la disciplina con cui il poeta allena le sue percezioni. Elimina con mani delicate le concrezioni, la decomposizione dei passaggi infiniti di distratti viandanti; estrae particelle d’universo dalle montagne di plastica galleggianti nei mari e nelle sinapsi dei nostri cervelli. Dunque “Perdite” è anche un tentativo di resurrezione.

Tra lo sciabordare delle auto

sul letto di asfalto
e lo sfrigolio dei motori
in pausa al semaforo rosso
c'è sempre una capocchia di silenzio
dove tu, flebile cinguettio,
ti infili senza conoscere 
il Vangelo, il Codice Civile,
le corsie preferenziali e le ZTL.

Davanti a te becco del mattino
resto adorante come a Santo patrono.

Lenisci degli occhi le frustate,
lo schiamazzare della ciurma
sul ponte del Titanic.

(Salvaci)

* 

Quando tra migliaia di anni
silenziosi robot asessuati
scaveranno sotto a decine di metri
di fogliame e liquame,
tra pezzi di viadotti o tralicci

ci troveranno abbracciati,
marmorizzati fossili a spirale,
umane ammoniti da collezione

e attribuiranno all'eccesso d'amore
la causa della nostra estinzione.

(Falso indizio)

*

Il buio è luce di altro colore
la morte è vita di altro spessore.

Cambia la grammatura della carta
si assottiglia, assume le forme del vento
la nostra storia scritta
con l'inchiostro simpatico
della luce.

(La risma)

*

L'ombelico del silenzio 
sgocciola Dio;
è dolce berne
e poi urinare fuori tutti i pensieri.

È osceno ogni strato di rumore
spalmato sulla pelle,
è un tabarro di flanella bagnato,
un gibbone sulle spalle ricurve

un gibbone soffocante.

Nel silenzio siamo matite appuntite,
coi corpi in punta di piedi
scriviamo vocabolari di parole inconcepite.

(Silenzi)

Cosa può fare il poeta, nella stanza incommensurabile della poesia, se non estrarre dalla materia grezza del mondo materia sottile, farla brillare come un plancton millenario sospeso tra miliardi di voci? Silenziare i neon, gli apostrofi cangianti dei semafori; sprofondare nel buio un’intera civiltà. Per poi pazientemente, devotamente ascoltarlo, quel buio; accenderlo con il tocco di uno sguardo scoccato con precisione. Il poeta uccide la distrazione sfrontata delle mandrie umane, e lo fa con un unico gesto puro. Così ci avverte dell’irreparabile, di un incendio indomabile capace di attraversare gli opposti; ci avverte, mentre lo innesca con quell’unico, puro e preciso atto d’amore per la vita.

(…)
Le foglie morte mi blandiscono dolcemente:
la terra consola, la terra accoglie
l'inconsistenza del frantumarsi.

(Il dubbio)
Pubblicità

2 pensieri riguardo “Per una lettura di “Perdite””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.