Archivi categoria: marta campi

La deriva

Marta Campi

LA DERIVA

Atlantis – Juan-Les-Pins (Francia)

[Questa è un’opera di fantasia. Ogni riferimento a persone
esistenti o a fatti accaduti è puramente casuale.]

SONO SCAPPATA DA UNA CITTÀ CAOTICA, DISTURBANTE, EROSIVA. COSÌ HO SCELTO UN POSTO PER VIVERE CHE FOSSE VICINO ALLA MIA NATURA, AL CONTEMPO AUSTERA E SELVATICA. JUAN-LES-PINS MI SI È PUNTATA DAVANTI COME UN’ALLUSIONE RANDAGIA: CON IL FRUSCIO DI SOTTOFONDO DELLA PINETA, E LO SCOMPOSTO MOVIMENTO CHE SI DISTENDE NERVOSAMENTE VERSO L’ACQUA, VELATA E TREMOLANTE.
DEGLI SFARZI DELLA CÔTE D’AZUR HA BEN POCO. ANCHE LA GENTE DAL PASSO SBILENCO, E LA NATURA INVISIBILE RIESCE, FORSE PER LA PRIMA VOLTA, A FARMI SENTIRE A MIO AGIO.

Continua a leggere La deriva

Circuito oscillante

Marta Campi


Circuito oscillante

On

Penne a sfera dalle forme bizzarre, gomme da cancellare bicolore, al profumo d’albicocca, vaniglia, al gelato al gusto di puffo, roba da far venire voglia di inciderle coi canini ben affondati nella soffice isobutenica pancia; poi… colla per tutte le fantasie, col pennelletto, roll-on, quelle che se messe sulle dita formano una cuticola, impronta-cimelio, che asciugata si può staccare, e conservare nell’angolo in alto a sinistra del banco. Un vero e proprio paradiso a portata di mano, anzi di astuccio! e Charlie lo sa bene. I suoi occhietti brillano di fronte tutti quegli oggetti dall’anima preziosa, in grado, se solo ottenuti, di farla sprofondare in un tepore intestinale simile a quello di un gatto quando viene riempito di coccole e carezze.

Continua a leggere Circuito oscillante