Icone del migrare II – Ipotesi di volo

migrazione

Ipotesi di volo – da: Icone del migrare (1998-2000), ined.

Stehen, im Schatten
des Wundenmals in der Luft.
Mit allen, was darin Raum hat,
auch ohne
Sprache
“.
Paul Celan

*

Sulle rive della strada, la sensazione di un angelo che annaspa
in pozzanghere di pioggia. L’autunno è stagione senza ali.
L’inverno il volo cieco che batte ai vetri della tua dimora.
Continua a leggere Icone del migrare II – Ipotesi di volo

Paul CELAN tradotto da Michele RANCHETTI

Paul Celan

Der Andere

Tiefere Wunden als mir
schlug dir das Schweigen,
größere Sterne
spinnen dich ein in das Netz ihrer Blicke,
weißere Asche
liegt auf dem Wort, dem du glaubtest. Continua a leggere Paul CELAN tradotto da Michele RANCHETTI

Moni OVADIA su Lager Italiani di Marco ROVELLI

1701141

L’iperbole è una delle forme retoriche preferite del linguaggio sopravvissuto alla morte apparente delle ideologie. La terminologia che definisce le modalità del totalitarismo nazista e dell’universo concentrazionario, pratica estrema e senso ultimo di quel regime, oggi viene mutuata con ridondanza da coloro che vogliono attirare l’attenzione e l’indignazione dell’opinione pubblica verso le forme della violenza, della guerra, del razzismo o della repressione contro popoli, minoranze, ceti sociali marginali. Continua a leggere Moni OVADIA su Lager Italiani di Marco ROVELLI

Icone del migrare I – Sul confine

migrazione

Sul confine – da: Icone del migrare (1998-2000), ined.

Wir sind aufgestiegen von einem Hafen
wo wiederkeher nicht zahlt
“.
Ingeborg Bachmann

*

Grappoli d’ali colorano di abissi l’orizzonte.
Il giorno migra verso la prima stella – illimitata pupilla
dischiusa sopra il grido delle sabbie.
Acqua che si trascina nel lucore ramato dell’assenza.

Continua a leggere Icone del migrare I – Sul confine

Poesie di Ferruccio MASINI

mano rossa

Nulla

Metti accanto al fiore la parola nulla
metti accanto a tutte le cose la parola nulla
mettila accanto all’amore
mettila accanto all’ira della giustizia
all’orgoglio della fame ai grandi libri della saggezza
come il vuoto del silenzio che ammorza la memoria
come il limite dell’anticipazione
questo nulla che è soltanto nulla
e non è neppure il tuo nulla – è il nulla Continua a leggere Poesie di Ferruccio MASINI

Alejandra PIZARNIK tradotta da Florinda FUSCO

La noche

Poco sé de la noche
pero la noche parece saber de mí,
y mas aún, me asiste como si me quisiera,
me cubre la conciencia con sus estrellas.
Tal vez la noche sea la vida y el sol la muerte.
Continua a leggere Alejandra PIZARNIK tradotta da Florinda FUSCO

“Inquietarsi di bellezza” – Poesie di Paola LOVISOLO

paola lovisolo 

Presentazione – di Raffaele Ibba

Inquietarsi di bellezza.

Inquietarsi di bellezza.
Piccola sponda accanto a Paola.
Paola Lovisolo è una poeta. Lo è sempre stata.
Non è l’unica ma lei è diversa: ha un demone che la guida.
Non sapevo che fosse possibile avere ancora un demone guida. Continua a leggere “Inquietarsi di bellezza” – Poesie di Paola LOVISOLO

In memoria di Giacomo BERGAMINI

memoria

Giacomo Bergamini (1945 – 2004)

Giacomo Bergamini è uno dei poeti più significativi della seconda metà del Novecento. Lo testimoniano le raccolte di poesia Hiatus (1980), Il martello di Faust (1983), 8 poesie sulla paura (con Giorgio Guglielmino, 1996), La malattia delle parole (1997), oltre ai numerosi testi pubblicati, soprattutto tra gli anni Settanta e Ottanta, in riviste, antologie e quaderni collettivi.

Formatosi alla scuola di Adriano Spatola – in quella straordinaria officina poetica che è stata “Tam-Tam” -, Bergamini ha poi fatto parte per oltre vent’anni della redazione della nostra rivista, collaborandovi fino agli ultimi giorni di vita con una ricerca verbale dolorosa e personalissima, che lasciava affiorare il lato oscuro – maudit, se vogliamo – della poetica di “Anterem”. Continua a leggere In memoria di Giacomo BERGAMINI

Jude STEFAN tradotto da Sergio SOLMI

stefan

Le liriche di Jude Stefan sono tratte da Libères, Paris, Gallimard, 1970; le traduzioni di Sergio Solmi da Quaderno di traduzioni II, Torino, Einaudi, “Collezione di Poesia”, 1977.

*

Les feues églises

Chaque dimanche à l’heure morte où
parcourent les places en divaguant
les chiens quand on n’entend pas les
nuages que dorment les demeures et
Continua a leggere Jude STEFAN tradotto da Sergio SOLMI

Trapassi – di Paolo FICHERA

dimore3.jpg

I testi di Paolo Fichera sono tratti dal suo blog http://www.cattedrale.wordpress.com

All’autore, un grande e commosso grazie.

*

Trapasso #1

Il frammento disteso dei giorni

per Hairesis di Francesco Marotta
prima della lettura ora nel trapasso Continua a leggere Trapassi – di Paolo FICHERA

Prima che si proferissero le parole – di María ZAMBRANO

painting_Sargent_Deep_Woods_1926

Prima che si proferissero le parole – di María Zambrano

Prima dei tempi conosciuti, prima che si alzassero le cordigliere dei tempi storici, ci dovette essere un’epoca di pienezza che non dava luogo alla storia. E se la vita non si risolveva nella storia, a sua volta la parola non doveva risolversi nel linguaggio, nei fiumi del linguaggio necessariamente già diversi e persino divergenti. Continua a leggere Prima che si proferissero le parole – di María ZAMBRANO

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Blog su WordPress.com.