Archivi tag: antonio prete

Livia Candiani – Fatti vivo

Livia Candiani

Estrai la freccia
non rimproverare nessuno
ma stenditi
come fa la bestia ferita
con il cielo
e non pregare nemmeno
solo conta
conta i respiri
come fossero monete
per passare oltre te,
l’orizzonte opaco
del nome.
Non anticipare
niente, non essere
a proposito, abìtuati
all’improvvisazione musicale,
a farti invisibile
nota tra le note,
vuoto capace
di urlo, di riconoscimento:
ecco, a casa
si sta così.

Continua a leggere Livia Candiani – Fatti vivo

Annunci

Post-Kult, 3

Londra, settembre 1940, Biblioteca di Holland Park

Continua a leggere Post-Kult, 3

Edmond JABÈS nella lettura di Antonio PRETE

L’esilio dal libro – di Antonio Prete

Passaggio al libro

La scrittura di Jabès è un’esegesi che muove non dal libro, ma dalla sua mancanza, non dal senso, ma dalla sua indecifrabilità, non dal volto di Dio, ma dalla sua assenza. Assenza che ha consegnato l’uomo alla lotta con il dolore, con la sparizione, con il vuoto.
    Scrittura come allegoresi di una speranza e di una ferita. Questa separazione e questa ferita aprono un varco tra la lettera e il senso. Il senso si allontana verso quel confine dove la sabbia, il silenzio, la cenere, sono le sole linee di un paesaggio traversato dal vento del nulla. E la lettera modula, nella sua metamorfosi, nel suo divenire, nel suo disperdersi, la possibilità che un nome, tra infiniti nomi, raccolga l’eco del primo Nome. Continua a leggere Edmond JABÈS nella lettura di Antonio PRETE

Tutti i poeti sono in esilio – di Antonio PRETE

(Relazione di Antonio Prete al Convegno di studi, tenutosi a Roma dal 10 al 12 marzo 2005, presso l’Università “La Sapienza”, sul “Tema dell’esilio, della migrazione e del “dispatrio“, organizzato da Silvia Tatti e Franca Sinopoli in collaborazione con il Dipartimento di Letteratura italiana.)

Tratto da www.zibaldoni.it – II serie, 4 aprile 2005

Tutti i poeti sono in esilio

Per la poesia l’esilio non è un tema, e spesso non è neppure una condizione del poeta, è il nesso tra esistenza e lingua, è quel che porta la lontananza a farsi parola, la separazione ritmo. Ospitalità del perduto, e dell’irreversibile, nella lingua. La terra da cui il poeta è in esilio può avere l’abbagliante trasparenza della luce – alla quale “gli uomini preferirono piuttosto le tenebre” – o la fuggitiva inconsistenza delle nuvole, cioè della forma in continua metamorfosi. Continua a leggere Tutti i poeti sono in esilio – di Antonio PRETE

Della solitudine come spazio di scrittura – di Edmond JABÈS

E. Jabès

Della solitudine come spazio di scrittura

(Tratto da: Edmond Jabès, Il libro della sovversione non sospetta (Le petit livre de la subversion hors de soupçon, 1982), traduzione di Antonio Prete, Milano, Feltrinelli, “Impronte”, 1984, pg. 43-48).

Continua a leggere Della solitudine come spazio di scrittura – di Edmond JABÈS