Omicidi di stato: Ethel e Julius Rosenberg

Julius_and_Ethel_Rosenberg_NYWTS

(Pubblicato in Italia il libro di Robert Meeropol, Quando il governo decise di assassinare mio padre e mia madre, Zambon Editore)

Robert Meeropol è il figlio minore di Ethel e Julius Rosenberg, condannati a morte nel 1953 dal governo degli Stati Uniti per aver “cospirato al fine di rubare il segreto della bomba atomica”. Salvato dall’orfanotrofio assieme al fratello grazie alla rete di solidarietà dei militanti del Partito comunista americano, Robert compie il proprio percorso umano e politico: dalla militanza nell’SDS negli anni ‘60 della ribellione studentesca, all’impegno per la riapertura del “caso Rosenberg” negli anni’70, fino alla decisione di dedicarsi a tempo pieno, in memoria dei genitori, alla creazione di una fondazione a sostegno delle vittime della repressione.

(Continua a leggere qui…)

Annunci

Music in time (I) – Vladimir VYSOTSKY

Il bagno alla bianca di Vladimir Vysotsky nell’interpretazione di Cristiano De Andrè.

Il brano è tratto dall’album Il volo di Volodja.

Qui una versione cantata dall’autore.

***

LEOPARDI e JABÈS (III) – di Alberto FOLIN


(Pablo Picasso, Le repas de l’aveugle, 1903)

Tratto da: Edmond Jabès. Alle frontiere della parola e del libro, cura e traduzione di Alberto Folin, Padova, Casa Editrice Il Poligrafo, “Saggi”, 1991 (Ed. orig.: Écrire le livre: autour d’Edmond Jabès, Seyssel, Editions Champ Vallon, 1989)

[La prima parte qui, la seconda qui.]

Continua a leggere LEOPARDI e JABÈS (III) – di Alberto FOLIN

Quaderni dell’impostura – Alessandro ASSIRI

C’è un percorso obbligato per il mestiere degli uomini,
pagare il tributo a parole inventate.

(Alessandro Assiri, Quaderni dell’impostura, prefazione di Chiara De Luca, postfazione di Alberto Mori, immagini di Massimo Saretta, Faloppio (CO), LietoColle Libri, 2008.)

Continua a leggere Quaderni dell’impostura – Alessandro ASSIRI

1888 – di Viola AMARELLI e Antonio SABINO


1888 – di Viola Amarelli e Antonio Sabino

Bordo scheggiato di scalino, sporco bagnato
scivoloso
fanghiglia d’umido sciolta la neve
il fiume onnipresente nel
respiro, rantolo di novembre nelle ossa
la strada buia tutta, cipria venuzze rossa
gin alcol di caldo, pochi clienti, Continua a leggere 1888 – di Viola AMARELLI e Antonio SABINO

Nel mio paese nessuno è straniero


(Ponticelli, 14-15 maggio 2008)

“Dove andare per…”

Guida ai servizi di prima accoglienza per i cittadini stranieri presenti sul territorio milanese.

Lunedì 16 giugno, ore 15.00, presso Sede Naga via Zamenhof 7/a, Milano.

Continua a leggere Nel mio paese nessuno è straniero

Testimoni silenziosi

(Tratto da: Hairesis, Milano, Biagio Cepollaro Edizioni, E-book “Poesia Italiana”, 2006)

                             Conosco dimore
                             dove vivono genti del sud

                             uomini antichi
                             solcati da penombre di silenzio.

                             Li ho visti entrare
                             in ogni pianto.
                             Presenti al dolore di ogni sera.

Continua a leggere Testimoni silenziosi

Voci dal buio – di Jolanda CATALANO

IL SETTANTA PER CENTO DELLE VIOLENZE SESSUALI SUI MINORI AVVENGONO IN FAMIGLIA.

Da: Jolanda CatalanoVoci dal buio (Inediti, 2004)

Prima Voce

Ero ancora un bambino.
Nel mio lettino a colori
ogni sera mi veniva a trovare.
Avrò avuto, che dire, sì e no cinque anni
ma lui veniva lo stesso
persuasivo e sicuro,
l’indice puntato perché io stessi zitto,
una carezza – diceva – per non farmi paura. Continua a leggere Voci dal buio – di Jolanda CATALANO

Cuore e anima – di Antonio SCAVONE

Gianluigi Catelli, Isola

Antonio Scavone

Cuore e anima

     Eccomi qua, seduto ad una scrivania sulla quale non devo scrivere niente, in questa biblioteca che non ha né librerie né libri, in un appartamento che non è il mio e che mi è stato dato come alloggio momentaneo, occasionale, prima che mi venga assegnata una casa come si deve, dove sistemarmi alla meglio, o almeno come vorrei essere sistemato. Continua a leggere Cuore e anima – di Antonio SCAVONE

Cartoline dai morti (II) – Franco ARMINIO


(Immagine fotografica di Sandro Baliani)

Cartoline dai morti di Franco Arminio
(Testi tratti da Il Primo Amore)

[La prima parte qui.]

Mangiavo molta carne arrostita e adesso mia moglie è convinta che per questo è venuta la malattia nell’intestino. Io ero stato malato molte volte, ma un po’ per finta. Poi quando la malattia arriva veramente non va più via. Smisi di mangiare la carne. Mia moglie mi dava il filetto di trota della Nipiol, ma non ci fu niente da fare.
Continua a leggere Cartoline dai morti (II) – Franco ARMINIO

Abbiamo chiesto in prestito le parole che ci avevano rubato – Lucia MARCHITTO

Mentre gli assassini e i mandanti sono ancora liberi e ben protetti, qualcuno ricorda, e scrive, e racconta: qui (1), (2), (3), (4), (5).

Sono qui a guardare l’immobilità di questa donna che fino a ieri animava la mia classe, dava voce a chi non l’aveva, la mia per dire se ne sta sempre rintanata dentro l’oscurità della gola e quando con forza cerco di tirarla fuori è talmente fioca che non giunge da nessuna parte. Ma lei, la mia professoressa, ha saputo stanarla la mia voce e guidarla e ieri era chiara e forte, era tanto chiara e tanto forte da non sembrare la mia.

Ieri soltanto ieri.

Adesso guardo il suo corpo, osservo la sua bocca muta come non lo è mai stata, la cassa che la contiene, e mi chiedo:

“La voce, dov’è la sua voce?”

(Da: Lucia Marchitto, Abbiamo chiesto in prestito le parole che ci avevano rubato, pubblicazione a cura dell’Auser di Botticino, maggio 2004)

Io sono Primo Visentin, e sono molti…

Mentre le divise e le armi sfilano sotto l’occhio sazio e compiaciuto di chi, in rappresentanza delle istituzioni, pensa, e dichiara pubblicamente, che una bandiera vale più di una vita umana, qualcuno coltiva ancora l’arte della memoria e della poesia: materiali resistenti per costruire la dimora del domani. (fm)

Io sono Primo Visentin, e sono molti,
nome di battaglia Masaccio, e sono molti,
comandante della brigata Martiri del Grappa,
morto il 29 aprile 1945 nella finale insurrezione,
medaglia d’oro per la resistenza, come molti
compagni di lotta ucciso in combattimento,
figlio di contadini conosco la fame,
maestro di ribelli e di bambini la poesia, e so,
che la fame uccide
e la poesia deve insegnare
come uccidere la fame.

(Danni Antonello)

[Qui altre poesie dell’autore]

*

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.