Archivi categoria: vincenzo mastropirro

Il refrain libero e civile di Vincenzo Mastropirro

Vincenzo Mastropirro

Manuel Cohen
Vincenzo Mastropirro

REPERTORIO DELLE VOCI
NUOVA SERIE, N.2 (XXIX)

sempre e ovunque

Quanne u fiote s’accarne
ogne vibrazione devènde museche
da dà, camèine, scappe e po’ abbuaisce
patrune-e-suotte, du timbe e du sune.

[Quando il fiato s’accarna, / ogni vibrazione diventa musica / da lì, cammino, corro e poi volo / padrone e schiavo, del tempo e del suono.]

Continua a leggere Il refrain libero e civile di Vincenzo Mastropirro

Il domatore di canzoni

Vincenzo Mastropirro

La lingua di Vincenzo Mastropirro

So viste accide le murte, questa ridondanza semantica rende bene il valore della poesia dialettale di Vincenzo Mastropirro. Sènza facce sìenze/ sènza sanghe/ sènza recurde/ sènza vausce/ sènza nudde// Nudde meninne mèi (senza faccia senza/ senza sangue/ senza ricordi/ senza voce/ senza niente// Niente bambino mio). Libera tanto dalla “globalizzazione dei linguaggi poetici”, quanto dalla “specializzazione” delle lingue nazionali, il linguaggio poetico si dispiega nel vuoto pneumatico della libertà. Continua a leggere Il domatore di canzoni

La bambina cieca e la rosa sonora

Anna Maria Farabbi
Vincenzo Mastropirro

Anna Maria Farabbi / Vincenzo Mastropirro
La bambina cieca e la rosa sonora
Prefazione di Vittorino Curci, postfazione di Carlotta Zanobini
Faloppio (CO), LietoColle Libri, Collana “Il Graal”, 2010
Il volume, con nove tavole a colori, è abbinato a CD AUDIO e DVD

Continua a leggere La bambina cieca e la rosa sonora

Tretìppe e martìdde – di Vincenzo Mastropirro

Vincenzo Mastropirro
Petàje sgravò ‘nu bèlle vetidde
ce fòsse stòte fìemene.

U petàje crìesce
cu ‘nu picche de latte scadìute
e au momènde giùste
u avèsse sacrefecòte
pe dàu a mangiò a tutte u munne
e fatte veve lu stèsse sanghe
a tutte l’umene de bona volondò.

Ma so ùomene
e nan’ pozz’ fò propre ‘nu cazze de nudde.

[tretìppe e martìdde]

Continua a leggere Tretìppe e martìdde – di Vincenzo Mastropirro