Archivi tag: gianni celati

Post-Kult, 2

Londra, settembre 1940, Biblioteca di Holland Park

Continua a leggere Post-Kult, 2

Quaderni delle Officine (XXXII)

Quaderni delle Officine
XXXII. Agosto 2013

quaderno part_ b_n

Luigi Sasso

______________________________
Fantasmi africani (2013)
______________________________

 

***

Fantasmi africani

Gianni Celati

Luigi Sasso

Fantasmi africani

Avventure in Africa è un libro scritto da Gianni Celati e pubblicato nel 1998. Si compone di nove taccuini, nei quali l’autore ha annotato impressioni e riflessioni del suo viaggio, diari presentati «come li ho scritti per strada», si legge nella Notizia che li precede e che serve anche a introdurre i limiti temporali (il gennaio del 1997) e spaziali (dal Mali al Senegal alla Mauritania) del percorso. Celati era accompagnato da Jean Tolon. Scopo dell’iniziativa: la realizzazione di un documentario sui metodi di guarigione dei Dogon. Ma tutto si colloca già dall’inizio in una disposizione un po’ ironica e fiabesca, all’ombra di una citazione dall’Orlando Furioso, che ricorda il vagabondaggio di Astolfo in groppa all’ippogrifo dal mar dell’Atlante ai termini d’Egitto, da un capo all’altro del continente, insomma. Anche il paesaggio che, dai finestrini di un pullman o di qualche auto semiscassata, si rivela agli occhi dei due viaggiatori ha un’ apparenza un po’ stralunata, suggerisce una dimensione di smarrimento: «Ogni casetta o baracca con l’aria di anima persa nella savana, ognuna col suo lumicino da fiaba, tubo al neon di luce smorta o polverosa». Continua a leggere Fantasmi africani

Conversazione con Gianni Celati

Gianni Celati
Alberto Alfredo Tristano

Il professore, alla maniera dell’amato Swift, fa una modesta proposta: far studiare a scuola le Operette morali al posto dei Promessi sposi. Una scelta che ha a che vedere con la sua idea di Italia: «Si parla dei 150 anni dell’Unità, ma non possiamo dimenticare la cecità della cultura piemontese. Cosa fu al sud, quest’Unità, se non una rischiavizzazione dei Savoia?».

Gianni Celati, che ha insegnato linguistica, comparatistica e letteratura in più di un continente, da Princeton a Caen a Bologna, che ha scritto saggi (Finzioni occidentali) e prose di invenzione (Comiche, Parlamenti buffi, Narratori delle pianure), affermandosi come uno dei massimi narratori italiani, oggi fa il libero battitore nei territori del racconto. Non è un neoborbonico del 2010, mai potrebbe, lui nato a Sondrio nel ’37, cresciuto sul Po ferrarese e presto divenuto cittadino del mondo, ma sull’Italia unita e le sue lettere ha un’idea precisa.

Continua a leggere Conversazione con Gianni Celati

Attilio Vecchiatto su Zibaldoni e altre meraviglie

[ZIBALDONI]

Da domani 3 giugno prende il via su “Zibaldoni e altre meraviglie” la pubblicazione di un progetto in memoria dell’attore Attilio Vecchiatto.

Insieme a una testimonianza diretta di Enrico De Vivo e a scritti inediti di Gianni Celati, saranno riproposti, in varie puntate, i “Sonetti del Badalucco”, nella versione a cui l’autore ha lavorato fino alla sua morte.

Continua a leggere Attilio Vecchiatto su Zibaldoni e altre meraviglie

Zibaldoni e altre meraviglie

logo_seconda_serie.gif

Compie cinque anni (dic. 2002 – dic. 2007) “Zibaldoni e altre meraviglie“, a mio parere la più bella rivista letteraria (e non solo) dell’intera rete. A Enrico De Vivo e a tutti i collaboratori vanno i miei auguri e il ringraziamento più sentito per il lavoro prezioso che hanno svolto e che continueranno a svolgere e a regalarci.

Ho il piacere di ripubblicare qui il primo scritto del primo numero (gennaio 2003), che porta la firma di uno dei nostri più grandi scrittori di sempre.

Continua a leggere Zibaldoni e altre meraviglie

Dialogo sulla fantasia – Gianni CELATI risponde a Massimo RIZZANTE

fantasia

Dialogo sulla fantasia
Gianni Celati risponde a Massimo Rizzante

Tratto da www.zibaldoni.it II serie (19 settembre 2005)

Ever let Fancy roam,
Lascia sempre vagar la Fantasia,
Pleasure never is at home.
Il Piacere non ha casa in cui stare.
At a touch sweet Pleasure melteth
A un dolce tocco il Piacer si dissolve
Like to bubbles when rain pelteth
Qual bolla d’aria nella pioggia battente.
Then let wìnged Fancy wander
Lascia dunque che vada l’alata fantasia
Through the thought still spred beyonder her. Continua a leggere Dialogo sulla fantasia – Gianni CELATI risponde a Massimo RIZZANTE