Archivi categoria: r. m. rilke

Quaderni di Traduzioni (XLV)

Quaderni di Traduzioni
XLV. Giugno 2018

Rainer Maria Rilke

__________________________
Duineser Elegien, 1923
__________________________

Annunci

Enzo Paci: nel segno di Rilke

Andrea Cirolla

“La parola non deve essere la parola che impongo ma la parola che nasce dalle situazioni che in essa si aprono, maturano, emergono verso nuove possibilità. Le torri che si innalzano pure verso l’azzurro paziente del cielo sembrano in attesa, cariche di passato, dei secoli che verranno. Sentire il loro senso, la loro storia nel mondo nel quale hanno vissuto e vivono, nelle relazioni che le costituiscono e che mi costituiscono, è lasciare che parlino; è lasciare che il loro silenzio maturi in un nome, o in un discorso che non sia predisposto; è lasciare che la parola nasca, come nasce in silenzio, e matura, il frutto nel tempo.”

(Enzo Paci, Dall’esistenzialismo al relazionismo, 1957)

Continua a leggere Enzo Paci: nel segno di Rilke

Sulla tomba di Rilke – di Dario Borso

Tomba di Rilke
(Rainer Maria Rilke – Praga, 4 dicembre 1875 – Montreux, 29 dicembre 1926)

SULLA TOMBA DI RILKE

                                                                      Le 29 sept. 56

Cher Monsieur,
pardonnez moi ce papier d’un carnet d’esquisses.
Merci beaucoup de Votre aimable lettre à laquelle je reponds aux quelques questions que vous me posez. Le cachet de RMR était en cuivre ou peut-etre plus tard en argent; il n’avait pas de couleurs et il ne m’a jamais parlé qu’il a été en couleurs.
Continua a leggere Sulla tomba di Rilke – di Dario Borso

Il RILKE di Enzo PACI – di Andrea CIROLLA


(Paula Modersohn-Becker, Porträt Rainer Maria Rilke, 1906)

Andrea CirollaIl Rilke di Enzo Paci

    Il nome di Rilke compare per la prima volta sotto la penna di Enzo Paci nell’autunno del 1942. L’occasione è una recensione su “Primato” della raccolta di saggi di Alessandro Pellegrini Novecento tedesco, dove il poeta non è certo menzionato con toni entusiastici. Partendo da una considerazione duramente critica sulla recente poesia tedesca (in quanto viene a risolversi in una ricerca intellettualistica dell’arte), Paci gli dedica queste poche parole: «Da quello che potremmo definire “intellettualismo simbolistico” non si libera nemmeno Rilke, che pure è una schietta natura di poeta»[1]. Continua a leggere Il RILKE di Enzo PACI – di Andrea CIROLLA

Rainer Maria RILKE nella traduzione di Dario BORSO

tomba di r. m. rilke
(La tomba di Rainer Maria Rilke a Raron, nel Cantone Vallese. I versi recitano: Rose, oh reiner Widerspruch, Lust,
Niemandes Schlaf zu sein unter soviel
Lidern.
)

Requiem für eine Freundin
(Geschrieben 31. 10. – 3. 11. 1908 in Paris.)

Ich habe Tote, und ich ließ sie hin
und war erstaunt, sie so getrost zu sehn,
so rasch zuhaus im Totsein, so gerecht,
so anders als ihr Ruf. Nur du, du kehrst
zurück; du streifst mich, du gehst um, du willst
an etwas stoßen, daß es klingt von dir
und dich verrät. O nimm mir nicht, was ich Continua a leggere Rainer Maria RILKE nella traduzione di Dario BORSO