Tutti gli articoli di natàlia castaldi

La morte del corniciaio

la-vecchia-stanza-di-pietra-con-cornici-in-legno-in-stile-vittoriano

Andrea Pomella

La morte del corniciaio

Sulla serranda è scritto “Chiuso per lutto”. Torno a casa camminando mano nella mano con mio figlio. Svoltiamo l’angolo e c’è il portiere che confabula con una signora: “Ci ho parlato stamattina, non è morto di vecchiaia”. Il portiere ci tiene a precisarlo, non è la vecchiaia che ha ucciso il corniciaio, è un’altra cosa, anche se aveva ottant’anni e passa, non si può dare un indirizzo generico alla morte. O sarà che anche il portiere si avvia ineluttabilmente a quell’età che magari muori all’improvviso e la gente dice che sei morto di vecchiaia perché non ha la pazienza di trovare una causa alla tua morte, cosicché la vecchiaia, essendo di per sé una cosa già tanto brutta, la si rende colpevole di ogni nefandezza. Continua a leggere La morte del corniciaio

John Berryman: tutti i volti del suicidio

John Berryman, Canti Onirici e Altre Poesie, 1978
John Berryman, Canti Onirici e Altre Poesie, 1978

Continua a leggere John Berryman: tutti i volti del suicidio

Associazioni e poetiche: Charles Simić, Joseph Cornell e Andrew Wyeth

Andrew Wyeth, Around the corner, 1994
Andrew Wyeth, Around the corner, 1994

Parlare della poesia di Charles Simić associandola alle fascinazioni delle scatole, delle pellicole assemblate e dei collage di Joseph Cornell, è scontato almeno quanto associare la poetica di Mark Strand ai lavori di Hopper.
Eppure credo che superando la fascinazione e il dichiarato amore di Simić per l’accattonaggio magico di Cornell – cui ha reso omaggio dedicandogli un intero libro che si apre con la citazione di Gérard de Nerval:

«Io? Inseguo un’immagine, nient’altro»

Continua a leggere Associazioni e poetiche: Charles Simić, Joseph Cornell e Andrew Wyeth

nelle pause del tuo disamore

Raymond Meeks
Raymond Meeks

Pier Maria Galli

5 semplici righe perché è un quasi sera, ed è inverno.
perché oggi potevo potarti le rose
con l’equilibrio di un bambino e non l’ho fatto.
perché è di un’irresponsabile bellezza
la sciagura di certe felicità inconsolabili

.
Continua a leggere nelle pause del tuo disamore

Il cacciatore di immagini

Joseph Cornell

Charles Simić

E’ dunque possibile che, malgrado le sue mura di mattoni e i suoi volti ben rasati, questo mondo nel quale viviamo sia orlato di meraviglie e che io stesso e l’umanità intera, sotto gli stereotipi con i quali ci ammantiamo, celiamo enigmi che nemmeno le stelle, forse nemmeno i serafini più sublimi, sono in grado di risolvere?” scrive Melville in Pierre.

Domenica di giugno, prima mattina. Ha piovuto dopo mezzanotte e l’aria e il cielo sono meravigliosamente tersi. Le strade sono vuote e i negozi chiusi. Un’occhiata alle cose prima che altri le vedano. Un vecchio edificio commerciale si staglia vuoto all’angolo. Lo stanno restaurando. I muri sono stati ridipinti, e le sue sedici finestre, lavate di recente, ora sfavillavano. All’interno si vedono specchi e altre finestre che danno sul retro, ma niente mobili. E’ tutto molto in ordine, a parte qualche crepa ancora visibile sulla facciata e schizzi di colore sul marciapiede.

La chiarezza della visione è un’opera d’arte.

Continua a leggere Il cacciatore di immagini

I giorni perfetti

salotto liberty

Natàlia Castaldi

“Dove vanno a finire i personaggi di un film ancora da girare?
Qualunque pellicola immagini, l’umano è sempre in agguato con le sue gabbie da raccontare.”

    

Davide sapeva che non poteva tornare, la scena era ormai cambiata, il regista gli stava riscrivendo ruolo e partitura. La sua canzone tra memoria e compiacenza avrebbe dovuto occultare la scena precedente in una pozza di sangue, ma il sangue di Elvira aveva una dolcezza particolare, che s’intonava all’incarnato bianco, facendo risaltare la passione in un balbettio di reminiscenze. Continua a leggere I giorni perfetti

SoloMinuscolaScrittura

Silvia Rosa - SoloMinuscolaScrittura
Silvia Rosa – SoloMinuscolaScrittura

Silvia Rosa

Quali trame percorrono i messaggi poetici di Silvia Rosa? Che caratura hanno queste brevi e affilate visioni del sé? «Solo Minuscola Scrittura» è un esperimento, pienamente riuscito, di accogliere la relazione. Silvia, che ha esordito poeticamente con «Di sole voci», ora ha la maturità per sostanziare se stessa. Come corpo puntellato di parole, anzitutto. Questo corpo lo si vorrebbe espungere da ogni materialità, lo si vorrebbe mondare fino quasi la sparizione. Ma poi ecco il bagliore: una luce che a intermittenza ripara dall’eccesso, eppure compare. Non può fare diversamente. Si arroga il diritto di farsi sentire. La poetica di Silvia Rosa assume così la consistenza di una partitura in scala cromatica dove ogni messaggio è percorso da regolarità di composizione, uguale per lunghezza e intensità. Continua a leggere SoloMinuscolaScrittura