Archivi tag: Mary Ruefle

Scrivere con gli occhi: sulle “erasures” di Mary Ruefle

Scrive Beatrice Seligardi a proposito delle erasures di Mary Ruefle: «Aggiungere il proprio tempo a quello che già esiste, evocato come traccia che appare o scompare attraverso sovraimpressione e cancellatura, su superfici di cui si recupera e si sottolinea la temporalità materiale proprio nel momento in cui la si manipola: è attraverso questi procedimenti che si compone un gruppo di opere che possiamo accostare per affinità ai libri d’artista di Woodman. A Little White Shadow (2006) è un libro della poetessa americana Mary Ruefle,  Continua a leggere Scrivere con gli occhi: sulle “erasures” di Mary Ruefle

Scritto 57

[…]
and Morandi threw what looks like a stone
into one of his bottles, thus painting
the secret of life exposed.
Mary Ruefle, Lillian (vv. 19-21) in Dunce, Wave Books, Seattle 2019

Cominciare, dunque, da un paradosso: il segreto (quel ch’è nascosto, separato e tenuto da parte) della vita esposta (posta fuori) è e non è, contemporaneamente, sotto gli occhi di chi guarda: e il silenzio degli Stillleben morandiani attrae fortemente la scrittura, la pone innanzi alla presenza interrogante e salutare dell’enigma. E del silenzio.

[…] Morandi,
who lived in his mother’s apartment and painted
bottles far into the night.
(ibidem, vv. 12-14)

Dipingere in un appartamento silenzioso fin nel cuore della notte: quel sasso è forse la parola che cerca il ventre fondo e accogliente della bottiglia-recipiente? ma in quale delle bottiglie si trova?
E lo sguardo, c’è lo sguardo che immagina sé stesso vagolare tra quelle bottiglie, scatole, vasi, immergersi tra di loro come s’aggirasse in una città di torri e campanili (ogni natura morta una Bologna frattale, un riposizionamento dei volumi di San Domenico, un ripensare le distanze tra Via Fondazza e l’Accademia). Continua a leggere Scritto 57

Fossili di luce

Francesca Woodman: Untitled, Rome, 1977-1978.
Marianne Breslauer: Défense d’afficher, Paris, ca. 1936.

Lightfossil. Sentimento del tempo in fotografia e letteratura di Beatrice Seligardi (Postmedia books, Milano 2020) è un libro bellissimo: per la sua strutturazione concettuale e il percorso sia conoscitivo che espositivo che segue, per il non lieve impegno di pensiero, per lo stile elegante e raffinato, per la bruciante passione che pur ben si riverbera attraverso il rigore e la precisione scientifica sia dello studio che delle fonti documentali di riferimento, per il tema scelto, per gli artisti di cui si discute.
Sono due citazioni a fare da viatico all’opera; la prima è di uno dei migliori intellettuali e studiosi europei viventi, Georges Didi-Huberman, che nell’Immagine insepolta scrive: «[…] l’abito, lo slancio, la passione e la forza sono in movimento. Ma tutto ciò rimane “latente”, come bloccato in una “semi-immobilità”, fissato nella pietra degli antichi bassorilievi»; il secondo esergo è di Deborah Levy (da The Cast of Living): «”We don’t need to tell the past through flashbacks”, I said, but when asked to explain how it might reveal the past in another way, I found myself stuck for words». Continua a leggere Fossili di luce