Archivi categoria: diritti

Vite a piè di pagina

Stefanie Golisch

In un incendio di una scuola sono morti venti bambini piccoli che non sono riusciti a mettersi in salvo quando il fuoco, di origine ignota, in breve tempo ha bruciato un insieme di capanne di paglia: la scuola del villaggio o della città.

Più lontana la tragedia o disgrazia, più vaga l’informazione sulle circostanze precise.

In questo caso, viene dato soltanto il nome del paese, il Niger, un paese dell’Africa centrale di cui non si parla mai e di cui non si sa nulla.

Continua a leggere Vite a piè di pagina

Fratelli migranti

Patrick Chamoiseau

«I poeti dichiarano che il razzismo, la xenofobia, l’omofobia, l’indifferenza nei confronti dell’Altro che viene che passa che soffre e che chiama, sono indecenze che nella storia degli uomini non hanno fatto che aprire la strada agli stermini, e che dunque non accogliere, anche se per valide ragioni, colui che viene che passa che soffre e che chiama è un atto criminale.»

Patrick Chamoiseau
Fratelli migranti – Contro la barbarie
Traduzione di Maurizia Balmelli e Silvia Mercurio
Torino, add Editore, 2018

Continua a leggere Fratelli migranti

Per Maria Luisa Galli (in memoriam)

Maria Luisa Galli (suor Maria Simona Petra) si è spenta il 19 dicembre nel monastero di Orta San Giulio. I pochi giornali che hanno dato la notizia tracciando poi un profilo biografico lo hanno fatto, a mio avviso, indulgendo al sensazionalismo e fermandosi alla superficie. Me n’è rimasta una sgradevole sensazione di articoli rabberciati e privi di rispetto per la persona e per la sua storia.
“La suora di Pannella” è l’espressione ricorrente e, francamente, stupida, ottusamente rilanciata. Nell’osceno chiacchiericcio contemporaneo la storia di Maria Luisa Galli può apparire singolare e per il popolo di facebook, twitter e simili si confezionano (ovviamente!) articoletti di squallida approssimazione. Ecco: lo squallore sembra impadronirsi della storia delle persone che, invece, andrebbero raccontate e ascoltate e molto preoccupante è l’ovvia semplificazione in base alla quale occorrerebbe confezionare la notizia – “altrimenti nessuno legge”.

Continua a leggere Per Maria Luisa Galli (in memoriam)

25 novembre ogni giorno

Il trentacinque per cento delle donne nel mondo ha subìto
e subisce violenze di ogni genere.
Sette milioni di donne in Italia, una su tre, hanno subìto abusi
nel corso della loro vita.
Il settanta per cento dei responsabili sono partner, ex partner
o familiari in genere.
L’unica forma di cultura che abbia veramente senso
è la liberazione delle donne da questo orrore.
Solo dopo si potrà ancora parlare di poesia, di arte, di pensiero…

No Tap


Divieto di circolazione a San Foca
Territorio blindato
Puglia sotto assedio
Editoriale di Bill McKibben
Disobbedienza NO TAP in Europa
Il gasdotto dei tre regimi
Chi c’è dietro la TAP
Il Comitato NO TAP su fb

“Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà.” (Primo Levi)

Sabha, Europa

Solo una “civiltà superiore” come quella europea, culla e baluardo dei diritti umani, poteva strappare alla morte in mare migliaia di profughi e migranti. In che modo? Creando corridoi umanitari protetti? Stroncando all’origine il commercio di armi che alimenta sanguinose guerre civili? Investendo nei paesi di provenienza per arrestare desertificazione, carestie e fame? No, niente di tutto questo, troppo dispendioso. Ha elaborato un metodo che elimina il problema alla radice: consegnare i migranti nelle mani dei macellai libici: quelli che sopravvivono a soprusi e vessazioni disumani, avranno sempre la possibilità di essere venduti come schiavi.

Trafficanti di uomini
Il mercato degli schiavi

Compi una buona azione

IL 17 MAGGIO, IN OCCASIONE DELLA
GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA,
COMPI UNA BUONA AZIONE:
ADOTTA UN OMOFOBO,
NON LASCIARE DA SOLO AL SUO INFELICE DESTINO
UN TUO SIMILE AFFETTO DA UNA COSI’
DEVASTANTE PATOLOGIA!

 

NON FAR FINTA DI NIENTE,
DUNQUE, NON RIMANDARE.
E’ PIU’ FACILE
DI QUELLO CHE SEMBRA,
SOPRATTUTTO
SE VIVI IN ITALIA:
TI BASTA SOLTANTO
USCIRE DI CASA,
E NON HAI CHE L’IMBARAZZO
DELLA SCELTA.’


Libertà per Ashraf Fayadh

Ashraf Fayadh

Libertà per Ashraf Fayadh

Ashraf Fayadh, poeta, curatore e artista, è stato condannato a morte da un tribunale dell’Arabia Saudita, paese dove è nato da genitori palestinesi. È accusato di aver promosso l’ateismo con i suoi testi inclusi nell’antologia poetica Instructions within (2008), di aver avuto relazioni illecite, di aver mancato di rispetto al profeta Maometto e di aver minacciato la moralità saudita. La sentenza è stata emessa il 17 novembre ed è previsto che Fayadh possa presentare una richiesta d’appello entro trenta giorni.

Continua a leggere Libertà per Ashraf Fayadh