Tre poesie inedite di Antonella PIZZO


(Elio Copetti, Getsemani)

Da: Antonella Pizzo, Alter Christus (2007, inedito)

IV

Dietro la curva il mare è una sorpresa
dopo un torrente schizzato la pianura
ricomincia poi l’arrampicata. E’ sale, bianco, velo
un breve tratto e confusione di linee e di colori
fino a dove
si capovolgono le radici al cielo Continua a leggere Tre poesie inedite di Antonella PIZZO

Annunci

Luoghi comuni – di J. Rodolfo Wilcock

J. Rodolfo Wilcock

Leggevo qualche giorno fa, nel bellissimo blog di Giorgio Di Costanzo, un interessante scritto di Elio Pecora dal titolo “Quattro poeti fra dimenticanza e trascuratezza: Wilcock, Romagnoli, Guidacci, Ortese“.

Continua a leggere Luoghi comuni – di J. Rodolfo Wilcock

Notizie dall’esilio – di Mariella MEHR

Mariella Mehr, Notizie dall'esilio

A me è rimasto un cantare,
una manciata di speranza alla vista
della verità, che conosce soltanto me e
non può essere la verità di nessun altro.
Un girasole forse, un regalo
alla vita del quale nessuna morte si avvicina
e nessun paese non scritto.

Un poeta che scrive una cosa simile va abbracciato quasi con passionale ferocia. Io la amo, questa donna.
Franz Krauspenhaar
Continua a leggere Notizie dall’esilio – di Mariella MEHR

Essere terra è il nostro risultato – poesie di Maria Grazia CALANDRONE

s.anna di stazzema

[…] E’ mia profonda convinzione, come appassionato e lettore attento di poesia italiana contemporanea, per quello che la mia opinione può valere, che le pagine più belle, più autenticamente colme di anticipazioni, di spunti seminali, di tracce di futuro, guardando in modo particolare agli ultimi decenni, siano state prodotte da voci femminili: dalla Rosselli alla Vicinelli, fino ad arrivare ad esempi più vicini e recenti. Maria Grazia Calandrone è una di queste voci.”
(Reb Stein, da una mail datata gennaio 2006)

Continua a leggere Essere terra è il nostro risultato – poesie di Maria Grazia CALANDRONE

Risonanze III – Fabrizio CENTOFANTI

*

Osip

si compie il volo
dentro questa polvere che prega sempre,
mentre non c’è traccia
di carne incisa, chiusa nello scritto.
ritorna l’ansia, il patto di finire, l’insufficienza
quasi mai conclusa dei cinque sensi. Continua a leggere Risonanze III – Fabrizio CENTOFANTI

Per non dimenticare SABRA E CHATILA

Venticinque anni fa, dal 16 al 18 settembre del 1982, più di duemila abitanti palestinesi e libanesi dei campi di Sabra e Chatila, alla periferia di Beirut, donne, vecchi e bambini, venivano massacrati dai miliziani delle forze filo-israeliane, sotto la supervisione e con il sostegno logistico dell’esercito di Tel Aviv che aveva occupato da poche ore Beirut ovest. Pochi giorni prima le forze multinazionali che avrebbero dovuto difendere i campi profughi dopo la partenza da Beirut dei fedayin palestinesi e far rispettare l’impegno israeliano a non entrare nella parte occidentale della città assediata dal giugno precedente, si erano prematuramente ritirate.

Continua a leggere Per non dimenticare SABRA E CHATILA

Risonanze II – Paolo FICHERA

luce.jpg

Su Innesti di Paolo Fichera, Genova, Cantarena, 2007

Dalla cenere di un risorto miraggio

“la struttura è finitudine
vento specie di un luogo”

La parola non è che passaggio di senso. Di voce in voce. Crescita, per sottrazione di spazi al vuoto, da un’unica radice. Il respiro che riconduce alla parola tutto ciò che tace, non è che rivelazione. Orizzonte, soglia. Continua a leggere Risonanze II – Paolo FICHERA

Il volo di Volodja

ddct128553894-2.jpg

IL VOLO DI VOLODJA – 15 CANZONI PER VLADIMIR VYSOTSKIJ

Etichetta: Ala Bianca Group
Web site: http://www.alabianca.it
Codice: CD – cod. DDCT128553894-2

*

Il bagno alla bianca
(trad. di Sergio Secondiano Sacchi)

Proprio qui, proprio qui…

Riscaldatemi bene la sauna
perché un bagno alla bianca farò
proprio qui, sulla panca, tra un attimo,
la mia anima stanca cadrà. Continua a leggere Il volo di Volodja

Il dubbio dell’acrobata – di Marina PIZZI

picasso

Da: Marina Pizzi, L’Acciuga della sera i fuochi della tara, introduzione di Luciano Pagano, postfazione di Stefano Donno, Lecce, Luca Pensa Editore, 2006.

“… un’anima tra le più belle della poesia italiana contemporanea”
(Stefano Donno)

Continua a leggere Il dubbio dell’acrobata – di Marina PIZZI

Bevendo il tè con i morti – di Livia CANDIANI

emilio merlina

Livia Candiani, Bevendo il tè con i morti, Prefazione di Vivian Lamarque, Milano, Viennepierre Edizioni, 2007.

Bevendo il tè con i morti

Un morto con una risma di fogli in mano
invita il vecchio ciliegio del giardino
a muovere i primi passi
fuori dalle radici Continua a leggere Bevendo il tè con i morti – di Livia CANDIANI

Tutti i poeti sono in esilio – di Antonio PRETE

(Relazione di Antonio Prete al Convegno di studi, tenutosi a Roma dal 10 al 12 marzo 2005, presso l’Università “La Sapienza”, sul “Tema dell’esilio, della migrazione e del “dispatrio“, organizzato da Silvia Tatti e Franca Sinopoli in collaborazione con il Dipartimento di Letteratura italiana.)

Tratto da www.zibaldoni.it – II serie, 4 aprile 2005

Tutti i poeti sono in esilio

Per la poesia l’esilio non è un tema, e spesso non è neppure una condizione del poeta, è il nesso tra esistenza e lingua, è quel che porta la lontananza a farsi parola, la separazione ritmo. Ospitalità del perduto, e dell’irreversibile, nella lingua. La terra da cui il poeta è in esilio può avere l’abbagliante trasparenza della luce – alla quale “gli uomini preferirono piuttosto le tenebre” – o la fuggitiva inconsistenza delle nuvole, cioè della forma in continua metamorfosi. Continua a leggere Tutti i poeti sono in esilio – di Antonio PRETE

La Gru ritorna a volare

gru in volo

Ecco l’inizio dell’editoriale di Davide Nota col quale La Gru – Portale di Poesia e Realtà apre la sua nuova stagione. Alla redazione e ai collaboratori l’augurio più grande che il suo tempo sia lungo e ricco di raccolti.

Una nuova militanza?

L’arte è sempre legata a una determinata cultura o civiltà, e, lottando per riformare la cultura, si lavora a creare una nuova arte, perché si modifica tutto l’uomo» (Antonio Gramsci, Letteratura e vita nazionale). In un momento di tabula rasa della nostra storia e cultura nazionali, sarà senza dubbio importante cercare una via d’uscita da questa fase di permanente imbarazzo intellettuale, tornando, con senso di responsabilità ma non privi di un certo orgoglio sentimentale, sopra le due tradizioni che sono risultate sconfitte dal processo storico che chiamiamo post-moderno e che non è altro che la schiacciante vittoria delle alienazioni dello spettacolo neo-liberista sopra la popolazione mondiale (cfr. Guy Debord, La società dello spettacolo). Le due tradizioni sopra cui torneremo saranno la tradizione platonico-cristiana e la tradizione umanistico-marxiana (valga per l’Italia il compendio Gramsci-Pasolini).

(…)

“Dolore della casa” di Sebastiano AGLIECO nella lettura di Stefano GUGLIELMIN

raggi4m1.jpg

Stefano Gugliemin

Sebastiano Aglieco, Dolore della casa, Il Ponte del Sale, Rovigo 2006

Ci sono autori, e Aglieco è fra questi, la cui opera fonda il proprio centro poematico sin dapprincipio, mettendo sempre più a fuoco – di libro in libro – le ossessioni che la abitano: il sogno di un abbraccio fraterno delle genti, la Storia quale luogo dell’inautenticità, la lontananza dall’origine, il senso d’inadeguatezza personale, e, prima fra tutte, gli affetti familiari, che, con la casa e il paesaggio, costituiscono il nucleo di un presepe che ha nella madre (e, come vedremo, nel padre) il suo fulcro. Continua a leggere “Dolore della casa” di Sebastiano AGLIECO nella lettura di Stefano GUGLIELMIN

Sulla strada per Carlos Paz – di Marino MAGLIANI

Sulla strada per Carlos Paz

In Liguria quelli nati al fondo delle valli come me per guardare le cose devono sempre alzare gli occhi e allora scoprono le terrazze il verde degli orti che ascende a quello più azzurro degli ulivi poi una fascia boscosa e prativa gialla o verde anch’essa dipende dalle stagioni ma pietrosa pietrosa quanto basta da staccare il blu del cielo dall’azzurro degli ulivi che sta lassù più per i turisti che per noi a dire come una valle debba per forza morire in un pezzo di cielo o in un’altra valle.
Nella mia valle i nati al fondo delle cose li riconosci perché hanno la fronte sempre arrugata perché nella mia valle per guardare le cose si potrebbe alzare la testa e invece si alzano solo gli occhi. Continua a leggere Sulla strada per Carlos Paz – di Marino MAGLIANI

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Blog su WordPress.com.