Nel respiro – di Paolo FICHERA

[Nel respiro è uno dei tre poemetti, insieme a Nel sangue e Nel battito, che danno corpo all’ultimo lavoro di Paolo Fichera: esemplare chiusura di un cammino circolare (cfr. qui e qui) iniziato tra le pagine di quell’autentico gioiello che è Lo Speziale. Su Oboe Sommerso di Roberto Ceccarini è possibile ascoltare, oltre a quelli … Continua a leggere Nel respiro – di Paolo FICHERA

Risonanze II – Paolo FICHERA

Su Innesti di Paolo Fichera, Genova, Cantarena, 2007 Dalla cenere di un risorto miraggio “la struttura è finitudine vento specie di un luogo” La parola non è che passaggio di senso. Di voce in voce. Crescita, per sottrazione di spazi al vuoto, da un’unica radice. Il respiro che riconduce alla parola tutto ciò che tace, … Continua a leggere Risonanze II – Paolo FICHERA

Nell’esilio / Ilaria Seclì: L’Impero che si Tace

Non si legga L’impero che si tace (Borgomanero, Giuliano Ladolfi Editore, 2019) come un libro di poesia o, peggio ancora, di prose poetiche. Lo si legga, invece, come una rincorsa del respiro e con una rincorsa del respiro, con la certezza che il linguaggio è capace d’inventare mondi e che la bruttezza violenta del cosiddetto … Continua a leggere Nell’esilio / Ilaria Seclì: L’Impero che si Tace

Per il decennale di RebStein, 8

Paolo Fichera Vivant di August Picard (traduzione di Paolo Fichera) * Comme souffles blancs trempés des ténèbres apparaissent les amants, schismes enterrés, vampires insouciants des chaque lumière remontent à la surface, pour petites gorgées d’air, à mourir intacts dans leur propre sang come respiri bianchi imbevuti di buio appaiono gli amanti, scismi sepolti, vampiri incuranti … Continua a leggere Per il decennale di RebStein, 8

Volti dell’acqua (il libro)

Anila Resuli Una donna di 30 anni affronta a ritroso con il supporto di una memoria, sempre fallace, e di una lingua, non di origine, il viaggio compiuto 14 anni prima dall’Albania all’Italia. Un poeta dedito alla poesia corporale spezza un percorso che pareva immutabile e depone una spina in terra per poterla calpestare e … Continua a leggere Volti dell’acqua (il libro)

Ingegneria poetica

Giuseppe Cornacchia “In generale, vi è accordo sul fatto che le proprietà estetiche siano proprietà percettive, dipendenti da proprietà percettive di livello più basso, oggetto di esperienza diretta più che di inferenza; la fruizione estetica richiede pertanto la messa in gioco di categorie appropriate nell’esperienza dell’opera.” In Tutte le Poesie (1994-2004), libro pubblicato da Lampi … Continua a leggere Ingegneria poetica

Ospiti (e-l)

Margherita Ealla (1) (2) (3) Umberto Eco Daniela Edburg Ólafur Elíasson Luca Elli (1) (2) Matt Elliott Paul Éluard Antoine Emaz Andrea Emo Empedocle Hans Magnus Enzensberger Marco Ercolani (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) (9) (10) (11) (12) (13) (14) (15) (16) (17) (18) (19) (20) (21) (22) (23) (24) (25) (26) … Continua a leggere Ospiti (e-l)

Quattro metalli – Sebastiano AGLIECO

PIOMBO 1 Ogni traccia viene a noi da un tempo dove abitammo nella distanza delle mani nel dolore della casa. Essere sostanza e tempo venire, partire, dal cono d’ombra del piombo, da una casa, nei cerchi. Riduci la parola a un suono la parola nel suo apparire nella distanza dei nomi. Nell’ombra percepire la bocca … Continua a leggere Quattro metalli – Sebastiano AGLIECO

La Passione di Eugenio

Paolo Ottaviani Meditazioni inconcluse sopra “L’altra passione – Giuda: il tradimento necessario?” di Eugenio De Signoribus (Pubblico l’intervento che Paolo Ottaviani dedica a Eugenio De Signoribus e si tratta di meditazioni, appunto, appassionate e profondamente partecipi nei confronti di un libro, ma anche di un’intera opera poetica e di una persona – l’amico stimato e ammirato … Continua a leggere La Passione di Eugenio

Ospiti (D)

Alberto Da Costa E Silva Manuela Dago Antonio D’Agostino Chiara Daino (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) (9) Stefano Dal Bianco Francesco Dalessandro Mario Dal Pra’ (1) (2) (3) Massimiliano Damaggio (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) (9) (10) (11) (12) (13) (14) (15) (16) (17) (18) (19) (20) (21) (22) (23) (24) (25) … Continua a leggere Ospiti (D)

Monologo sull’ambiguo

Massimo Sannelli [Scuola di poesia] [Tratto da: Massimo Sannelli, Scuola di poesia, Porto Sant’Elpidio (AP), Wizarts Editore, “Licenze poetiche”, 2010] MONOLOGO SULL’AMBIGUO L’ambiguità nasce quando «due elementi contrari costanti […] si scontrano dentro un’opera» (Tre riflessioni sul cinema, 1974) e dentro una vita. Gli elementi «costanti» fanno in modo che l’ambiguità sia un fenomeno duraturo … Continua a leggere Monologo sull’ambiguo