Archivi tag: massimiliano damaggio

Poeti Greci contemporanei (VIII)

Λίνα Φυτιλή

Λίνα Φυτιλή
Lina Fytilì

clicca sull'immagine

Lina Fytilì è nata a Làrissa nel 1974. Vive ad Almyrò Magnissìas dove lavora come insegnante di scuola elementare. Nel 1997 pubblica il suo primo racconto, Le notti del gesso incolore. Nel 2011 pubblica il romanzo Ora è tardi. Suoi racconti e poesie sono stati pubblicati su giornali e riviste letterarie e in internet. Collabora con la rivista elettronica Duénde.

Lina Fytilì
Antologia poetica
(Cura e traduzione di Massimiliano Damaggio)

Continua a leggere Poeti Greci contemporanei (VIII)

Poeti Greci Contemporanei (VII)

Manthraspénda

Yiànnis Yfandìs
Γιάννης Υφαντής

clicca sull'immagine

Γιάννης Υφαντής: η ποίηση δημιουργεί τον κόσμο

Yiànnis Yfandìs: la poesia costruisce il mondo

Qualche giorno fa leggevo i commenti di un signore che elencava i molti e calorosi apprezzamenti di poeti quali Elytis, Ritsos e altri allo strano libro “Manthraspénda” dell’allora (1977) esordiente Yiànnis Yfandìs, come a voler legittimare il fatto che si potesse parlare di poesia. Una volta appurato che Ritsos aveva detto sì, allora anche Yfandìs poteva essere considerato poeta. Forse senza quelle illustri opinioni, per il lettore Yfandìs sarebbe anche potuto non essere un poeta, né buono né cattivo. Questo bisogno di conferme nasconde una cosa: l’incapacità nel comprendere cosa sia o non poesia. Secondo Yfantìs può essere qualunque cosa. È una bella verità, ma all’atto pratico molte volte negata. Perché è preferibile buttarsi sul sicuro: considerare un dato argomento, un dato modo di scrivere e un che di poetico: si tratta di poesia. Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (VII)

Poeti Greci Contemporanei (VI)

Nìkos Alèxis Aslànoglou

Nìkos Alèxis Aslànoglou
Νίκος Αλέξης Ασλάνογλου

clicca sull'immagine

Nasce a Salonicco nel 1931. Nell’adolescenza, adotta lo pseudonimo Alèxis del protagonista di “Umiliati e offesi” di Dostoevskij. Dopo gli studi di filologia francese all’università della sua città, divenne condirettore dell’industria tessile del padre, che fallì dopo pochi anni. Partì da Salonicco per continuare i propri studi universitari al Cairo e ad Aix-en-Provence. Svolse molti lavori: bibliotecario, insegnante di lingue straniere e come consulente tecnico nel settore edile. Nel 1980 si stabilì ad Atene, dove è morto nel 1996. Ha scritto soprattutto poesia, pubblicando nove raccolte dal 1954 al 1991, un romanzo e alcuni lavori per il teatro, come sceneggiatore.

(Massimiliano Damaggio)

Nìkos Alèxis Aslànoglou
Antologia poetica
Cura e traduzione di Massimiliano Damaggio

Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (VI)

Poeti Greci Contemporanei (V)

Ηλίας Κωνσταντίνου

Elias Konstantìnou
Ηλίας Κωνσταντίνου

clicca sull'immagine

Nasce a Limassol (Cipro) nel 1957. Per dieci anni è a Londra, dove si laurea e svolge vari lavori, fra cui il più significativo è il tecnico delle luci in discoteca. Fra il 1982 e il 1984 fa avanti e indietro fra Limassol e Atene, per poi ristabilirsi definitivamente nella città natale, dove lavora come bibliotecario fino alla morte, avvenuta nel 95, all’età di 38 anni. Pubblica: “Rame maschile” (1974); “Lettere espresse” (1985); “Etografie cipriote” (1991); “Le imperiali” (1994). E poi non si sa più niente di questo poeta. Si scopre qualcosa leggendo il blog che un amico gli ha dedicato. Io l’ho scoperto dando un’occhiata al sito Thraka, diretto dall’amico Sotirios. Gli avevano dedicato un post con alcune poesie. Mi è piaciuto molto perché lo trovo molto “cipriota”. Vale a dire: una commistione non perfettamente riuscita fra diverse culture che, alla fine, ha creato una non-etnia, cioè una cosa nuova, affascinante, in divenire. Sono curioso di vedere fra molti anni come saranno i ciprioti. Per me, ora sono un’enigma. Trovo che questi testi rappresentino molto bene questo popolo.

Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (V)

Poeti Greci Contemporanei (IV)

Δήμητρα Χ. Χριστοδούλου

Demetre Christodoùlu
Δήμητρα Χ. Χριστοδούλου

clicca sull'immagine

La poesia greca contemporanea che forse più si distingue per forza, linguaggio e coraggio è di genere femminile. Molti conoscono i nomi di Kikì Dimoulà e Katerina Anghelàki-Rouk che, da sole, basterebbero a riempire un intero secolo. Molte altre sono le poetesse che è necessario, almeno per noi, scoprire. Demetra Christodoùlou è una di queste. Leggendola mi viene in mente un altro poeta: Drummond de Andrade e il suo “Congresso internazionale della paura”. La paura e, peggio, il terrore, e le sue conseguenze, sono, mi pare, l’architettura della poesia della Chistodoùlou, almeno dell’ultima produzione.

È semplice: Il terrore non ti fa morire.
Il terrore ti fa solo rinascere.

Dai versi emergono, anzi riemergono, i frammenti di un mondo frammentato dalla paura. I versi stessi sono un elemento di frammentazione: tutto, e tutti, cercano una ricomposizione. Se la forza della lingua sta nel decodificare quello che ci sta intorno, e dentro, è qui che sta il coraggio della Christodoùlou: una ricostruzione di tutto, e tutti, attraverso il linguaggio. Purtroppo non posso proporre un’intera sua raccolta ma, facendolo, salterebbe agli occhi chiaramente questa funzione di cura della sua poesia. Dalla paura del caos, gli uomini stanno, disfacendosi:

Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (IV)

Poeti Greci Contemporanei (III)

Vassìlis Laliòtis - Masenka

Vassìlis Laliòtis
(Βασίλης Λαλιώτης)

clicca sull'immagine

Condannato alla poesia

Ciò che subito si sente in Vassìlis Laliòtis è l’urgenza. La si sente anche incontrandolo. Parla molto veloce, è agitato, è impegnato in molte cose. Scrive poesie; traduce magnificamente dallo spagnolo; cura diversi blog di critica, di proposta letteraria e di interesse musicale; dirige una piccola casa editrice che pubblica autori di qualità, soprattutto giovani. Un ipercinetico. Una figura grossa, la sua, oltre che per stazza fisica, anche in campo poetico dove è ufficialmente riconosciuto come una voce significativa. Sicuramente, la frequentazione della poesia latino americana lo ha segnato, almeno dal punto di vista espressivo. Laliòtis è quanto di più lontano si possa immaginare dalla tradizione greca di una poesia “piana” e senza eccessi. Laliòtis è eccessivo, perché ha urgenza di verificare l’aderenza fra la realtà contemporanea e l’uomo che la deve reinterpretare attraverso le parole. Ha anche urgenza di liberarsi delle parole:

di mani e schiena ha bisogno il futuro del mondo
non di queste cazzo di mie parole impotenti
che diano una prospettiva di dignità a ciò che verrà.

Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (III)

Poeti Greci Contemporanei (II)

Nikos

Nikos Karùzos
(Νίκος Καρούζος)

clicca sull'immagine

La poesia arriva, non solo nei momenti ma soprattutto nei modi più inattesi. Per questo apro questa breve presentazione a Karùzos con una fotografia. Si tratta di un murales nel quartiere di Exàrchia, ad Atene, dove sono vissuto qualche tempo. Una mattina del 1999 tornavo da una ubriacatura notturna, percorrevo odòs Kallidromìu, davvero la più bella via di Atene, questo significa il suo nome, e caddi ai piedi di una scalinata. Rialzadomi, vidi il murales. Sarà stata la condizione alcolica, probabilmente, ma questi primi versi mai letti in vita mia di Karùzos mi colpirono con efficacia: “Povertà, fuoco, veleno questo luogo. / Piroghe i greci nei colori delle epigrafi / e l’amore ultima speranza”. Direi che la condizione dell’ubriacatura, del tutto casuale quella mattina, la continuo a riscontrare ogni volta che rileggo Karùzos, ovviamente da sobrio. Un po’ per il continuo disorientamento che mi causa la sua scrittura. Molto perché mi ci sento in sintonia visivamente, nelle immagini sconnesse che costruisce, e che costruiscono quasi una filosofia, enormemente pagana, estratta da ciò che di invisibile ci compone e ci gira intorno. Dice, in un’intervista: “Ho costruito le mie basi (poetiche, di scrittura n.d.a.) dagli studi scientifici perché, come l’arte, sopravviveranno di diritto nel futuro”. Aggiunge: “Io non sono mai stato un iperrealista, ma non ho mai potuto capire la mancanza della chiarezza”. Mai stato iperrealista, mai stato schierato, almeno nell’arte. “Non credo serva schierarsi, in poesia. Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (II)

Poeti Greci Contemporanei (I)

Yòrgos Chronàs

Yòrgos Chronàs
(Γιώργος Χρονάς)

clicca sull'immagine

Yòrgos Chronàs è considerato fra i maggiori poeti contemporanei greci. Nasce nel ’48 al Pireo e a vent’anni circa si trasferisce ad Atene. Pubblica il primo libro nel ’73. Il secondo, l’anno dopo, glielo finanzia Mànos Chatzidàkis, che gli procura anche un breve spazio di 15 minuti alla radio nazionale, sul terzo canale. Il programma si chiama “Odòs Pànos” (via Pànos). Da allora, non si contano gli interventi nella vita culturale del paese di Chronàs, talmente tanti sono. Pubblica 20 libri fra poesia, prosa e teatro. Continua le trasmissioni radiofoniche. Fonda una rivista letteraria (Odòs Pànos) e l’omonima casa editrice. Scrive anche canzoni, circa un centinaio, musicate da Chatzidàkis e altri nomi della musica contemporanea greca. Forte e influente è la sua presenza nelle lettere del paese. Più o meno nel 1970, conosce in un caffè del Pireo Michàlis Katsaròs che gli segna la vita poetica, come egli stesso sottolinea, a tal punto da dire, in un’intervista per la ERT (la RAI greca): “Molto di quello che ho scritto è dedicato, direttamente o non, a Katsaròs; non ho problemi nel dirlo”. Lo segna nel linguaggio, scarno, diretto, piano. Ma mentre Katsaròs è anche poeta di un linguaggio diretto di denuncia, Chronàs non fa da megafono ma da regista. “Quello che c’è nei miei testi non sono io; è quello che mi gira intorno. Può darsi che però, alla fine, sia anche io.” Chronàs viene definito “poeta delle piccole cose” ma in sostanza è un trasfiguratore della realtà, che prende il via da qualsiasi piccola cosa gli giri intorno. Continua a leggere Poeti Greci Contemporanei (I)

Ποιείν-RebStein

Poiein

Massimiliano Damaggio

Parte oggi una collaborazione fra due siti di poesia di due diversi paesi europei. Uno è questo: Reb Stein. L’altro è tra i più importanti, e seguiti, siti della Grecia: Poiein (si legge piìn). Questi due luoghi dedicati alla poesia hanno diverse cose in comune. Primo, la varietà di una proposta di qualità. Secondo, sono uno spazio realmente aperto ai liberi interventi di tutti. Poi, sono gestiti in modo (quasi) artigianale dai rispettivi Francesco Marotta e Sotìrios Pastàkas, due ottimi poeti che hanno sentito la necessità di farsi “propositori” e non soltanto fruitori/scrittori di poesia. Sono convinto che l’alto numero di lettori che entrambi i siti hanno sia dovuto alla sincera passione senza tornaconto (non economico, ovviamente) che i due hanno infuso nel proprio progetto. Questa è l’altra cosa che hanno in comune e che risulta fondamentale per le grandi vivacità, vitalità e bellezza dei due luoghi.

Continua a leggere Ποιείν-RebStein

Fabio Franzin, Fabrica e altre poesie

Fabio Franzin, Fabrica

Massimiliano Damaggio
Fabio Franzin

Fabio Franzin, Fabrica

Massimiliano Damaggio
Su Fabrica e altre poesie di Fabio Franzin.

Posso, senza armi, rivoltarmi?”(1) Lo scrive Drummond de Andrade. Io credo nella parola, poetica oppure non, credo fortemente che abbia ragione Ferreira Gullar quando dice:

Ora, io so molto bene che la poesia
non cambia (subito) il mondo
(2)

Continua a leggere Fabio Franzin, Fabrica e altre poesie

Quaderni di Traduzioni (XIV)

Quaderni di Traduzioni
XIV. Marzo 2013

39__Lora-Totino_-_La_biblioteca_di_Babele

Sotìris Pastàkas

______________________________
Antologia Poetica (1990-2012)
______________________________

 

***

Μια θέση στην ιστορία (Un posto nella storia)

Alexandros Grigoropoulos

Sotìris Pastàkas

Ho incontrato Pastàkas per la prima volta più di un anno fa, in un ristorante di Chalàndri. Di nome lo conoscevo già. Avevo letto alcune sue poesie. Quando passavo da una libreria mi dicevo: devo comprare un suo libro. Non l’avevo mai fatto perché in quel preciso momento in cui pensavo: devo comprare un suo libro, succedeva sempre qualcosa: suonava il telefono, non trovavo posto per il parcheggio, ero in ritardo, c’era uno scontro in piazza. Quando ci siamo conosciuti, gliel’ho detto, e lui si è messo a ridere. E’ uno che sorride continuamente. Il giorno dopo, mi ha mandato tutte le poesie via mail.

Continua a leggere Μια θέση στην ιστορία (Un posto nella storia)

Marilena e Lucia

Felice Carena, Lo specchio, 1928

Lucia Marilena Ingranata

Lucia raduna i morti in un cassetto
lascia che parlino tra loro
l’argomento è ostico

lei prepara un nido, dice che i passeri
avranno freddo, non crede alla clemenza
del buon Dio.

Tra me e il suo cuore c’è una coda di gente
in attesa però ci alziamo presto
come se avesse nevicato.

Continua a leggere Marilena e Lucia