Archivi tag: l’arca felice

Alla confluenza dell’attesa

Lorenzo Gattoni

«Scrivere è zittire un’assenza. La nostra vita è costituita dall’assenza, nella duplice forma dell’abbandono e dell’attesa. L’una, quindi, rivolta al passato; l’altra al futuro. Ecco perché la poesia può porsi con esattezza sul crinale di questo equilibrio, capace di tenere assieme gli ingredienti della temporalità e di come essa precipita nell’esperienza. La poesia è questa ricerca di equilibrio, costitutivamente precario, per mantenere il quale sono necessari istanza etica, disciplina del pensiero e volontà conoscitiva, anche di sé. La poesia è quindi ascolto, perché zittire un’assenza significa dare voce al silenzio, al vuoto. Alla nostra perdita.» (Lorenzo Gattoni)

Continua a leggere Alla confluenza dell’attesa

In fuga dal volto

Vincenzo Di Oronzo
Mario Fresa

“E’ una poesia che annuncia e fa risplendere le forme alte dell’archetipo e le infinite direzioni dell’inesplicabile verità che esse mostrano, con l’impiego di una lingua mobile e inquieta, inserita in un fluire magico e trasversale, in cui molto è lasciato, paradossalmente, al non detto, all’appena sussurrato.”

“in fuga dal volto,
il maratoneta si svuota nell’aria”

Continua a leggere In fuga dal volto

Murales

Marco Saya

Sapientemente ironico e sfuggente, pieno di irresoluti interrogativi, di utopie irraggiungibili, di memorie di una gioia che affranca e che dispera: è questo il regno liquido, felicemente malinconico, entro il quale si muove e si esprime Marco Saya, una voce lontana dalle mode, un poeta che sa trasformare la scrittura in uno strano gioco fitto di un’amarezza repentina e, insieme, di un’inattesa e impreveduta felicità. (Mario Fresa)

Continua a leggere Murales