Archivi categoria: letteratura irlandese

Quaderni di Traduzioni (XXXI)

Quaderni di Traduzioni
XXXI. Marzo 2017

paestum-il-tuffatore

Francesca Diano

__________________________
Piccola antologia di poesia anglofona (2017)
__________________________

Before the flood, 10

Immagine di Michele Guyot Bourg

 

 

James Harpur

      Il tuffatore di Paestum

      Dipingi questo sarcofago di pietra
      Con scene del mio convito funebre.
      Raduna i miei compagni d’un tempo
      E ponili sopra letti morbidi.

      Fa’ che il vino sciolga loro la lingua
      Carezza le carni dei loro efebi
      Succhia a baci dai flauti melodie
      Trai armonie pizzicando le lire.

      Tutto mi son lasciato dietro.
      Scorie di vino mi impastano la lingua
      La musica fa stridere il silenzio
      E pelle sulla pelle mi disgusta.

      Dipingi tinte ricche e veritiere
      Fa’ che la sensualità colori
      Questo sepolcro gelido ed ascetico –
      Ad eccezione dell’interno del coperchio:

      Qui fai vedere l’oceano sconfinato
      Uno o due alberi con rami come felci
      La sagoma di un trampolino;
      Che tutto sia essenziale e delicato.

      E raffigurami senza veste alcuna
      Un’anima nuda in volo e rilucente
      Che attraverso la mia vita sensibile
      Si tuffa nelle acque dell’oblio.

Traduzione di Francesca Diano

(continua a leggere qui)

Crossings

Seamus Heaney
(Castledawson, 13 aprile 1939 – Dublino, 30 agosto 2013)

Enrico Della Torre

Seamus Heaney

Crossings. Ci torna comodo prendere le mosse dalla conclusione lapidaria di un saggio autobiografico di Heaney del 1972, da una frase al cui centro troviamo la stessa parola tematica del nostro titolo: “I began as a poet when my roots were crossed with my reading” (“Ho iniziato come poeta quando le mie radici si sono incrociate con le mie letture”). Continua a leggere Crossings

New Weather

Paul Muldoon

Paul Muldoon
Giuseppe Cornacchia

                   WIND AND TREE

               In the way that the most of the wind
               Happens where there are trees,

               Most of the world is centred
               About ourselves. […]

Continua a leggere New Weather

Ricordo di Dennis O’Driscoll

Dennis O'Driscoll

Dennis O’Driscoll
Francesco Tomada

Ho conosciuto Dennis lo scorso anno: una persona schiva, di una gentilezza rara, che in nessun modo faceva pesare la consapevolezza di essere uno dei maggiori poeti irlandesi viventi.

Dennis è morto alla vigilia di Natale; l’ho scoperto per caso, come capita con le persone con cui si resta in contatto occasionale, scrivendosi una mail di tanto in tanto con affetto, ma in realtà l’uno al di fuori della vita dell’altro. Così mi sono chiesto se questa meravigliosa poesia che lui aveva scritto fosse dedicata ai morti dell’11 settembre, come aveva pensato in origine, o anche un poco a se stesso.

Continua a leggere Ricordo di Dennis O’Driscoll