Archivi tag: Acque sante acque marce

Per Tommaso Di Ciaula

Cammino da tempo cercando un ricovero.
Ma tutte le chiesette rurali che incontro, antichissime chiesette senza memoria, senza tempo, sono deposito di vecchi e polverosi attrezzi agricoli. Tra forti odori di paglia vecchissima e frutti marci, nugoli di insetti…
Ci sono anche molti palmenti nella zona, ma anch’essi impraticabili.
Avranno senz’altro 3-400 anni e si riunivano i contadini sotto quei muri. Sotto questi antichissimi palmenti, dalle immense volte a botte, e su quei pavimenti di vivida pietra, gruppi di contadini affiatati ed amici, portavano le loro rispettive rigogliose vendemmie.
Ed era grande festa:
con i lembi dei pantaloni fin sulle ginocchia, pestavano ritmicamente i grappoli divini.
Scivolavano gli umori fragranti e pungenti fin giù, nelle magnifiche cisterne di pietra.
Dopo il magico rito, ognuno si portava al paese la sua porzione di mosto, sui traini nelle tinozze e poi fin nelle panciute botti delle cantine.
Era una festa: un via vai di carri, di tinozze colme di mosto, inseguiti da nugoli di moscerini; scanditi dall’abbaiare di volpini saltellanti, nelle pozzanghere dell’autunno sognante e misterioso.

Tommaso di Ciaula, da Acque sante, acque marce, Sellerio, Palermo 1997,  pp. 10 e 11