La corsa dei fuochi – di Ida TRAVI

ida_travi_corsa_fuochi1.jpg
“Lo sguardo della donna di terracotta
che compare in copertina
è lo sguardo di chi guarda il mondo
nella memoria d’un canto.”

Continua a leggere La corsa dei fuochi – di Ida TRAVI

Annunci

Coppie improbabili – di Rosa PIERNO

emilio tadini
(Emilio Tadini, Fiaba, 2000)

Rosa Pierno, Coppie improbabili, prefazione di Matteo Bianchi, Edizioni “Pagine D’Arte”, Collana “Sintomi”, Tesserete-Svizzera, 2007.

Il libro presenta 12 artisti, di nazionalità italiana ed estera, la cui collocazione temporale copre un arco che va dal Rinascimento al Novecento e si articola in un confronto a due a due degli artisti attraverso polarità individuate sia per contrasto che per affinità, in una sorta di lettura che travalicando schemi e categorie intende mostrare al lettore come l’arte si ravvivi a ogni lettura originale e personale e come ogni volta si arricchisca con interpretazioni che, non appartenendo ad un’area critica, ma all’espressione letteraria, inducono il lettore a un’analoga libertà sui sentieri dell’arte.
Continua a leggere Coppie improbabili – di Rosa PIERNO

Imperfetta ellisse – Quattordici poesie inedite di Giacomo CERRAI

meridiana.jpg
(Meridiana di Ayas, frazione Saint-Jacques, Valle D’Aosta)

Aruspici

il cigolio dell’altalena
ossessivo, somiglia
al grido di uccelli che precipitano
nell’azzurro.
Chi siano non so
né importa. Solo
aria stanca, bambini
cittadini e madri
con un carico di fumo leggero
nei polmoni. Continua a leggere Imperfetta ellisse – Quattordici poesie inedite di Giacomo CERRAI

Luce del volto – di Mauro GERMANI

kandinsky39
(Wassily Kandinsky, Yellow, Red, Blue, 1925)

Da: Luce del volto, prefazione di Filippo Ravizza, postfazione di Mario Marchisio, Udine, Campanotto Editore, 2002.

L’attesa dell’ombra

I
Da quaggiù, da questa terra lontana, dove l’orizzonte è un pensiero che passa. La luna cade sulle nostre figure, sui sentieri tra l’erba o lungo la riva del lago. Siamo in un tempo fermo e perduto, in un grembo antico. Aspettiamo il vento sopra di noi, la vera storia e l’ultima morte…

Continua a leggere Luce del volto – di Mauro GERMANI

Fine di amore – di Emanuele COCCIA


(Turi Volanti, Eros e Thanatos, 1968)

[Pubblicato in www.zibaldoni.it – Anno V, Quarta serie, 29 novembre 2007]

Fine di amore – di Emanuele Coccia

    Amore non è il dio delle origini. Non sta all’inizio delle cose, ma sempre e solo alla loro fine. È il dio della rovina, non il nume tutelare della nascita o della genesi. Ogni rovina non è che lo stato di tutto ciò che è immagine. Perché immagine – è già l’etimologia latina del termine a indicarlo – non è che ciò che resta di una vita alla sua morte, quanto gli resiste, ciò che testimonia di una vita che è stata attraversata dalla morte. E questo, già per una semplice evidenza: ciò che resta di una vita alla sua morte è innanzitutto la possibilità di essere immaginata. In quanto immagine dunque, ogni cosa vive già ora dopo la sua morte. Continua a leggere Fine di amore – di Emanuele COCCIA

Una fiera dedicata alla pace

SALAAM / SHALOM

Appello

Con questo appello torniamo a chiedere alla direzione della Fiera del Libro di Torino di revocare la decisione di avere come ospite d’onore lo Stato d’Israele per l’edizione 2008. Gli chiediamo di farlo ora e di dedicare questa edizione della Fiera del Libro alla pace cioè ad un “paese morale” coniugabile e comprensibile in molte lingue: salaam, shalom, peace, paix, frieden, mir, paz.
Continua a leggere Una fiera dedicata alla pace

Riannodare i corpi alla terra – Corrado BENIGNI

Egon Schiele, Four Trees, 1917

Testi inediti di Corrado Benigni

L’essenza di una sintassi

Adesso conta le lettere del tuo nome
che il vento non ha disperso,
contale, oggi che tutto ti chiama da vicino
con la voce di un figlio e una promessa –
riscrivi questi colli
l’ombra larga dei platani
il suono dei passi
sui sassi ghiacciati di via Arena,
l’essenza di una sintassi. Continua a leggere Riannodare i corpi alla terra – Corrado BENIGNI

Vladimir VYSOTSKY

Vladimir Vysotsky

Eugenio Finardi presenta Il cantante al microfono con Carlo Boccadoro
di Alessandro Sgritta

(Pubblicato il 10/03/2008 Musicalnews.com)

Martedì 11 marzo alla Feltrinelli di Roma, Eugenio Finardi e Carlo Boccadoro presentano in anteprima “Il cantante al microfono” (Velut Luna/Egea), un disco di “musica classica contemporanea per voce e sestetto” dedicato al poeta russo Vladimir Vysotsky con musiche eseguite dall’ensemble Sentieri selvaggi.

Continua a leggere Vladimir VYSOTSKY

Para el cumpleaños de nuestra soledad – Violeta PARRA


(Obra plastica de Violeta Parra)

Run Run se fue pa’l norte
(Texto y música de Violeta Parra)

En un carro de olvido,
antes del aclarar,
de una estación del tiempo
decidido a rodar,
Run Run se fue pa’l norte,
no sé cuándo vendrá;
vendrá para el cumpleaños
de nuestra soledad. Continua a leggere Para el cumpleaños de nuestra soledad – Violeta PARRA

Edmond JABÈS nella lettura di Antonio PRETE

L’esilio dal libro – di Antonio Prete

Passaggio al libro

La scrittura di Jabès è un’esegesi che muove non dal libro, ma dalla sua mancanza, non dal senso, ma dalla sua indecifrabilità, non dal volto di Dio, ma dalla sua assenza. Assenza che ha consegnato l’uomo alla lotta con il dolore, con la sparizione, con il vuoto.
    Scrittura come allegoresi di una speranza e di una ferita. Questa separazione e questa ferita aprono un varco tra la lettera e il senso. Il senso si allontana verso quel confine dove la sabbia, il silenzio, la cenere, sono le sole linee di un paesaggio traversato dal vento del nulla. E la lettera modula, nella sua metamorfosi, nel suo divenire, nel suo disperdersi, la possibilità che un nome, tra infiniti nomi, raccolga l’eco del primo Nome. Continua a leggere Edmond JABÈS nella lettura di Antonio PRETE

Da un’eternità passeggera (III)

Da un’eternità passeggera (1998 – 2003)

III. Su creste d’aria di un alfabeto nuovo

ci sono strade disegnate
dalla lingua di terra
che spira luce tra i sassi
e le conduce,
impollinate di voci,
ai mari del racconto,
sentieri fioriti su corpi
di parole
da leggere nel brivido
della sera varcata
a rovescio delle ombre: –
Continua a leggere Da un’eternità passeggera (III)

Rainer Maria RILKE nella traduzione di Dario BORSO

tomba di r. m. rilke
(La tomba di Rainer Maria Rilke a Raron, nel Cantone Vallese. I versi recitano: Rose, oh reiner Widerspruch, Lust,
Niemandes Schlaf zu sein unter soviel
Lidern.
)

Requiem für eine Freundin
(Geschrieben 31. 10. – 3. 11. 1908 in Paris.)

Ich habe Tote, und ich ließ sie hin
und war erstaunt, sie so getrost zu sehn,
so rasch zuhaus im Totsein, so gerecht,
so anders als ihr Ruf. Nur du, du kehrst
zurück; du streifst mich, du gehst um, du willst
an etwas stoßen, daß es klingt von dir
und dich verrät. O nimm mir nicht, was ich Continua a leggere Rainer Maria RILKE nella traduzione di Dario BORSO

Quella notte a Dolcedo – di Marino MAGLIANI

marino-magliani.jpg

[Marino Magliani, Quella notte a Dolcedo, Milano, Longanesi Editore, “Biblioteca di Narratori”, 2008, pag. 7 – 10]

Primavera 1944, Oneglia

Seduto al tavolo ingombro di libri e di antiche mappe, il capitano Thomas Garser spiegò il foglietto, lasciandolo aperto davanti a sé. Poi si alzò e si diresse verso la finestra, lo sguardo basso perché arrivava troppa luce.
I soldati in cortile risalivano sul camion. Erano tornati dall’entroterra poche ore prima. Forse c’era stata un’altra segnalazione, un colpo di mano, era così ogni giorno, negli ultimi mesi: il nemico aveva ripreso coraggio. Continua a leggere Quella notte a Dolcedo – di Marino MAGLIANI

Esercizi di sopravvivenza – Andrea CIROLLA


(Gao XingjianLa fin du monde, 2006)

IO E QUEL MIO AMICO

Ho vissuto a lungo fingendomi morto

Fr. 1, parte I

Io e quel mio amico siamo andati nella casa dei vecchi papponi. I vecchi papponi vestono vestaglie rosse lisce di sera. Ci hanno lasciato nel salone. Un tavolo lungo e, sopra, una tovaglia corta ai quattro vertici. I vecchi papponi sono papponi di amiche lesbiche ammiccanti, alcune di nero vestite. Qualche vecchio pappone s’intrattiene con altri vecchi papponi e poi arriva e ammicca a me e al mio amico. Solo dopo porta un vassoio coperto di bicchieri, di cristallo perché luccicano così. Ma alcuni non sono bicchieri, hanno forme più nobili. Non ci dicono niente, a me e al mio amico, i vecchi papponi. Non ci è rimasto neanche il tempo di ammiccare verso qualche amica intrattenitrice nostra e delle sue amiche lesbiche. Ci sembra giusto principiare il pasto. E allora mangiamo i bicchieri perché il cristallo è zucchero lucente, fragrante e trasparente.

Continua a leggere Esercizi di sopravvivenza – Andrea CIROLLA

Strage senza fine

La Costituzione della Repubblica Italiana
PRINCIPI FONDAMENTALI

Art. 1.
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro…

Dall’inizio dell’anno a ieri, 3 marzo 2008, per lavoro, ci sono:

180 morti

180724 infortuni

4518 invalidi

Dal 2003 ad oggi: 8000 morti.

(Manca ancora l’aggiornamento del bollettino
degli omicidi legalizzati di oggi.)

Uno stato che non rende esecutive e vincolanti le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, è uno stato criminale: al pari dei padroni, di ogni ordine e grado, per i quali la vita umana ha meno valore della più miserabile delle merci prodotte.

E’ ORA DI DIRE BASTA! PER SEMPRE.

Anna Maria ORTESE – Orrore e poesia del reale

Si terrà domenica 9 marzo 2008 a Ischia il convegno

ANNA MARIA ORTESE
dieci anni dopo

Orrore e poesia del reale nell’ultima visionaria

8c1b263a6b8a75cfef39ddb00058a4a0.jpg
(clicca per ingrandire)

Curata da Giorgio Di Costanzo, la giornata di studio prevede, tra le altre iniziative, interventi di:

Luca Clerici
(Il lungo viaggio di Anna Maria Ortese)
Giorgio Di Costanzo
(“Mio fratello bambino” – Lettere a un giovane ischitano)
Goffredo Fofi
(Le voci inascoltate)
Franz Haas
(“Un solo libro ho scritto”: Anna Maria Ortese e il suo romanzo Il porto di Toledo)

[Ogni ulteriore informazione (sul convegno, sulla figura e l’opera di Anna Maria Ortese, e su parecchio d’altro) è disponibile sul blog In sonno e in veglia.
Cfr. in particolare qui, qui, e qui.]

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.