Archivi tag: la camera verde

La luce immutabile

Flavio Ferraro

Testi tratti da:
La luce immutabile
Roma, Edizioni La Camera Verde
Collana “Metra”, 2019

*

E lentamente, in biblioteche
incustodite, a raccogliere
frantumi scorie calchi d’ombra

(le cuspidi forse,
o il precipizio di ogni storia)

inezie in ogni caso,
se basta un acaro
a smentire.

Continua a leggere La luce immutabile

Nyctalopia

Rita Florit

Una poesia intitolata in modo diretto con un termine in cui convivono, senza contrasto, due significati che dovrebbero opporsi – vedere nell’oscurità e il suo contrario, questo significa nyctalopia – indica immediatamente una direzione di lettura verso l’esterna formazione di un mondo e, allo stesso tempo, un’idea di scrittura verso l’interiorità del dire poetico. Un fuori e un dentro che nascono e svolgono il loro cammino rivolgendo lo sguardo con reciprocità continua: lì dove il doppio motivo della luce e del buio ingloba e determina la voce e il mutismo, la vista e la cecità. L’autrice, consapevole che il fare poetico assume su di sé, e in sé produce, un dire che non è disvelamento o nascondimento, ma indicazione di uno sguardo mobile, mostra nei suoi testi un pensiero che è ai fondamenti di un reale visionario, che segna la figura profonda di ciò che sente come un vedere. Continua a leggere Nyctalopia

Quaderni delle Officine (LXXVI)

Quaderni delle Officine
LXXVI. Maggio 2017

quaderno part_ b_n

Elisabetta Perissinotto

______________________________
L’enciclopedia greca del “Tiresia” di Giuliano Mesa (2016)
______________________________

***

Perduta comodità del mondo

Nanni Cagnone

Nanni Cagnone

Quest’ultima età,
l’estrema, di torpidi e desti
sia l’ovunque. Sappiatelo
però, non si ricapitola,
per cedimenti o pendii
di revocate primavere
confusamente si séguita,
invaghiti di frammenti,
ché mai si avrà l’intero,
pace nessuna
complessivamente—solo
un minuzioso districarsi,
inverar filo per cruna
o cogliere acerbo
nuovo tormento
per onorarlo, quasi
un fanciullo ulivo
che si azzardi
in rassegnato suolo,
nell’anafora dei vènti,
in sua pratica consumazione.

 

Nanni Cagnone
Perduta comodità del mondo
Roma, La Camera Verde, 2013

Le lingue della profezia

Giuliano Mesa

Le lingue della profezia
Tiresia” di Giuliano MESA

Tratto da:

Giuliano Mesa
Tiresia (e altre poesie)
Traduzioni di
J. F. Haboud, É. Houser, A. F. Müller, A. Raos,
S. Zanotti
Illustrazioni di
Matias Guerra
Con supporto fonografico contenente la versione dei testi letti dall’autore
Roma, La Camera Verde, Collana “Argento” diretta da Giovanni Andrea Semerano, 2008.

Continua a leggere Le lingue della profezia