Archivi tag: francesca diano

Principia botanica

Continua a leggere Principia botanica

Annunci

Quaderni di Traduzioni (XXXI)

Quaderni di Traduzioni
XXXI. Marzo 2017

paestum-il-tuffatore

Francesca Diano

__________________________
Piccola antologia di poesia anglofona (2017)
__________________________

L’uomo della soglia

nanni-cagnone-1979 Francesca Diano

Nanni Cagnone è uno di quei rari che si sottraggono a qualunque categorizzazione, ma che incarnano l’idea, platonica vorrei dire, del Poeta, non solo perché scrivono versi – sempre, anche quando in versi non scrivono, anche quando pensano, parlano, tacciono, vivono, respirano – ma perché consacrano la vita a dare forma, e rendere quale dono, a una visione nuova del mondo, frutto di una ricerca che mai si interrompe, che è esplorazione e sperimentazione di ogni possibilità, di ogni strumento, mezzo e tecnica che parola e speculazione offrono. E lo fanno da innamorati dell’ignoto. Seguendo, come unica guida, il proprio dàimon. Perché questa è la loro natura.

(Continua a leggere qui)

Before the flood, 10

Immagine di Michele Guyot Bourg

 

 

James Harpur

      Il tuffatore di Paestum

      Dipingi questo sarcofago di pietra
      Con scene del mio convito funebre.
      Raduna i miei compagni d’un tempo
      E ponili sopra letti morbidi.

      Fa’ che il vino sciolga loro la lingua
      Carezza le carni dei loro efebi
      Succhia a baci dai flauti melodie
      Trai armonie pizzicando le lire.

      Tutto mi son lasciato dietro.
      Scorie di vino mi impastano la lingua
      La musica fa stridere il silenzio
      E pelle sulla pelle mi disgusta.

      Dipingi tinte ricche e veritiere
      Fa’ che la sensualità colori
      Questo sepolcro gelido ed ascetico –
      Ad eccezione dell’interno del coperchio:

      Qui fai vedere l’oceano sconfinato
      Uno o due alberi con rami come felci
      La sagoma di un trampolino;
      Che tutto sia essenziale e delicato.

      E raffigurami senza veste alcuna
      Un’anima nuda in volo e rilucente
      Che attraverso la mia vita sensibile
      Si tuffa nelle acque dell’oblio.

Traduzione di Francesca Diano

(continua a leggere qui)